Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Pecore alla diossina, la Puglia ordina: abbattetele

Stanziati 160 mila euro. Il Tar di Lecce ha giudicato ammissibile il referendum sull'attività dell'acciaieria. Delibera della Regione: 1.200 animali vittime dell'inquinamento dell'area Ilva. Le sette masserie «maledette » distano dall'Ilva non più di un paio di chilometri e ne respirano i miasmi.
10 ottobre 2008
Carlo Vulpio
Fonte: Corriere della Sera

- STATTE (Taranto) — La punta dell'iceberg del disastro da diossina provocato dal centro siderurgico più grande d'Europa è la masseria di Angelo Fornaro e figli, Vincenzo e Vittorio, in contrada Carmine. Una masseria dell'Ottocento in un posto bellissimo, dove l'estate dura quattro mesi e la primavera sei. E dove le pecore sono felici, perché l'erba è verde e abbondante.

Ma quelle pecore, 500, l'intero allevamento dei Fornaro, sono contaminate e verranno abbattute. «Contaminazione da diossina », dice la deliberazione della giunta regionale pugliese, che ha deciso l'abbattimento di ben 1.200 animali, distribuiti in sette allevamenti.

Le sette masserie «maledette » distano dall'Ilva non più di un paio di chilometri e ne respirano i miasmi. Ma l'area fortemente sospettata di contaminazione è quella «ricadente in un raggio di almeno 10 chilometri dal polo industriale ». Dopo i primi risultati «positivi» però i controlli si sono improvvisamente fermati. Perché?
«Hanno paura di scoprire il disastro», dice Vincenzo Fornaro.

I 1.200 animali sono risultati indenni da malattie infettive. Ma la diossina è un'altra cosa. Nell'aria di Taranto ne finiscono circa 200 grammi all'anno, una quantità enorme, e poiché la diossina si «accumula», a Taranto ce ne sono 9 chili, il triplo di quanta ne sprigionò la nube tossica di Seveso nel 1976.

La morte per diossina è una morte «inedita» anche per gli animali, e infatti le norme sanitarie prevedono risarcimenti soltanto per i focolai di alcune malattie infettive. Sette allevamenti azzerati oggi, e chissà quanti altri in futuro, sono la prova di una emergenza reale e gravissima. Ecco quindi la ragione del «risarcimento » di 160 mila euro (spese di smaltimento incluse) previsto dalla Regione Puglia per le 1.200 pecore e capre da abbattere.

«Da oggi sappiamo che una pecora o una capra contaminata dalla diossina "vale" 133,3 euro lordi», commenta con amarezza Vincenzo Fornaro. Le cinquecento pecore della sua masseria condannate a morte, che pure danno da vivere alle tre famiglie dei Fornaro e ad altre quattro famiglie romene («Tutti rigorosamente in regola»), saranno liquidate con 66 mila euro. Una miseria. Ma anche una somma dieci volte più grande non risolverebbe il problema.

Prendiamo le tre donne tarantine il cui latte materno, qualche mese fa, risultò contaminato dalla diossina. O i cinque volontari tarantini che si sono sottoposti ad analisi e hanno «scoperto» di avere i valori più alti del mondo di diossina: non potendoli abbattere come le pecore, non c'è risarcimento che possa eliminare il rischio concreto della trasmissione della contaminazione. «La diossina — dice Patrizio Mazza, primario di ematologia a Taranto — è genotossica, colpisce il Dna e si può trasmettere ai figli».

In questi giorni, dopo che il Tar di Lecce ha giudicato ammissibile il referendum cittadino sull'acciaieria, fra i 13 mila dipendenti Ilva si è creata una spaccatura drammatica, tra chi difende la salute e chi il posto di lavoro. Un dilemma che non si pone nel quartiere Tamburi, ventimila persone, il più vicino all'Ilva e il più inquinato della città. Il Tamburi è chiamato il «quartiere dei morti viventi».

Qui, i tumori hanno falcidiato intere famiglie e la gente sa da che parte stare. E lo sanno anche i Fornaro. «Se servisse a salvare Taranto, scanneremmo tutti i nostri animali senza chiedere un soldo — dicono —. La verità è che l'unica cosa da abbattere sono le emissioni di diossina. Lo sanno bene anche i politici locali, come Poli Bortone, Vendola, Franzoso, ai quali abbiamo scritto più volte senza mai ricevere risposta».

Già, le emissioni. Il limite, in Italia, è di 100 nanogrammi per metro cubo. In Europa è 0,4 e in Germania sono scesi a 0,1. Ora, davanti all'ordine di abbattimento del bestiame, Vincenzo Fornaro ha gli occhi lucidi: «L'acciaieria l'ho vista nascere — dice —, ero un ragazzino. Ci portò via cento ettari di terra, oliveti e vigneti, e la odiai subito. Ma oggi la odio con tutte le mie forze perché ha avvelenato la mia terra, i miei animali, la mia anima».

Note: http://link.rai.it/x/vod/news/08ott/asx/20081010135431mpo40jftg1_ed_13_30_10_10_12_pecore_e_diossina-rainet.asx">
TARANTO SUL TG1 - 1200 pecore da abbattere

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)