Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il disastro ambientale in Puglia e l'inchiesta di Primo Piano su RAI 3

L'Immagine della Puglia è oggi irrimediabilmente associata alla diossina, alle polveri sottili, alle morti bianche, al fetore delle discariche con un danno non quantificabile per l'economia agricola e turistica del territorio.
16 ottobre 2008

- Il terribile inquinamento del territorio Pugliese e le ripercussioni sui cittadini. Questo il tema dell'inchiesta di Primo Piano "Te Le Canto Tutte" realizzata da G. Galleano andato in onda il 14 ottobre u.s. su RAI 3. Una iniziativa della band salentina Sud Sound System e della Lega Contro I Tumori di Lecce. Lo speciale ha visto la preziosa collaborazione di artisti pugliesi come Caparezza e le testimonianze di Lega Ambiente, Regione Puglia, Associazione 12 Giugno e altre realtà del territorio.

L'allarme è ormai altissimo. Un territorio martoriato dall'inquinamento e che raccoglie le tre più grandi fabbriche (Ilva di Taranto, centrale Enel di Cerano e petrolchimico di Brindisi) che emettono il più alto tasso di CO2 in Italia e il tasso più alto di diossina.

La sola Ilva emetterebbe circa un terzo della diossina ufficialmente censita in Italia. Una situazione intollerabile che miete vittime da troppo tempo , in virtù di un ricatto occupazionale a cui si è pagato e si continua a pagare un prezzo immane.

Il nostro mare, i nostri cieli, il nostro sole che il mondo intero ci invidiava, sembrano essere ormai un lontano ricordo, una istantanea sbiadita. L'Immagine della Puglia è oggi irrimediabilmente associata alla diossina, alle polveri sottili, alle morti bianche, al fetore delle discariche con un danno non quantificabile per l'economia agricola e turistica del territorio.

Come convincere il turista a venire in vacanza in Puglia? Come convincere il consumatore ad acquistare i nostri prodotti, quando anche gli stessi pugliesi evitano di acquistarne? Oltre al disastro ambientale la Puglia dovrà fare ben presto i conti con una economia in ginocchio la cui ripresa sarà di difficile attuazione.

Ma come è potuto accadere tutto questo? Dov'erano coloro che avrebbero dovuto vigilare? Quis custodiet ipsos custodes?

Il governatore della Puglia, Nichi Vendola, nello speciale affermava: "O l'Ilva cambia passo e si mette in sintonia con la domanda che sale da tutto il Salento e, quindi, ambientalizza qui, ora, gli impianti oppure noi, Ente Regione, ci metteremo di traverso e, difficilmente, l'AIA potrà essere data se non al prezzo di un conflitto istituzionale senza precedenti". Parole che ci lasciano timidamente sperare e che, ci auguriamo, trovino un riscontro nelle azioni concrete a breve termine.

L'oncologo Serravezza dal canto suo ribadiva, cifre alla mano : "negli ultimi dieci anni i tumori in Puglia sono aumentati del 30 per cento e sono linfomi, leucemie, tumori a vescica e polmoni, tutti direttamente riconducibili a cause ambientali, dalla diossina sprigionata dall’Ilva agli ossidi di azoto e zolfo di Cerano, che il vento porta su tutto il Salento"

Il vento...

Mentre il relatore parlava, sembrava di sentirlo soffiare "lu ientu refulu" , quel soffio d’aria gelida che ti sfiora, improvviso, cattivo e che ti mozza il respiro facendoti restare immobile mentre un lungo brivido ti corre lungo il corpo e ti lascia li, tremante, mentre un terrore senza nome si impadronisce dei tuoi sensi e si insinua, subdolo, nell’anima…quel soffio d'aria gelida che si sta insinuando nelle case dei pugliesi e si sta portando via, in un'orrida danza, il sorriso il calore la vita delle genti di Puglia....

Te ddru vinne stu ientu refulu
te lu mare, te la marina
e trasiu 'ntra quista casa
se purtau la meju cima...

Note: IL VIDEO di Primo Piano "Te Le Canto Tutte" andato in onda il 14 ottobre u.s. su RAI 3.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)