Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Peacelink: Un percorso comune per difendere il diritto al futuro

Pubblichiamo l'intervento di Peacelink al Convegno di Medicina Democratica: «E' importante allearsi e fare fronte comune; Nei momenti più difficili Medicina Democratica si è sempre distinta. Ecco perché PeaceLink vuole accompagnare Medicina Democratica nella sua lotta».
17 ottobre 2008
Alessandro Marescotti

- Cari amici di Medicina Democratica,

avrei tanto desiderato essere con voi. Ma per un'operazione chirurgica non grave devo rimanere a casa per un po' di tempo. Leggerà questo intervento Pietro Mottolese, di PeaceLink. Piero è un ex-operaio che ha lavorato proprio nell'impianto di agglomerazione dell'Ilva. E' l'impianto che sforna quell'enorme quantità di diossina di cui si parla in questi giorni. Piero ha calpestato le polveri di diossina che hanno avvolto in questi anni, come nubi di borotalco finissimo, gli operai.

Piero è stato in questi mesi il nostro operaio-guida ed è stato lui a trovare il formaggio contaminato da diossina. Da lì è nato il "caso diossina". L'operaio Bortolozzo è stato per Medicina Democratica una guida. Così Piero è stato per PeaceLink: un riferimento all'interno del mondo operaio.

Questo è un momento decisivo per la salute pubblica. La lotta che conduciamo a Taranto è una lotta non locale ma è una lotta generale. L'ARPA ha accertato livelli di inquinamento di IPA e benzoapirene, specie al quartiere Tamburi, che non hanno raffronti in Europa. I picchi di emissione avvengono di notte, mentre i cittadini dormono e non vedono.

A Taranto viene riversata inoltre una quantità di diossina, proveniente dall'ILVA, pari al 92% del totale nazionale certificato dal registro ufficiale INES che censisce le emissioni industriali. Questo dato del 92% è tratto dalle recenti stime INES da poco pubblicate sul sito del Minisetro dell'ambiente. Quindi siamo passati dal 90,3% al 92%. Inoltre l'Ilva stessa dichiara di aver riversato nell'ambiente oltre 2 tonnellate di mercurio (nel solo 2005) che è neurotossico.

La produzione "a caldo" più inquinante rifiutata a Genova è stata trasferita a Taranto in questi anni provocando un incremento delle emissioni inquinanti certificate dal registro INES. Ad esempio l'arsenico scaricato nell'ambiente è aumentato di quasi 9 volte dal 2002 al 2005.

Ma anche le altre aziende dell'area industriale presentano criticità di rilievo. Ad esempio i serbatoi dell'Agip emanano esalazioni (chiunque percepisce "a naso" la puzza di greggio anche solo passando di sfuggita nella zona) per via della cattiva tenuta dei serbatoi stessi. E la Cementir ha chiesto nella nuova autorizzazione a produrre di poter bruciare rifiuti nel processo produttivo, divenendo un grande cementificio-inceneritore.

I tumori in città e provincia sono in costante aumento, come pure i casi legati all'autismo. I medici constatano un aumento di patologie a carico della tiroide. E anche le banali allergie, esplose specie fra i bambini di Taranto, hanno una correlazione con le polveri sottili abbondantemente presenti nell'aria, in quanto predispongono l'organismo alle infiammazioni magari provocate da agenti anche naturali (polline, ecc.).

La combinazione fra emissioni industriali e normali patologie fa sì che l'inquinamento sia un moltiplicatore delle malattie. Anche di quelle che non nascono direttamente dall'inquinamento. E anche gli stili di vita errati (come il fumo da sigaretta) provocano danni ancora maggiori se si combinano con - tanto per fare un esempio - l'inalazione di fibre d'amianto: dieci sigarette fumate a Taranto fanno più danno che dieci sigarette fumate a Bolzano. L'impatto del cocktail micidiale di sostanze cancerogene, mutagene e teratogene a spasso per l'ambiente non ci può lasciare indifferenti.

Padre Zanotelli a Brindisi: «Non si taccia su pericolo rifiuti»
ROMA - Durante il VI Congresso nazionale di Md (medicina democratica) in corso a Brindisi Padre Alex Zanotelli ha espresso il suo dissenso nei confronti delle schedature, delle denunce e dei processi nei riguardi dei manifestanti campani contro le discariche.

“Se i responsabili della salute non faranno sentire la loro voce contro i rischi derivanti dall’incenerimento dei rifiuti, come hanno fatto invece i medici francesi – afferma in una nota di Medicina democratica – assisteremo a quanto abbiamo già vissuto negli anni '60 e '70 con l’amianto: tutti sapevano della suapericolosità ma nessuno ha fiatato”.

“Il destino del Sud non è affatto roseo – ha proseguito Padre Zanotelli – in mano come è alla criminalità ed alla ndrangheta in particolare, da vent'anni il Sud è ricettacolo di tutte le nocività dell’industria del Nord. Il sistema medico è ammutolito di fronte al pericolo per la salute costituito dagli inceneritori”.

“L'esercito in Campania – ha concluso – si sarebbe dovuto mandare in altri tempi per bonificare le discariche, non per reprimere il diritto alla libertà di espressione e di tutela del diritto alla salute”.

Il dott. Patrizio Mazza, ematologo di Taranto, parla esplicitamente di un possibile effetto genotossico sulle future generazioni nel caso in cui vengano intaccate le cellule germinali dei giovani. Noi non sappiamo fino a che livello l'inquinamento della grande industria è penetrato nella falda acquifera e quanto di quei veleni sia entrato nei prodotti agricoli. E' importante allearsi e fare fronte comune.

Da qui a poco verranno rilasciate le nuove autorizzazioni industriali. I cittadini e le associazioni hanno potere di intervento proponendo al Ministero dell'Ambiente delle "osservazioni". Le aziende sono obbligate dalla normativa europea (la normativa IPPC recepita dalla normativa AIA) ad adottare le migliori tecnologie disponibili per ridurre al massimo le emissioni.

E' venuto il momento di esercitare tutto il nostro potere di cittadini, di dare forza e visibilità al nostro senso etico oltre che ai nostri diritti. E' il momento di esercitare la nostra responsabilità verso gli altri, verso i bambini in particolare e verso chi dovrà ancora nascere. E' in gioco il diritto alla salute, all'ambiente e alla vita stessa.

Nei momenti più difficili Medicina Democratica si è sempre distinta. Ecco perché questo PeaceLink vuole accompagnare Medicina Democratica nella sua lotta.

Dobbiamo essere uniti. Buon lavoro!

Vi saluto con affetto

Alessandro Marescotti
cell. 3471463719

Articoli correlati

  • Acciaio: il ministro Patuanelli parla nuovamente di "miliardi di tonnellate" al posto di "milioni"
    MediaWatch
    Errore già ripetuto a marzo, sempre sulla produzione annua dell'industria siderurgica nazionale

    Acciaio: il ministro Patuanelli parla nuovamente di "miliardi di tonnellate" al posto di "milioni"

    Sulla produzione annua di acciaio del ciclo a caldo da parte dell'Italia, Patuanelli parla di "solo 6 miliardi di tonnellate di acciaio provenienti dalle lavorazioni a caldo" quando la produzione mondiale annua di acciaio non arriva ai due miliardi di tonnellate annue.
    28 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il ministro Gualtieri non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale sull'ILVA
    MediaWatch
    Fact-checking

    Il ministro Gualtieri non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale sull'ILVA

    "Stato pronto a coinvestire" per "una Ilva forte, che produca tanto" è una dichiarazione riferita da fonti sindacali non identificate. Nessun tweet di Gualtieri. Se intervenisse lo Stato, verrebbero scaricate sui contribuenti le perdite dell'ILVA, che ammontano a cento milioni di euro al mese
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • "ILVA è la peggiore operazione mai fatta da ArcelorMittal"
    Ecologia
    Fuga da Taranto

    "ILVA è la peggiore operazione mai fatta da ArcelorMittal"

    "Un Vietnam", così Il Sole 24 Ore definisce Taranto. "Una bomba a orologeria piazzata nei conti del gruppo ArcelorMittal"
    24 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • La siderurgia è oggi veramente strategica?
    Economia
    Attualmente il mercato dell'acciaio ha un eccesso di capacità produttiva e varie acciaierie chiudono

    La siderurgia è oggi veramente strategica?

    La siderurgia era strategica ad esempio quando l'Italia si unificò, nel 1861. A quel tempo la produzione siderurgica nazionale era di 30.000 tonnellate/anno. L'Austria produceva 230.000 t/a, il Belgio 312.000 t/a, la Germania 592.000 t/a, il Regno Unito 3.772.000 t/a. L'acciaio prodotto non bastava.
    23 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)