Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il “caso diossina” affrontato in Commissione Regionale

I componenti hanno chiesto informazioni sulle ultime vicende che riguardano il capoluogo ionico ed i 1.300 capi da abbattere. L'abbattimento del bestiame intossicato dovrebbe avvenire in un mattatoio nel Barese.
21 ottobre 2008
Fonte: Corriere del Giorno

- La Commissione regionale della Sanità ha incontrato ieri, a Bari, il dirigente del Dipartimento di prevenzione dell'Asl di Taranto, dottor Michele Conversano. In una lunga riunione protrattasi anche nel pomeriggio, è stato affrontato il “caso diossina di Taranto”. La Commissione presieduta da Leonardo Marino, e che ha tra i componenti anche i tarantini Cosimo Borraccino (Pdci) e Paolo Costantino (Pd), ha voluto essere informata sulle ultime vicende che riguardano il capoluogo ionico ed in particolare sull'ottavo allevamento posto sotto vincolo sanitario ed il prolungarsi dei tempi per l'abbattimento dei 1.300 capi tra pecore, capre, agnelli e caprette che sono risultate, dopo test mirati, con valori di diossina e pcb non conformi alle quantità previste dalla legge.

Mentre gli allevatori continuano a lamentare i costi che devono affrontare, visto il divieto impostogli (per sette di loro da ormai molti mesi) di mantenere in vita gli animali e di non venderli nè vivi nè macellati, così come non possono vendere latte e formaggi, sembra che l'Asl di Taranto abbia finalmente trovato un accordo per la macellazione e la distruzione di tutti i capi.

L'operazione dovrebbe avvenire in un mattatoio nel Barese. L'abbattimento degli otto allevamenti dovrebbe essere sempre più prossimo. Tutto sarebbe ancora da definire perchè non sarebbe completa la documentazione per l'avvio della macellazione.

Il bestiame dei diversi allevamenti, secondo quanto accertato dagli ispettori del Dipartimento di prevenzione dell'Asl di Taranto che dallo scorso mese di febbraio stanno effettuando verifiche e prelievi, era per la maggior parte dei casi portato a pascolo in prossimità della zona industriale di Taranto, quasi a ridosso dell'impianto siderurgico.

Gli allevamenti sono tutti compresi tra Statte e Taranto, tranne l'ultimo che è in zona Buffoluto. Ed è proprio quest'ultimo caso a far sorgere nuove perplessità. Se prima era infatti stata accertata un'area a rischio entro un raggio di circa cinque chilometri dalla zona industriale, l'allevamento in zona Buffoluto ha fatto allargare l'area a rischio sino ad un raggio di dieci chilometri.

Per gli animali che dovranno essere macellati e distrutti la giunta regionale ha deliberato un provvedimento straordinario per uno stanziamento pari a 160mila euro. Una cifra che dovrà comprendere le spese di trasporto, quelle dell'abbattimento e distruzione degli animali. Sottratti tali costi, la somma rimanente sarà divisa tra gli otto allevatori quali indennizzo per la macellazione del bestiame sottoposto a vincolo sanitario.

Articoli correlati

  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
  • "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”
    Processo Ilva
    Processo ILVA, quinto giorno di requisitoria del PM Mariano Buccoliero

    "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”

    “La diossina degli elettrofiltri” del siderurgico di Taranto “la ritrova all’esterno in ogni matrice analizzata”. Per il processo 'Ambiente Svenduto' l'accusa è quella di "disastro ambientale" ed è mossa contro l’Ilva gestita dai Riva. I fatti contestati partono dal 1995 per arrivare al 2012.
    9 febbraio 2021
  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)