Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il “caso diossina” affrontato in Commissione Regionale

I componenti hanno chiesto informazioni sulle ultime vicende che riguardano il capoluogo ionico ed i 1.300 capi da abbattere. L'abbattimento del bestiame intossicato dovrebbe avvenire in un mattatoio nel Barese.
21 ottobre 2008
Fonte: Corriere del Giorno

- La Commissione regionale della Sanità ha incontrato ieri, a Bari, il dirigente del Dipartimento di prevenzione dell'Asl di Taranto, dottor Michele Conversano. In una lunga riunione protrattasi anche nel pomeriggio, è stato affrontato il “caso diossina di Taranto”. La Commissione presieduta da Leonardo Marino, e che ha tra i componenti anche i tarantini Cosimo Borraccino (Pdci) e Paolo Costantino (Pd), ha voluto essere informata sulle ultime vicende che riguardano il capoluogo ionico ed in particolare sull'ottavo allevamento posto sotto vincolo sanitario ed il prolungarsi dei tempi per l'abbattimento dei 1.300 capi tra pecore, capre, agnelli e caprette che sono risultate, dopo test mirati, con valori di diossina e pcb non conformi alle quantità previste dalla legge.

Mentre gli allevatori continuano a lamentare i costi che devono affrontare, visto il divieto impostogli (per sette di loro da ormai molti mesi) di mantenere in vita gli animali e di non venderli nè vivi nè macellati, così come non possono vendere latte e formaggi, sembra che l'Asl di Taranto abbia finalmente trovato un accordo per la macellazione e la distruzione di tutti i capi.

L'operazione dovrebbe avvenire in un mattatoio nel Barese. L'abbattimento degli otto allevamenti dovrebbe essere sempre più prossimo. Tutto sarebbe ancora da definire perchè non sarebbe completa la documentazione per l'avvio della macellazione.

Il bestiame dei diversi allevamenti, secondo quanto accertato dagli ispettori del Dipartimento di prevenzione dell'Asl di Taranto che dallo scorso mese di febbraio stanno effettuando verifiche e prelievi, era per la maggior parte dei casi portato a pascolo in prossimità della zona industriale di Taranto, quasi a ridosso dell'impianto siderurgico.

Gli allevamenti sono tutti compresi tra Statte e Taranto, tranne l'ultimo che è in zona Buffoluto. Ed è proprio quest'ultimo caso a far sorgere nuove perplessità. Se prima era infatti stata accertata un'area a rischio entro un raggio di circa cinque chilometri dalla zona industriale, l'allevamento in zona Buffoluto ha fatto allargare l'area a rischio sino ad un raggio di dieci chilometri.

Per gli animali che dovranno essere macellati e distrutti la giunta regionale ha deliberato un provvedimento straordinario per uno stanziamento pari a 160mila euro. Una cifra che dovrà comprendere le spese di trasporto, quelle dell'abbattimento e distruzione degli animali. Sottratti tali costi, la somma rimanente sarà divisa tra gli otto allevatori quali indennizzo per la macellazione del bestiame sottoposto a vincolo sanitario.

Articoli correlati

  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)