Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sì a rinnovabili, no a nucleare Accordo tra Piemonte e Puglia

L'accordo stipulato dai due governatori Nichi Vendola e Mercedes Bresso, punta a stabilire un'intesa, con scambio di informazioni e conoscenze, per la durata di cinque anni. Con un obiettivo particolarmente ambizioso: definire un piano multiregionale di investimenti che sarà presentato al governo.
25 ottobre 2008
Francesco Strippoli
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

.
BARI — C'è il progetto «aquilone»: lunghe vele per catturare la forza del vento a 800 metri di altezza. E c'è anche il progetto sulla «foglia artificiale» che mira a imitare il principio della fotosintesi. Vento e sole. In un un caso e nell'altro, lo scopo è produrre energia pulita, quella che proviene da fonti rinnovabili.

C'è anche questo nei propositi comuni delle Regioni Puglia e Piemonte che ieri a Torino hanno firmato un accordo di programma.

L'hanno stipulato i due governatori Nichi Vendola e Mercedes Bresso: entrambi accomunati dalla aperta ostilità alla produzione di energia dal nucleare; entrambi a capo di governi regionali profondamente impegnati nella produzione energetica da fonti rinnovabili.

L'accordo punta a stabilire un'intesa, con scambio di informazioni e conoscenze, per la durata di cinque anni. Con un obiettivo particolarmente ambizioso: definire un piano multiregionale di investimenti che sarà presentato al governo. Come dire, una concentrazione di sforzi e di risorse per sviluppare tecnologie innovative. E anche per dare una scossa all'economia in rallentamento.

La presidente Bresso è stata esplicita: «Nonostante l'abbondanza di sole e vento - ha sottolineato - l'Italia è ultima in Europa. Questa collaborazione servirà a colmare un ritardo, orientando le nostre economie a crescita zero (come in gran parte dell'Occidente) verso settori destinati ad una crescita impetuosa. La Germania ha investito fortemente sul solare. Lì, oggi, la produzione di pannelli solari cresce al ritmo del 40% all'anno».

Vendola ha ricordato che proprio in Piemonte, a Trino Vercellese, è cominciata la sua battaglia contro il nucleare. Quanto alle fonti tradizionali, il governatore è pessimista. «Il petrolio - ha sottolineato - rappresenta un'ipoteca sulla desertificazione del Mediterraneo. Non vogliamo rimanere vittime di un modello di sviluppo antieconomico, antiecologico, antiumano».

Gli obiettivi previsti dal protocollo sono vari e ampi: riguardano l'impegno a predisporre regole semplici e trasparenti per promuovere le fonti rinnovabili e il risparmio energetico; a progettare case e luoghi di lavoro eco-sostenibili; a promuovere la riduzione dell'intensità energetica nella produzione; l'uso dei mezzi pubblici di trasporto e dei veicoli non inquinanti; una produzione agricola locale attenta ai valori e alle risorse ambientali. Le due Regioni, inoltre, si impegnano a mettere in campo azioni per impegnare i produttori di energia da fonti tradizionali a convertire il 20% della loro produzione globale.

Articoli correlati

  • Chi volle la legge sulla diossina in Puglia
    Ecologia
    Fact checking

    Chi volle la legge sulla diossina in Puglia

    Oggi l'avvocato dell'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto l'assoluzione del suo assistito rivendicandone i meriti ambientali, fra cui quello di aver voluto la legge regionale sulla diossina e di aver richiesto un'autorizzazione ambientale più rigorosa. E' vero o no?
    9 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione
    Processo Ilva
    “Il governo di Vendola è stata veramente una primavera pugliese per la tutela dell’ambiente”

    Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione

    “Sono sei anni che siamo in una situazione di sofferenza, sono sei anni che Vendola ha scelto di uscire dalla scena politica perché vuole prima attendere che questo processo si concluda”, ha detto oggi in aula l’avvocato Muscatiello.
    9 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA
    Editoriale
    Perché non richiese alcuna indagine epidemiologica come quella commissionata dal GIP Todisco?

    Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA

    Il pubblico ministero a Taranto ha parlato di una gestione "sciagurata e criminale" dell'ILVA. Da giorni focalizza e approfondisce in modo dettagliato una lunga serie di fatti che lasciano sconcertati. Ma chi governava sapeva?
    8 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)