Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Montegranaro-Salinella snobbato dall’Amiu?

Crescono le proteste dei cittadini per la situazione igienico-sanitaria. Mentre certa politica applaude alla riapertura dell'inceneritore: «Taranto avrà finalmente il termovalizzatore in marcia dalla fine di novembre». E la diossina?
6 novembre 2008
Fonte: TarantOggi

- La situazione igienico sanitaria nel rione Montegranaro-Salinella è arrivata ormai al limite. A sostenerlo è Antonio Noci, presidente della commissione Ambiente della Circoscrizione. «Sono mesi che chiediamo di effettuare una programmazione di interventi per la pulizia delle strade del nostro quartiere – dice Noci -, ma puntualmente le nostre richieste vengono rimbalzate ora a questo, ora a quell’altro responsabile della municipalizzata Amiu senza mai risolvere il problema”».

Il ruolo delle circoscrizioni è quello di interfacciarsi con i cittadini, ribadisce Noci, che aggiunge: “Purtroppo però è da mesi che telefoniamo e faxiamo le nostre richieste di intervento ai responsabili dell’Amiu ma non abbiamo il dovuto riscontro.

Ogni giorno i cittadini si rivolgono in circoscrizione per segnalare numerosi problemi che riguardano il decespugliamento, la sostituzione e l’inserimento di nuovi cassonetti, la derattizzazione di molte aree periferiche, soprattutto del quartiere Salinella-TA2, e la potatura di alberi che entrano addirittura nelle abitazioni.

L’ultima richiesta fatta dalla circoscrizione riguardo la potatura di alberi è stata fatta un mese fa per la zona di via Abruzzo angolo via Medaglie d’oro senza però essere mai stata presa in considerazione. Ho chiamato personalmente il responsabile del settore, l’architetto Durante, il quale non mi ha mai dato una risposta certa per risolvere questo annoso problema”.

Questo è solo uno dei tantissimi esempi da raccontare. Conclude Noci: «Intanto ogni giorno continuano a venire in Circoscrizione cittadini sempre più stanchi della situazione igienico sanitaria del nostro quartiere, stanchi di pagare una aliquota Tarsu al massimo dell’imposta non ricevendo però un servizio adeguato a quello che pagano. Ecco perché chiedo l’intervento dell’Amiu e dell’assessore Romeo».

Termovalorizzatore, Illiano (Idv) soddisfatto per la riapertura

«Tanto tuonò che piovve, Taranto avrà finalmente il termovalizzatore in marcia dalla fine di novembre». Il consigliere comunale dell’Italia dei Valori Filippo Illiano interviene dopo aver ottenuto ampie assicurazioni in tal senso dal presidente dell’Amiu Gino Pucci e dal consigliere d’amministrazione Nello De Gregorio, ai quali si era rivolto in seguito alle numerose proteste avanzate dai cittadini che lamentano la chiusura dell’impianto e costi di conferimento alla discarica Cisa.

«Molti cittadini vivono la tassazione come una sorte di vessazione dell’ente civico e non già come il costo di un servizio. Occorre, allora, rendere il servizio di raccolta e smaltimento più efficiente ed in linea con gli standard europei. Purtroppo l’iter amministrativo ed in più le vicende giudiziarie che hanno interessato l’impianto di termovalorizzazione ne hanno ritardato la messa in marcia e ciò anche a scapito delle maestranze impegnate - conclude Illiano - ora finalmente si sta per uscire da questo incubo e si può, con i fatti, smentire chi impropriamente accusa l’Amministrazione di immobilismo».

Articoli correlati

  • .. e le chiamano elezioni europee
    Europace
    Vietato l'ingresso a chi non parla d'Europa

    .. e le chiamano elezioni europee

    20 maggio 2009 - Paolo Acunzo
  • Le torri della diossina
    Ecologia

    Le torri della diossina

    Una miniera d'oro nella terra della camorra. Il 23 gennaio, alla presenza di Berlusconi, verrà inaugurato il termovalorizzatore di Acerra. Sarà l'impianto più grande d'Europa, costruito però con tecnologia superata. Un motivo di preoccupazione in più per gli abitanti del centro campano: «L'avvio dei forni - dicono - sarà l'inizio di una strage silenziosa»
    16 gennaio 2009 - Francesca Pilla
  • Sulla riattivazione dell'inceneritore aTaranto
    Taranto Sociale

    Sulla riattivazione dell'inceneritore aTaranto

    La politica delle buone intenzioni e pessime pratiche trova Taranto ancora una volta in prima fila tra i “cattivi” comuni. Uno studio condotto sulla popolazione di un quartiere di Forlì esposta a due impianti di incenerimento (rifiuti urbani e ospedalieri) aveva evidenziato gravi danni per la salute.
    24 novembre 2008 - Comitato per Taranto
  • «L'inceneritore non può partire»
    Taranto Sociale

    «L'inceneritore non può partire»

    «Disapproviamo la decisione dell'Amiu di riattivare l'inceneritore di Taranto. Ancora uno scempio ambientale perpetrato ai danni dei tarantini, sull'onda mediatica dell'emergenza rifiuti».
    22 ottobre 2008 - Comitato per Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)