Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sì a maggioranza alle nuove norme per le emissioni di diossina

Sì a maggioranza della quinta commissione del presidente Pietro Mita (con il voto favorevole anche del consigliere Antonio Scalere, Udc). Sono stati accolti all’unanimità tutti gli emendamenti presentati dal governo e il Centrodestra si è astenuto. Il plauso di Losappio al buon lavoro svolto dall’Arpa e dell’assessorato
5 dicembre 2008

Michele Losappio
Incarta il sì a maggioranza della quinta commissione del presidente Pietro Mita (con il voto favorevole anche del consigliere Antonio Scalere, Udc), lo schema di disegno di legge che contiene le norme a tutela della salute, dell’ambiente e del territorio e i limiti per le emissioni di diossina e furani

“Saremo in aula al più tardi martedì 16, se non addirittura il 9 – ha sottolineato l’assessore all’ecologia, Michele Losappio - la legge è stata votata a maggioranza con l’astensione del centrodestra senza modifiche nei due punti fondamentali che riguardano la quantità delle emissioni e le due date di scadenza, come termini imposti. Quindi, l’impianto ha retto il confronto con la commissione a dimostrazione del buon lavoro fatto dall’Arpa e dell’assessorato.

Sono stati accolti all’unanimità tutti gli emendamenti presentati dal governo. In particolare è stato eliminato il riferimento dei valori limiti di emissioni “riferiti ad un tenore di ossigeno del 15.5% per i gas di scarico”. Ancora, con gli emendamenti sono stati inseriti i riferimenti allo Statuto della Regione Puglia come richiamo normativo e per quello che riguarda il superamento dei limiti, si terrà conto del protocollo di Aarhus.

Confindustria Puglia: che si parta dal 2010
BARI - La Confindustria di Puglia esprime apprezzamento se sono state accolte alcune delle proprie posizioni nel Ddl sulle emissioni di diossina e furani approvato oggi in commissione consiliare alla Regione Puglia, ma ritiene «fondamentale» che sia tenuto in conto un altro emendamento, quello della eventuale deroga alla scadenza del 31 dicembre 2010 perchè il limite di emissione sia portato a 0,4 ngTEQ/Nmc. Lo sottolinea il presidente di Confindustria Puglia, Nicola De Bartolomeo, precisando di non conoscere i contenuti del Ddl così come è stato approvato dalla commissione ma di aver solo letto, per ora, notizie di organi di informazione.

«Apprezziamo – dice De Bartolomeo – se, come viene detto in dichiarazioni e notizie, siamo stati ascoltati, ma vorremmo si tenesse conto anche di un altro nostro emendamento che giudichiamo fondamentale, e non per dilatare nel tempo interventi a tutela della salute». «Per i limiti stabiliti per il dicembre 2010, infatti, occorrerebbe un impianto da realizzare ex novo – spiega De Bartolomeo – che però nell’attuale area dell’Ilva a Taranto non si può realizzare: occorrerà, dunque, un adeguamento dell’attuale impianto da compiere mentre l’impianto stesso continuerà ad essere in esercizio». Questo adeguamento avverrà in quattro moduli per completare i quali – aggiunge il presidente di Confindustria Puglia – «avevamo chiesto che, solo ed esclusivamente nel caso si fosse reso necessario, si prevedesse la possibilità di un’eventuale deroga alla scadenza del 31 dicembre 2010».

Rimangono invariati le scadenze e i valori limiti da raggiungere: entro il 1 aprile del 2009 la diossina e i furano dovranno rispettare il limite di 2,5 ngTEQ/Nmc e a partire dal 31 dicembre del 2010 il limite diventa di 0,4 ngTEQ/Nmc.

Il capogruppo di Forza Italia, Rocco Palese, ha motivato l’astensione in commissione sottolineando delle perplessità circa i tempi, “forse si possono anticipare le date – ha detto – sono disponibile a votare la legge in aula, se riuscite a fornire assicurazioni su questa mia incertezza circa la scadenza del 31 dicembre del 2010, perché sono convinto che esistano gli spazi per poterla anticipare.

Visti gli obiettivi proposti dalla legge di prevenzione e tutela della salute del territorio è evidente che attendiamo dal governo regionale anche risposte di natura finanziaria da esplicitare in aula per il risanamento ambientale complessivo della città di Taranto”.

Pietro Lospinuso (An Pdl), ha chiesto rassicurazioni al governo sulla eventualità che le procedure per la riduzione delle emissioni dell’Ilva non producano danni peggiori della diossina stessa. L’assessore ha sottolineato che al momento l’Ilva non ha presentato alcun progetto “e non esiste nemmeno un crono programma, attendiamo con interesse. “ – ha detto.

“Una legge assolutamente necessaria per la salvaguardia della salute pubblica – ha detto l’esponente della sinistra democratica, Michele Ventricelli – visti i dati registrati dall’Arpa Puglia sull’inquinamento ambientale causato dall’emissione di diossina dall’Ilva di Taranto, che a questo punto, dovrà adeguarsi a quanto previsto dal protocollo di Aarhus ratificato dallo Stato italiano con legge nel 2006”.

Anche il neoassessore al bilancio, Michele Pelillo, ha manifestato la sua soddisfazione per “l’importante iniziativa legislativa che riguarda tutta comunità jonico-salentina. Questa legge ristabilisce l’equilibrio fra diritto al lavoro e diritto alla salute. È una buona notizia soprattutto per i cittadini di Taranto”.

Articoli correlati

  • Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."
    Taranto Sociale
    Taranto non si arrende!

    Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."

    Durante la conferenza stampa per Fiaccolata per le vittime dell'inquinamento del 26 febbraio Martina: "L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo."
    15 febbraio 2020
  • Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio
    Ecologia
    E' prevista una fiaccolata

    Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio

    ArcelorMittal ha espresso l'intenzione di andare via da Taranto perché non produce profitti ma solo ingenti perdite. E' il momento opportuno per scendere in piazza e chiedere il fermo dei vecchi impianti ILVA che provocano un rischio sanitario inaccettabile, come documentato dalla VIIAS
    7 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU
    Editoriale
    Lettera al presidente del Consiglio

    La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU

    Lo Stato italiano ha scelto di esporre migliaia di cittadini inermi a un inquinamento che la scienza definisce "non accettabile". La valutazione predittiva dei danni sanitari futuri (la VIIAS, Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario) considera pericolosa l'attuale produzione.
    6 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • I bambini di Taranto
    Editoriale
    Incontro con Fulvia Gravame (PeaceLink)

    I bambini di Taranto

    Se ne parla oggi nella Tenda della Pace di Borgosatollo (Brescia). Al centro la grave situazione di inquinamento ambientale del quartiere Tamburi, accanto al quale sono sorte negli anni Sessanta le ciminiere di quello che diventato più grande centro siderurgico d'Europa.
    24 gennaio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)