Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Regione, primo sì alla legge anti diossina

I veleni dell´Ilva hanno i mesi contati: la commissione regionale Ambiante ieri ha approvato a maggioranza il disegno di legge che obbliga lo stabilimento siderurgico di Taranto ad abbattere le sue emissioni inquinanti.
6 dicembre 2008
Paolo Russo
Fonte: Repubblica

Il provvedimento, fortemente voluto dal presidente Nichi Vendola, approderà in consiglio regionale il prossimo 16 dicembre. Da quel momento per l´Ilva scatterà un inesorabile conto alla rovescia.
-
La fabbrica dei veleni, che produce più diossina di tutte le industria di Svezia, Spagna, Austria e Gran Bretagna messe insieme, dovrà dimezzare le sue emissioni entro il primo aprile del prossimo anno. Per poi portarle, nel 2011, al di sotto della media consentita dai parametri Ue, ignorati dall´Italia.

Lo stabilimento siderurgico tarantino sarà obbligato dalla Regione a stravolgere il suo ciclo produttivo: lo scorso febbraio erano 8 i nanogrammi di diossina che fuoriuscivano dalle ciminiere più inquinanti d´Europa. Entro il 31 dicembre 2010 questa quota dovrà scendere sotto la quota di 0,4 nanogrammi. Oppure, l´Ilva potrebbe essere costretta alla chiusura.

Dopo settimane di audizioni e scontri con il ministro dell´Ambiente, Stefania Prestigiacomo, che ha intimato più volte alla Puglia di fare un passo indietro su questo provvedimento, ieri il testo è stato licenziato dalla commissione Ambiente della Regione. A sostenere il testo - redatto dall´assessore all´Ambiente, Michele Losappio con la collaborazione del direttore dell´Arpa, Giorgio Assennato - tutti i consiglieri della maggioranza e Antonio Scalera dell´Udc.

Il plauso del Comune
L’assessore comunale all’ambiente Sebastiano Romeo e l’Amministrazione Comunale plaudono all’approvazione in commissione “Ambiente” del disegno di legge antidiossina. «Resta l’amarezza - aggiunge Romeo - per l’avvenuta astensione di taluni rappresentanti del centro-destra, in quanto si ritiene la tutela dei cittadini e dell’ambiente che li circonda, sia una priorità che non può assolutamente conoscere opposizioni o astenzioni, in quanto dovrebbe essere un fronte comune rivolto a salvaguardare la salute dei cittadini».

Il Comune attende ora con fiducia il prossimo 16 dicembre, giorno in cui la legge dovrebbe approdare in Consiglio Regionale. «Si spera che almeno in quella sede il provvedimento venga approvato all’unanimità, non essendo questa legge assolutamente un provvedimento contro i lavoratori, anzi l’Amministrazione Comunale e la Regione hanno sempre tenuto alla salvaguardia dei posti di lavoro - e conclude l’assessore - voglio ancora una volta chiarire che le grandi industrie che insistono ed operano sul territorio devono adottare tutte quelle misure per la salvaguardia della salute garantendo nel contempo la sicurezza del posto di lavoro e la tutela dei lavoratori e dei cittadini».

L´opposizione di centrodestra, invece, nonostante gli sforzi di mediazione del presidente della commissione Pietro Mita, non ha votato il provvedimento. Ma il capo dell´opposizione in consiglio regionale, Rocco Palese, ha tentato di mischiare le carte in vista di un colpo gobbo da assestare in consiglio regionale. Se fino a due giorni fa Forza Italia era allineata con Confindustria che chiedeva - e ha chiesto ancora una volta, ieri - di prorogare il termine ultimo del 2010 - ieri il centrodestra non ha votato il testo perché, ha dichiarato Palese: "Siamo convinti che le emissioni diossina si possano abbattere anche prima della data indicata da Vendola". Parole che nascondono un´imboscata che il centrodestra sta preparando per il consiglio regionale del prossimo 16 dicembre, quando la legge approderà in consiglio. "Spiace che il Ministro dell´Ambiente si contraddetta e rimedi simili figure da parte dei suoi stessi esponenti di schieramento - ha dichiarato Losappio - ma soprattutto spiace che la Prestigiacomo si sia trasformata in speaker della grande industria piuttosto che in difensore dell´ambiente e della salute".

Soddisfatto anche l´assessore tarantino, Michele Pelillo: "Il 16 dicembre per Taranto sarà una grande giornata di festa". Il coordinamento delle associazioni ambientaliste Alta Marea, in quella data, replicherà a Bari la marcia contro l´inquinamento che la scorsa domenica ha sfilato per le vie della città jonica.

Articoli correlati

  • Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."
    Taranto Sociale
    Taranto non si arrende!

    Martina: "Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."

    Durante la conferenza stampa per Fiaccolata per le vittime dell'inquinamento del 26 febbraio Martina: "L’appello che però lancio agli adulti, è quello di prendere coscienza e superare ogni divisione. Noi abbiamo bisogno del vostro esempio. Voi avete bisogno della nostra voglia di cambiare il mondo."
    15 febbraio 2020
  • Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio
    Ecologia
    E' prevista una fiaccolata

    Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio

    ArcelorMittal ha espresso l'intenzione di andare via da Taranto perché non produce profitti ma solo ingenti perdite. E' il momento opportuno per scendere in piazza e chiedere il fermo dei vecchi impianti ILVA che provocano un rischio sanitario inaccettabile, come documentato dalla VIIAS
    7 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU
    Editoriale
    Lettera al presidente del Consiglio

    La decisione di forzare ArcelorMittal a produrre è in contrasto con la sentenza della CEDU

    Lo Stato italiano ha scelto di esporre migliaia di cittadini inermi a un inquinamento che la scienza definisce "non accettabile". La valutazione predittiva dei danni sanitari futuri (la VIIAS, Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario) considera pericolosa l'attuale produzione.
    6 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • I bambini di Taranto
    Editoriale
    Incontro con Fulvia Gravame (PeaceLink)

    I bambini di Taranto

    Se ne parla oggi nella Tenda della Pace di Borgosatollo (Brescia). Al centro la grave situazione di inquinamento ambientale del quartiere Tamburi, accanto al quale sono sorte negli anni Sessanta le ciminiere di quello che diventato più grande centro siderurgico d'Europa.
    24 gennaio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)