Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Diossina, nuove regole per l'Ilva

Regione, approvato il testo: riduzioni sensibili entro il 2010 La riforma passa in Commissione Ambiente Ora tocca all'Aula Le emissioni scendono a 0,4 nanogrammi. De Bartolomeo: «Disegno di legge rigido, è necessario rivedere le scadenze». Losappio: «L'approvazione costituisce una smentita delle posizioni e delle polemiche espresse dal ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo».
6 dicembre 2008
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia
BARI — La quinta commissione Ambiente della Regione Puglia, con l'astensione dell'opposizione di centrodestra (voto favorevole di Antonio Scalera, Udc), ha approvato ieri il disegno di legge che introduce un calendario e i vincoli alle emissioni di diossine dello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto. Ma Confindustria chiede una deroga dei vincoli alla scadenza del 31 dicembre 2010 ritenuti eccessivamente penalizzanti. In base al testo licenziato è confermato, salvo modifiche possibili quando il provvedimento sarà portato in Aula, che entro aprile del prossimo anno il livello di diossina dovrà essere portato a 2,5 nanogrammi per metro cubo mediante la tecnologia all'Urea e, allo scadere del 2010, a 0,4 nanogrammi. Un valore che allinea l'Italia, per quanto attraverso una legge regionale, alla media europea. Inoltre, sono state recepite modifiche (ideate per sfuggire all'eventuale conflitto di competenza che potrebbe sollevare il governo) spostando la regolamentazione da «tutela dell'ambiente» (riservata esclusivamente allo Stato) a «tutela della salute» (ambito concorrente).


«L'approvazione costituisce una smentita delle posizioni e delle polemiche espresse dal ministro Stefania Prestigiacomo - osserva Michele Losappio, assessore all'Ambiente, - e perfino gli amici del ministro Fitto hanno dovuto riconoscere, con la loro astensione, che la legge non comporta rischi di chiusura dello stabilimento, ma solo la salvaguardia della salute di dipendenti e cittadini ». «Il 16 dicembre - commenta il tarantino Michele Pelillo, assessore regionale al Bilancio - quando l'aula del Consiglio regionale approverà il provvedimento per Taranto sarà una grande giornata di festa. E questa festa la condivideremo con i tanti amici che già da oggi, attraverso l'egregio lavoro dei volontari di AltaMarea, stanno confermando la loro presenza per quella data».

Luciano Mineo, vice presidente del Consiglio regionale, sostiene che «la salute e, quindi, la vita diventano, finalmente, una priorità assoluta grazie all'impegno della Regione Puglia, delle istituzioni locali, dei sindacati dei lavoratori e delle associazioni ambientaliste. Dopo anni di immobilismo durati sino al 2005, la giunta Vendola ha impresso un'accelerazione».

L'utilità di aver ascoltato le parti sociali e le associazioni viene sottolineata dal consigliere Pietro Lospinuso (An): «Sono stati approvati quasi tutti gli emendamenti proposti da Confindustria, giudicati - oltre che da noi - anche dalla maggioranza migliorativi rispetto al testo originario». «Erano modifiche tecniche accettabili - chiarisce Rocco Palese, capogruppo di Fi - , ma ci siamo astenuti sul voto complessivo perché fino ad oggi non ci hanno convinto le risposte del governo regionale sui motivi per cui la scadenza ultima per la realizzazione e l'entrata in funzione della nuova impiantistica debba essere quella del 31 dicembre 2010. Vogliamo anticiparla».

Ma Confindustria non è convinta. «E' fondamentale afferma Nicola De Bartolomeo, presidente degli industriali pugliesi - che sia tenuto in conto un altro emendamento: quello della eventuale deroga alla scadenza del 31 dicembre 2010. Per rispettare tale data, infatti, occorrerebbe un impianto da realizzare ex-novo che però nell'attuale area dell'Ilva a Taranto non si può realizzare. Sarà necessario un adeguamento dell'attuale impianto da compiere mentre senza bloccare l'esistente».

Articoli correlati

  • Proiezione a Taranto del documentario ‘Mittal, il volto nascosto dell’Impero’
    Taranto Sociale
    Ingresso libero alle ore 20.30 del prossimo 17 settembre

    Proiezione a Taranto del documentario ‘Mittal, il volto nascosto dell’Impero’

    Il film è frutto della lunga ricerca del regista Jérôme Fritel su Lakshmi Mittal, di cui ripercorre la scalata che da zero l’ha reso in quindici anni il primo produttore d’acciaio mondiale. Il film sarà presentato dal regista Jérôme Fritel e da Alessio Giannone (alias Pinuccio)
    1 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"
    Laboratorio di scrittura
    Botta e risposta online

    "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"

    "Marescotti! Che figura barbina per tre minuti di celebrità sulle spalle dei tarantini e del PIÙ giovane, bravo, preparato, onesto e capace Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico!"
    6 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • Polmoni d'acciaio
    Legami di ferro
    Un documentario sul ciclo internazionale dell'acciaio

    Polmoni d'acciaio

    "Polmoni d'acciaio" è un video su tre impianti siderurgici collegati fra loro da problematiche molto simili. Racconta la devastazione ambientale che accomuna la Foresta Amazzonica e gli impianti siderurgici alimentati dalla multinazionale Vale, fra cui l'ILVA di Taranto
    26 maggio 2018 - Redazione PeaceLink
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)