Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ma Fitto conosceva bene i dati sui veleni dell'ILVA

L´Arpa perchè non ha mai cercato di capire ed approfondire (come sta facendo attualmente con la gestione del prof. Assennato) quale fosse l´origine di un consistente aumento di patologie tumorali nell´area tarantina?
19 dicembre 2008
Vittorio Ascalone
Fonte: Repubblica

- Mi riferisco all´articolo con titolo: «Diossina ecco i nemici della legge». Sembra trascorso un secolo dalla copertina dell´Espresso, del 5 aprile 2007, dedicata all´Ilva di Taranto, con articolo di Gigi Riva con titolo emblematico «La Puglia dei veleni». Dai dati contenuti nell´articolo, venivamo a sapere che nel 2002 nelle emissioni annuali dell´Ilva, tra gli altri inquinanti, erano presenti anche 71 grammi di diossina, pari a circa 8.8 % del totale di emissioni (di diossina) in Europa e circa il 30.6% di quelle in Italia.

Questi dati, tuttavia, non erano dati sperimentali, ovvero frutto di un monitoraggio tecnico-scientifico, bensì provenienti da un´autodichiarazione presentata dalla stessa Ilva, il tutto ben chiarito nel sito ministeriale www.eper.sinanet.apat.it

Questa notizia era stata fornita dallo scrivente ad una giornalista di «Taranto Oggi» assieme ad un´altra molto preoccupante riguardante i dati più aggiornati del 2005, sempre in termini di emissioni di diossina, che mostravano una crescita nelle emissioni di diossina da 71 a 93 grammi, pari al 90.3% di tutta la diossina riversata sull´intero territorio nazionale. In questi ultimi anni, nel frattempo, le altre regioni italiane hanno imposto delle forti restrizioni agli impianti di agglomerazione (ritenuto il maggior responsabile nella produzione di diossine all´Ilva) ed alcuni di questi (vedi Cornigliano) sono stati chiusi. Così all´Ilva di Taranto è rimasta una sorta di monopolio nella produzione di diossina. Questi dati, quelli del 2005, sconvolgenti, frutto di un´autodichiarazione e dunque presumibilmente (e comprensibilmente) in difetto, erano già disponibili, là sul sito ministeriale ma nessuno si era preso la briga di consultarlo.

In questo anno e mezzo trascorso dai fatti descritti, è giusto e doveroso ricordare che molto è stato fatto dalla giunta Vendola e dall´Arpa Puglia, in termini di verifiche sperimentali sulla presenza di diossine e sostanze simili nell´ambiente e negli alimenti. Forse, a mio avviso, c´è stato un eccesso di protagonismo e di sovraesposizione nel far conoscere ai media ciò che era stato fatto e ciò che si intendeva ancora fare.

Questa mia critica riguarda tuttavia la forma, non certo la sostanza ed è legata ad un mio punto di vista che tiene conto del fatto che sono di estrazione scientifica e non sono un politico. Comunque noi tutti, pugliesi e non pugliesi, simpatizzanti di sinistra o destra, dobbiamo ringraziare ciò che ha fatto, in questo caso, l´amministrazione Vendola, consentendo con molte difficoltà di formulare ed approvare una legge che, di fatto, obbligherà a limitare le emissioni di diossine nell´ambiente e quindi nell´aria che respiriamo, nell´acqua che beviamo, nei cibi di cui ci alimentiamo.

Dunque a questo punto si fa veramente fatica a comprendere il giudizio negativo dato dall´on. ministro Fitto, alla legge sopra citata, se si ritiene che tale giudizio sia stato dato - e non abbiamo ragione di dubitarne - in perfetta buona fede. Ed allora ci viene in mente che l´on. Fitto è stato governatore della Puglia prima di Vendola ed allora ci si chiede (sempre in buona fede) perchè la sua amministrazione non si è interessata o ha ignorato il caso «Taranto», non c´erano già allora forti segnali di degrado ambientale?

L´Arpa di Puglia perchè non ha mai cercato di capire ed approfondire (come sta facendo attualmente con la gestione del prof. Assennato) quale fosse l´origine di un consistente aumento di patologie tumorali nell´area tarantina? Perchè non ha mai fornito dati sperimentali sulle effettive (non quelle presunte o estrapolate!) concentrazioni di diossine e sostanze similari nell´area circostante l´Ilva? Vorremmo avere risposte precise a questi quesiti.

Articoli correlati

  • Proiezione a Taranto del documentario ‘Mittal, il volto nascosto dell’Impero’
    Taranto Sociale
    Ingresso libero alle ore 20.30 del prossimo 17 settembre

    Proiezione a Taranto del documentario ‘Mittal, il volto nascosto dell’Impero’

    Il film è frutto della lunga ricerca del regista Jérôme Fritel su Lakshmi Mittal, di cui ripercorre la scalata che da zero l’ha reso in quindici anni il primo produttore d’acciaio mondiale. Il film sarà presentato dal regista Jérôme Fritel e da Alessio Giannone (alias Pinuccio)
    1 settembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"
    Laboratorio di scrittura
    Botta e risposta online

    "Di Maio ha realizzato cose che noi umani non immaginavamo"

    "Marescotti! Che figura barbina per tre minuti di celebrità sulle spalle dei tarantini e del PIÙ giovane, bravo, preparato, onesto e capace Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico!"
    6 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
  • Polmoni d'acciaio
    Legami di ferro
    Un documentario sul ciclo internazionale dell'acciaio

    Polmoni d'acciaio

    "Polmoni d'acciaio" è un video su tre impianti siderurgici collegati fra loro da problematiche molto simili. Racconta la devastazione ambientale che accomuna la Foresta Amazzonica e gli impianti siderurgici alimentati dalla multinazionale Vale, fra cui l'ILVA di Taranto
    26 maggio 2018 - Redazione PeaceLink
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)