Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La legge antidiossina sia solo il primo passo

Finalmente un governo, come quello pugliese, ha ascoltato le urla della gente. L´Arpa: "Mare pulito in tutta la Puglia". Vertice a Taranto. Assennato: sulla diossina altra battaglia da vincere
23 dicembre 2008
Stefano Palmisano
Fonte: Repubblica

-
La legge regionale sulle o contro le diossine è certamente merito di un governo regionale che, su questa questione, ha finalmente ascoltato le urla d´indignazione, che si levavano sempre più alte da un pezzo significativo della società pugliese e tarantina in particolare.

Ma, per l´appunto, quella legge è, anche e soprattutto, un regalo che ha fatto a se stesso e al resto dell´ignava popolazione, la parte più lucida, degna e combattiva della cittadinanza ionica, a coronamento di una lotta dura, generosa e soprattutto impari. Una lotta che, però, ha pagato. A sorprendente dimostrazione che, come si diceva qualche era geologica fa, spesso la lotta paga.

E, in modo assai lucido, l´associazione Peacelink, coglie questa "antica novità" di straordinaria importanza e rilancia la sfida, questa volta direttamente nei confronti del governo nazionale, chiedendo al ministro dell´ambiente una radicale modifica dell´allegato tecnico al Codice dell´ambiente che pone ben altro "limite" alle emissioni di diossina per gli impianti di agglomerazione dell´industria siderurgica.

Naturalmente, Peacelink sa benissimo quali siano le reali speranze di spazzare via dal nostro ordinamento quella norma solo sulla base di una pur inattaccabile, giuridicamente e moralmente, lettera al governo che ha assunto le posizioni ed i provvedimenti più inquinanti della Repubblica, dal sabotaggio di fatto della direttiva europea 20-20-20 al sostanziale azzeramento dei benefici fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Il discorso cambierebbe sensibilmente se intorno a quell´obiettivo si coagulasse nuovamente un movimento reale di uomini e di donne di buona ed ambientalistica volontà che iniziasse una nuova determinata mobilitazione per incalzare dal basso, per l´appunto, governo e parlamento per l´adozione di un nuovo limite di emissione di diossine in sede nazionale, in pratica per l´approvazione di quella che sarebbe a tutti gli effetti una misura urgente di salute pubblica.

E, allora, perché non inserire nella piattaforma rivendicativa di quell´incipiente nuova mobilitazione ecologica un altro obiettivo altrettanto vitale per l´ambiente e per gli esseri umani in questo paese, oltreché potenzialmente assai aggregante nei confronti di ampie fasce di opinione pubblica, quale l´introduzione, finalmente, nel nostro codice penale dei delitti contro l´ambiente?

Oggi, in Italia, quelli contro il suolo ed il sottosuolo, contro l´aria, contro l´acqua, insomma contro i nostri territori sono regolarmente qualificati (fatte salve rarissime eccezioni) come contravvenzioni, ossia considerati come reati di serie B e come tali trattati sotto il profilo sanzionatorio.

Cosa si è verificato, cosa hanno fatto a Taranto in questi anni: un pericolo per l´ambiente, un danno ambientale con pericolo per la vita o l´incolumità delle persone o un disastro ambientale?

Il giorno dopo l´entrata in vigore della legge regionale contro le diossine, Emilio Riva, il padrone dell´Ilva di Taranto, ha freddato gli entusiasmi di tutti i tarantini, dichiarando che «le attuali tecniche di additivazione di urea consentono di abbassare gli attuali 7 nanogrammi fino al 50 percento e non fino a 2,5 nanogrammi per metro cubo», come invece richiesto dalla legge regionale per l´aprile prossimo.

E´ lecito supporre che se fosse in vigore una normativa in tema di delitti contro l´ambiente appena seria, patron Riva avrebbe qualche stimolo in più a trovare sul mercato tecniche tali da consentire il raggiungimento dell´obiettivo previsto dalla legge regionale. Anche le migliori volontà, com´è noto, a volte hanno bisogno di un aiuto.

L'Arpa: Mare pulito in tutta la Puglia

TARANTO - La scelta del capoluogo jonico per gli stati generali dell´Arpa, non è stata casuale. Confessa il direttore generale dell´agenzia regionale per la protezione dell´ambiente, Giorgio Assennato: "Ovviamente - spiega - abbiamo scelto la sede della Facoltà di Scienze, a Taranto, per far sentire ancora più forte la nostra vicinanza alla città, in questo momento cruciale per la sua storia".

Il momento è quello della nuova era apertasi con la legge anti-diossina, che obbligherà le grandi aziende, Ilva in testa, a rispettare parametri decisamente più severi sul fronte dei veleni immessi nell´atmosfera. "Ma quella contro le diossine è solo una delle tante battaglie" continua il professore alla guida dell´agenzia. Un altro tema fondamentale, ad esempio, è quello della qualità delle acque, sulla quale s´è concentrata ieri l´attenzione degli stati generali. "Abbiamo fatto un lavoro imponente.

In collaborazione con Arpa Marche e con l´Università del Salento - osserva Assennato - è stato messo in atto un autentico check up tanto delle acque di balneazione quanto di quelle di transizione. E tutto verrà messo in un database che sarà consultabile sul sito internet dell´agenzia. Il risultato? L´acqua di Puglia è pulita, il tasso di balneazione sfiora il 100%". Agli Stati Generali, oltre ai vertici dell´Arpa, erano presenti tra gli altri il presidente della Regione Vendola, gli assessori all´Ecologia ed alla Sanità, Losappio e Tedesco, ed il tarantino Michele Pelillo, fresco di nomina alla guida del Bilancio della Regione.

"Per il futuro - conclude il direttore generale dell´Arpa - possiamo definirci moderatamente ottimisti. Perché se è vero che le sfide che vengono sul fronte ambientale si fanno sempre più gravose e difficili, e vanno dai cambiamenti climatici al rischio della desertificazione, oggi abbiamo un bagaglio di conoscenze che ci permette di poter affrontare con il necessario rigore questi impegni".

Articoli correlati

  • "Ennesimo incidente all'ILVA"
    Taranto Sociale
    "Cade un carroponte", lo denuncia il sindacato Usb

    "Ennesimo incidente all'ILVA"

    "Nei primi cinque mesi di gestione Arcelor Mittal - dichiara il coordinatore Usb Taranto, Francesco Rizzo - si sono verificati una serie di incidenti strutturali che si potevano evitare e che non hanno avuto conseguenze gravi con coinvolgimento dei lavoratori solo per pura fortuna e casualità"
    16 maggio 2019 - Redazione PeaceLink
  • L'on. Vianello racconta bugie mentre aumentano i tarantini che curano un tumore
    Ecologia

    L'on. Vianello racconta bugie mentre aumentano i tarantini che curano un tumore

    Immunità penale: sulla propaganda politica si pronunciano il MEF e il Servizio studi della Camera e Senato
    12 maggio 2019 - Luciano Manna
  • "Ministro, mi guardi, questa è pubblicità ingannevole"
    Ecologia
    Prefettura di Taranto, 24 aprile 2019

    "Ministro, mi guardi, questa è pubblicità ingannevole"

    Il testo integrale del discorso al ministro Di Maio. Il vicepremier sosteneva l'8 settembre 2018 di aver installato nell'ILVA tecnologie per tagliare del 20% le emissioni. Tecnologie che non sono mai state fino a ora installate.
    Redazione PeaceLink
  • Perché Arcelor Mittal non prende Ilva senza immunità penale
    Ecologia
    Le dichiarazioni di oggi a Roma in risposta alle associazioni

    Perché Arcelor Mittal non prende Ilva senza immunità penale

    Parole inequivocabili di Geert Van Poelvoorde (vice presidente di Arcelor Mittal): "Pensate che io sia in grado di convincere il nostro management e i nostri ricercatori a venire qui e a dare una mano all’Ilva quando qualcuno dal primo giorno gli dice “attenti perché appena arrivati in Italia vi mettiamo in galera?""
    30 luglio 2018 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)