Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Rigassificatore, la Regione insiste

Adesso è ufficiale: la Regione Puglia, con atto deliberativo adottato dalla Giunta lo scorso 23 dicembre, ha recepito ufficialmente il parere contrario del comitato regionale VIA alla realizzazione di un terminale di rigassificazione nell´area di Capo Bianco, nel porto esterno di Brindisi.
28 dicembre 2008
Mimmo Consales
Fonte: Repubblica

-
BRINDISI - Adesso è ufficiale: la Regione Puglia, con atto deliberativo adottato dalla Giunta lo scorso 23 dicembre, ha recepito ufficialmente il parere contrario del comitato regionale VIA (valutazione di impatto ambientale) alla realizzazione di un terminale di rigassificazione nell´area di Capo Bianco, nel porto esterno di Brindisi.

Lo ha voluto ribadire a chiare lettere l´assessore regionale all´Ambiente Michele Losappio nel corso di una conferenza stampa svoltasi alla presenza del sindaco Domenico Mennitti e del presidente della Provincia Michele Errico. Il rappresentante della Regione, in ogni caso, ha subito precisato che non si tratta di una decisione tendente ad inasprire ulteriormente i rapporti con il Governo nazionale, bensì di un atto dovuto (a seguito della attivazione di una procedura di VIA) che giunge a conclusione di un anno durante il quale sono stati portati a termine tutti gli adempimenti.

Tale parere è sfavorevole alla costruzione di un terminale di rigassificazione per una serie di motivazioni che sono ben argomentate nella delibera regionale. Si parte da una nota contraria della Sovrintendenza ai Beni architettonici per giungere a quella del Ministero dell´Ambiente che nel febbraio scorso fece rilevare la carenza progettuale in riferimento alla bretella di collegamento con la rete nazionale di distribuzione del gas.

Sul piano della sicurezza, invece, la Brindisi Lng avrebbe sottovalutato i rischi connessi all´effetto "domino" perché non sarebbe stata tenuta in considerazione la presenza di cinque impianti a rischio di incidente rilevante situati ad una distanza massima di due chilometri (Polimeri Europa, Basell, Chemgas, Sanofi-Aventis e Costiero Adriatico). Ed a ciò vanno aggiunte - in relazione all´impatto atmosferico ed idrico - le centrali termoelettriche dell´Enel, di Edipower ed Enipower.

Per queste motivazioni, "in omaggio anche al principio di precauzione", il Comitato regionale ha espresso il parere sfavorevole posto alla base della delibera che adesso sarà notificata al Ministero dell´Ambiente. Va detto che tale pronunciamento non risulta vincolante ai fini dell´esito finale della procedura nazionale di VIA, anche se Losappio ha ribadito che la Regione Puglia difenderà le proprie scelte anche in quella sede. Per il sindaco Mennitti, invece, l´esito della VIA regionale conferma la criticità dell´area di Capo Bianco e non solo per questioni di carattere ambientale, ma anche per i tanti problemi che tale scelta determinerebbe alle attività portuali.

Articoli correlati

  • Chi volle la legge sulla diossina in Puglia
    Ecologia
    Fact checking

    Chi volle la legge sulla diossina in Puglia

    Oggi l'avvocato dell'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto l'assoluzione del suo assistito rivendicandone i meriti ambientali, fra cui quello di aver voluto la legge regionale sulla diossina e di aver richiesto un'autorizzazione ambientale più rigorosa. E' vero o no?
    9 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione
    Processo Ilva
    “Il governo di Vendola è stata veramente una primavera pugliese per la tutela dell’ambiente”

    Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione

    “Sono sei anni che siamo in una situazione di sofferenza, sono sei anni che Vendola ha scelto di uscire dalla scena politica perché vuole prima attendere che questo processo si concluda”, ha detto oggi in aula l’avvocato Muscatiello.
    9 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA
    Editoriale
    Perché non richiese alcuna indagine epidemiologica come quella commissionata dal GIP Todisco?

    Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA

    Il pubblico ministero a Taranto ha parlato di una gestione "sciagurata e criminale" dell'ILVA. Da giorni focalizza e approfondisce in modo dettagliato una lunga serie di fatti che lasciano sconcertati. Ma chi governava sapeva?
    8 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)