Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

«Meno carbone nelle centrali Enel»

Losappio: «Speriamo in un'intesa o faremo una legge». Confermato il no al rigassificatore. L'assessore annuncia la svolta per il 2009 e spiega il parere negativo di impatto ambientale della commissione regionale all'impianto
28 dicembre 2008
Marcello Orlandini
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- BRINDISI — La Regione Puglia, «in piena sintonia» con il Comune e la Provincia, conferma il no al progetto del rigassificatore British Gas a Capo Bianco. Ma farà anche in modo che «il 2009 sia l'anno della riduzione del carbone», e prima delle elezioni. Lo ha detto ieri l'assessore regionale all'Ecologia, Michele Losappio, a Brindisi per illustrare assieme al sindaco Domenico Mennitti e al presidente dell'amministrazione provinciale Michele Errico la delibera numero 2597 adottata dalla giunta Vendola il 23 dicembre. Un atto con cui si fa proprio il parere negativo del Comitato regionale Via all'operazione della multinazionale britannica dell'energia, in un territorio «che vede uniti sulla stessa posizione centrosinistra e centrodestra».

Losappio però ha sottolineato che non si tratta di un atto di guerra contro il governo nazionale, anche se qualcuno tende a collegare questa posizione della giunta regionale ai fronti aperti su altri temi ambientali: «Nel caso del rigassificatore, non c'entrano i contrasti con il governo nazionale, e non si tratta di rimarcare differenze di posizioni (Berlusconi aveva detto che il rigassificatore di Brindisi si sarebbe fatto, ndr). La delibera è semplicemente la chiusura di un iter da parte della Regione Puglia».

Inoltre, non è vero che la Commissione nazionale per la Valutazione di impatto ambientale abbia già anticipato possibili esiti favorevoli al progetto: «Proprio lunedì scorso - ha fatto sapere l'assessore Michele Losappio - si è svolta una nuova riunione della commissione stessa, con esiti interlocutori dai quali non si evince alcun orientamento ». Il presidente e amministratore delegato di Bg Italia, Damiano Ratti, si dichiara assolutamente ottimista circa l'esito dell'istruttoria nazionale? «Non comprendo queste certezze », ribatte Losappio. «Non ci risulta che l'esito del procedimento sia scontato». E oggi sarebbe anche «scorretto predicare che il governo nazionale accantonerà automaticamente il nostro parere ».

In ogni caso, ha rimarcato Losappio, «con l'approvazione della delibera la Regione si impegna a difendere queste ragioni tecniche in sede di Commissione Via nazionale ». Ragioni come la sottovalutazione da parte di British Gas dei rischi di incidente rilevante e dell'effetto-domino con almeno altri cinque impianti, quelli di Polimeri Europa, Basell, Sanofi Aventis, Chemgas e Costiero Adriatico, tutti compresi in un raggio di 0-2 chilometri. No a Brindisi, ma anche no a un rigassificatore a Taranto. Altrove? «Si può valutare solo sulla base di progetti, e non ne sono pervenuti», ha detto Losappio.

Ma la Regione Puglia si muoverà anche per mettere mano al problema della riduzione del carbone delle centrali Enel ed Edipower entro il 2009: «Non sappiamo ancora se ciò avverrà attraverso una intesa o per legge. Ma lo faremo prima delle amministrative e delle europee per evitare che la campagna elettorale possa distorcere l'autonomia degli enti locali nell'ottenere territori meno inquinati ». Resta il progetto di bruciare Cdr al posto di aliquote di minerale? «Sì, ma questo va discusso sempre con i governi locali».

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)