Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ugento aperta, sì del tar. Vendola vede i rivoltosi

Anche ieri la discarica è rimasta bloccata dalla protesta In serata a Lecce vertice con sindaci di centrosinistra. Per il Tar: il provvedimento di Vendola serve a «scongiurare crisi di carattere igienico-sanitario»
5 gennaio 2009
Francesco Strippoli
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

-
BARI — Doppia strategia della Regione sul caso rifiuti nel Salento. A Bari Nichi Vendola incontra una rappresentanza dei manifestanti (un drappello di coloro che si oppongono all'uso intensivo della discarica di Ugento). A Lecce gli assessori regionali Sandro Frisullo, Enzo Russo e Michele Losappio, con il presidente della Provincia Giovanni Pellegrino, incontrano i sindaci di centrosinistra delle zone interessate all'emergenza: i bacini Lecce 2 (Nardò e aree limitrofe) e Lecce 3 (Ugento e Sud Salento).

L'intento era comune: cercare di smontare, pazientemente e segmento per segmento, l'opposizione che si va addensando attorno all'utilizzo del sito di Ugento, anche ieri bloccato dai manifestanti più accesi. L'incontro leccese (c'erano i consiglieri regionali e i parlamentari) era il più insidioso, perché alcuni sindaci parevano rompere l'unità del centrosinistra. Qualcuno ha invocato la riapertura del sito di Nardò come alternativa ad Ugento. Alla fine è arrivato il compromesso, assieme alla presa d'atto che la questione va risolta in provincia di Lecce e che senza la mediazione si rischierebbe di avere i rifiuti per strada. Pellegrino rappresenterà l'intesa nella riunione convocata in prefettura il 7 gennaio.

In sintesi: in attesa degli impianti il cui avvio è slittato di qualche mese, la discarica ugentina continuerà ad ospitare per 6 mesi i rifiuti del bacino Lecce 3. Per i rifiuti del Lecce 2 si prospetta una soluzione mista: a Cavallino la frazione secca dei rifiuti (l'impianto di bio-stabilizzazione e separazione entra in funzione il primo febbraio); ad Ugento la parte umida, biostabilizzata.

In mano ai rappresentanti istituzionali una carta che conta e che è stata metaforicamente sventolata: il decreto del presidente del Tar di Lecce con cui viene respinto il ricorso presentato dal consorzio dei Comuni del Lecce 3. Questi chiedevano di sospendere l'ordinanza di Vendola che autorizza lo smaltimento ad Ugento, fino al 31 gennaio, anche dei rifiuti tal quali di Lecce 2. Ragionamento articolato quello del Tar: il provvedimento di Vendola serve a «scongiurare crisi di carattere igienico-sanitario »; fa fronte «a situazione contingente»; ha carattere temporaneo.

Inoltre «l'utilizzo della discarica, pur incrementato, dovrà rispettare rigorosamente la normativa di settore a tutela delle migliori condizioni igieniche, sanitarie e ambientali e dei relativi interessi della popolazione ». Dunque, dicevano Vendola e i suoi assessori nelle rispettive sedi di discussione, non c'è alcuna volontà di proseguire illimitatamente il ricorso al sito di Ugento.

A colloquio con il governatore si sono presentati alcuni componenti del comitato «Io conto». Con loro anche don Stefano Rocca, il prete che condivide le loro posizioni. Protestano, ma non sono tra quanti bloccano materialmente l'ingresso della discarica. Sono stati rassicurati da Vendola sulla transitorietà del provvedimento che riguarda Ugento. E sul fatto che nella zona saranno avviate approfondite analisi epidemiologiche per fugare ogni dubbio sui rischi di pericoli per la salute. Il comitato sarà parte attiva nell'azione di verifica.

«Chi oggi soffia demagogicamente sull'emergenza rifiuti commenta Frisullo - si assume una grave responsabilità. Se si aprisse il confronto sulle responsabilità, nessuno potrebbe tirarsi fuori». Losappio si scaglia contro «l'incoerenza del Pdl», che in Salento «guida l'insurrezione », mentre Berlusconi fa rimuovere i blocchi campani dalle forze dell'ordine» (potrebbe capitare lunedì anche ad Ugento). I consiglieri Pdl (Rocco Palese, Raffaele Baldassarre e Mario Vadrucci) non mollano la presa e invocano una riunione urgente del consiglio regionale e provinciale per una «informativa dettagliata e realistica sui tempi di entrata in funzione dei nuovi impianti».

Articoli correlati

  • Chi volle la legge sulla diossina in Puglia
    Ecologia
    Fact checking

    Chi volle la legge sulla diossina in Puglia

    Oggi l'avvocato dell'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto l'assoluzione del suo assistito rivendicandone i meriti ambientali, fra cui quello di aver voluto la legge regionale sulla diossina e di aver richiesto un'autorizzazione ambientale più rigorosa. E' vero o no?
    9 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione
    Processo Ilva
    “Il governo di Vendola è stata veramente una primavera pugliese per la tutela dell’ambiente”

    Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione

    “Sono sei anni che siamo in una situazione di sofferenza, sono sei anni che Vendola ha scelto di uscire dalla scena politica perché vuole prima attendere che questo processo si concluda”, ha detto oggi in aula l’avvocato Muscatiello.
    9 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA
    Editoriale
    Perché non richiese alcuna indagine epidemiologica come quella commissionata dal GIP Todisco?

    Alcune domande a Nichi Vendola sul processo ILVA

    Il pubblico ministero a Taranto ha parlato di una gestione "sciagurata e criminale" dell'ILVA. Da giorni focalizza e approfondisce in modo dettagliato una lunga serie di fatti che lasciano sconcertati. Ma chi governava sapeva?
    8 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Flacone vecchio di 50 anni ritrovato nelle acque del porto di Ancona
    Ecologia
    La lunga vita dei rifiuti di platica

    Flacone vecchio di 50 anni ritrovato nelle acque del porto di Ancona

    «Ritrovare un oggetto come questo può sembrare assurdo, ma va considerata la particolare durabilità della plastica perché un prodotto di questo genere può resistere 400-500 anni in mare».
    7 gennaio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)