Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'iniziativa sarà finanziata da un fondo privato

Diossina nel sangue, una colletta per fare le analisi ai tarantini

Ogni esame costa intorno ai mille euro
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 29 dicembre 2009

ILVA Taranto (1) Esame del sangue ai tarantini per riscontrare il livello di diossina. Sarà gratuito e coinvolgerà, divsi per età, sesso e quartiere, tutti i cittadini che volontariamente daranno il consenso a sottoportsi al controllo. I laboratori che effettueranno le analisi saranno pagati da un fondo che raccoglierà i contributi degli imprenditori ionici sensibili al problema e di quanti vorranno alimentarlo per contribuire a fare chiarezza su una situazione in cui l'azione dei privati può supplire quella pubblica.

L'iniziativa è appena stata annunciata e su Facebook sono già piovute decine di adesioni e richieste per le analisi di laboratorio. Il titolare del progetto è Fabio Matacchiera, l'ambientalista subacqueo favorevole al referendum sulla chiusura dell'llva. L'ha varato perchè malgrado la legge regionale antidiossina lo preveda, il campionamento in continuo delle emissioni dagli impianti siderurgici di Taranto è un adempimento che viaggia con molto ritardo.

Sono passati da dieci mesi i sessanta giorni indicati dalle norme regionali come limite per presentare il progetto per il controllo in continuo ma Ilva non l'ha ancora fatto. Di qui la mossa di Matacchiera. "Sarà fatto tutto nella massima trasparenza - sottolinea - i contribuiti saranno versati direttamente in un fondo , non ci saranno passaggi di denaro
a livello personale, tutto il percorso economico di questa operazione sarà limpido e permetterà di indirizzare il ricavato esclusivamente allo scopo previsto. La dotazione del fondo sarà controllabile online attraverso una password che verrà comunicata pubblicamente a tutti". Ogni analisi, specifica Matacchiera, costa attorno ai mille euro e lui ha individuato già i laboratori universitari che danno la garanzia di affidabilità del risultato. Il numero dei tarantini il cui sangue potrà essere utilizzato dipenderà dalla dotazione del fondo. Il test sarà anonimo.
"Non intendo minimamente scavalcare le istituizioni - conclude l'ambientalista - bensì scuotere ulteriormente l'opinione pubblica su questa situazione critica che a Taranto si sta cronicizzando"

Un paio di anni fa l'associazione "Tarantoviva" sottopose dieci cittadini di Taranto all'analisi del sangue per verificare il tasso di diossina. Secondo Matacchiera, in quella circostanza, il sangue dei volontari fu mescolato in un unico campione ed il risultato ottenuto rappresentava solo un valore medio. Pur essendo notevolmente alto non permetteva però di distinguere i livelli individuali di diossina presente.

L'assessore regionale al lavoro, Michele Losappio, intanto, sottolinea l'importanza dell'impianto che abbatterà le emissioni di diossina al valore minimo di 0.4 nanogrammi per metro cubo presentato da Ilva.
"Da un lato - osserva l'assessore - fa chiarezza sulle polemiche avanzate da una parte del mondo economico e da alcuni politici della destra che straparlavano di una legge che per la sua inapplicabilità avrebbe portato alla chiusura dell'Ilva, dall'altro rende giustizia a chi si è battuto per portare a casa un risultato che per la prima volta inverte decisamente la tendenza a far finta di niente che ha contraddistinto la classe dirigente regionale per almeno 20 anni".

Articoli correlati

  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)