Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il comitato scientifico ieri ha definito gli scopi del centro di ricerca con indirizzo ambientale

Primi vagiti del Polo tecnologico La missione: bonificare Taranto

Il centro si occuperà di dare risposte sui temi ambientali

Fonte: Corriere del Giorno - 02 febbraio 2010

Il Polo tecnologico Magna Grecia punta alla bonifica dell'aria e dell'acqua: così il comitato scientifico riunitosi ieri nella sede dell'Ateneo di Bari ha gettato le prime basi
per quello che sarà il cuore della ricerca del territorio ionico. All'incontro prettamente scientifico cui hanno preso parte rappresentanti del mondo universitario, dell'Asl del Cnr e dell'Arpa ne seguirà oggi uno di indirizzo politico a cui prenderanno parte i partner dell'importante progetto (ore 15 in Palazzo di città a Taranto). Dopo che la Regione ha finanziato con un importo di 50 mila euro lo studio di fattibilità, il progetto inizia ad entrare nel vivo. Il polo tecnologico, che avrà sede nel quartiere Paolo VI, sarà un centro di ricerca con indirizzo ambientale che si occuperà di studiare e dare risposte sui temi derivanti dal rapporto tra ecosistema e industria. Ilva di Taranto

Il progetto nasce da un protocollo avviato tra Comune, Provincia, Asl, Arpa, Cnr, Politecnico, Università. Lo studio di fattibilità del centro previsto in Area vasta, finanziato dalla Regione con fondi Cipe, è stato affidato al Politecnico ionico, partner dell’iniziativa. Tra i presenti all'incontro di ieri i rettori dell'Ateneo Barese Corrado Petrocelli e del politecnico Nicola Costantino, i presidi delle facoltà tarantine di Giurisprudenza, Antonio Uricchio, e di ingegneria, Gregorio Andria, e i rappresentanti dell'Asl Cosimo Scarnera dell'Arpa Giorgio Assennato e del Cnr Nicola Cardellicchio.

Tra i compiti del comitato scientifico, che ieri ha gettato le basi degli obiettivi cui guarda il progetto, vi è stato anche quello di ipotizzare il futuro: ovvero l'opera di bonifica che da qui ad un tempo abba s t a n z a breve si dovrà mettere in atto per decontaminare l'aria, e soprattutto l'acqua e l a t e r r a (elementi che maggiormente trattengono agenti inquinanti) di Taranto. Tra le peculiarità del polo tecnologico tarantino vi è sicuramente lo stretto legame che avranno le ricerche di tutte le realtà scientifiche riunite in un unico polo: lavorare sulla formazione dei nuovi ricercatori ma soprattutto sull’innovazione dei processi di bonifica, in special modo dalla diossina, e salvaguardia dell' ambiente.« Do bbiamo già capire da oggi che approccio avere nel futuro con quello che ha lasciato la sostanza inquinante. Quindi oggi pensiamo ad un approccio avanzato: un occhio sul presente per vedere come decontaminare nel futuro» ha spiegato al Corriere il dirigente Spesal Cosimo Scarnera.

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)