Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Controlli all'Eni: Allertati Arpa e Vigili del Fuoco

Occorre accertare eventuali responsabilità penali e civili dell’azienda anche in riferimento ai danni causati dall’ultimo incidente di venerdì notte. L’AIA deve essere rilasciata solo rendendo più severe le prescrizioni attualmente previste in bozza
16 marzo 2010
Altamarea (Coordinamento di cittadini e associazioni)

Nella notte fra il 15 e il 16 marzo c'è stato un sopralluogo all'ENI di Arpa e Vigili del Fuoco, allertati dalla Prefettura. -

Altamarea ha raccolto informazioni su questo allertamento, dopo aver notato e fotografato (le immagini sono su Facebook) poco dopo le 23 una nube sopra la zona industriale, che si è rapidamente spostata.

Dalle informazioni raccolte, la Prefettura sostiene di essere stata allertata da cittadini; ma Altamarea non aveva avvisato la Prefettura.

Per cui segnalazioni indipendenti da Altamarea e dalle sue "ecosentinelle" sono giunte alle autorità competenti, segno di una effettiva esistenza della criticità notata.

L'allertamento fa seguito al recentissimo incendio all'ENI che ha richiesto un inteso lavoro dei vigili del fuoco per lo spegnimento.

Indipendentemente dall'esito di quest'ultimo allertamento e delle situazioni in cui si è sprigionata la nube (tutte ancora da accertare, compresa la provenienza), va detto comunque che la catena di incidenti degli ultimi anni e le carenze emerse nella gestione e controllo ambientale della raffineria nell’ambito delle procedure di rilascio dell’AIA destano forti preoccupazioni e sono da ritenersi ormai intollerabili per il territorio. L’incendio al nuovo impianto di idrocracking segue altri incidenti di diversa portata (1° Maggio ’06 / 12 Ottobre 2007/ etc ). Per fronteggiare emergenze varie (tra cui black out) le torce hanno più volte sprigionato nell’aria emissioni e fumi neri in quantità straordinarie con relativo impatto ambientale.

La situazione dell’azienda, sul piano della sicurezza e dell’impatto ambientale, è diventata di fatto insostenibile esponendo il territorio a sempre maggiori rischi. In particolare forti sono i suoi ritardi negli adempimenti della direttiva Seveso” ed in materia di antincendio:

a) il rapporto di sicurezza dell’ENI è stato circa due anni addietro bocciato dal Comitato Tecnico Regionale e tuttora non risulterebbe approvato. L’azienda è stata anche denunciata dallo stesso CTR alla magistratura. Nella relazione dell’ARPA datata 15 Luglio 2008 si evince come dal “ Rapporto di sicurezza del deposito GPL sono emerse…anomalie riguardanti la funzionalità e affidabilità degli impianti di protezione attiva antincendio (impianto di spegnimento a pioggia con acqua di mare) e dell’impianto elettrico ADPE delle pensiline di carico”.

b) al Dicembre 2007 l’ENI era sprovvista dei certificati di prevenzione incendi. Questi ultimi, secondo il rapporto redatto dagli ispettori del Ministero dell’Ambiente, risulterebbero scaduti il 27 Dicembre 1988 per la raffineria ed il 30 Giugno 1997 per il deposito GPL. Allo stato attuale non sembra che l’azienda ne sia ancora entrata in possesso.

c) ancora nell’Ottobre 2009 all’azienda sono state imposte nuove ed urgenti prescrizioni da parte del Comitato Tecnico Regionale per il rischio rappresentato dall’esercizio di alcuni impianti. Per non incorrere in pesanti conseguenze l’ENI è intervenuta per mettere in regola alcune pensiline ma è stata costretta a chiudere alcuni serbatoi non a norma.

Altamarea ritiene che rispetto al quadro rappresentato, aggravato anche dai ritardi di Comune e Prefettura nell’applicazione della “Direttiva Seveso”, si debba ormai agire con decisione affinchè l’azienda possa mettere in regola i propri impianti.

Rispetto ai fatti rappresentanti occorre accertare eventuali responsabilità penali e civili dell’azienda anche in riferimento ai danni causati dall’ultimo incidente di venerdì notte. L’AIA deve essere rilasciata solo rendendo più severe le prescrizioni attualmente previste in bozza.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)