Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Questa sera iniziativa a piazza Caduti del lavoro dalle ore 19.00

Il diritto dei bambini di stare bene

Si conclude a Taranto un bel progetto dedicato ai bambini del quartiere Tamburi, ideato dal comitato "Donne per Taranto". Ma adulti e Istituzioni rischiano di essere poco attenti ai più giovani, occupandosi delle loro esigenze, ma non sempre dei loro diritti fondamentali.
6 agosto 2011

Ne sappiamo tutti qualcosa, ormai, ma si moltiplicano gli studi che provano che i danni procurati ai bambini e agli adolescenti da alcune sostanze pericolose con cui vengono a contatto, che respirano o ingeriscono, sono  pesantissimi, vanno oltre quanto immaginiamo e sono in grado di segnarne tutta la vita, e addirittura di colpire le generazioni future attraverso alterazioni del patrimonio genetico.

I bambini non possono fare nulla per difendere il loro diritto di vivere in un modo sano. Sembra un argomento scontato, ma vale la pena di ricordare le nostre responsabilità e quelle delle istituzioni. Dobbiamo concentrarci su questo,  fare - ed esigere - bilanci in termini di tempo, denaro e risorse destinati in modo specifico a tutelare i bambini e la loro salute.

Ogni famiglia e ogni comunità - soprattutto nelle nostre città industriali - si fermi a riflettere e faccia domande, esigendo risposte serie; lo faccia insieme ai medici, agli amministratori pubblici, agli insegnanti.  

Farli diventare grandi

 "Siamo così attenti alle esigenze dei bambini. Ci occupiamo dei beni materiali, della qualità dei loro rapporti, di ciò che potrebbe ferirli. Cerchiamo di offrire loro occasioni che ne arricchiscano l'intelletto, l'esperienza, la creatività. Ma pensiamo poco alla esistenza di questi piccoli nella parte più legata alla natura, e al futuro dei loro corpi, alla possibilità di crescere sani, di essere felici, liberi.

Non è facile capire qual è il mistero di questa sproporzione di attenzione e spiegare l'indifferenza - mentre ogni volta che un qualsiasi bimbo si ferisce ne siamo sinceramente coinvolti - con cui lasciamo che vengano avvelenati...

... E c'è anche altro: da giovanissimi, con ciò che ci accade, costruiamo la nostra identità, acquisiamo la consapevolezza di essere soggetti di diritti, la dimensione della distanza o prossimità tra noi e la necessità e possibilità di agire e contare per noi stessi e per chi ci è vicino. Quando questo passaggio dovesse rimanere oscuro - privato di valore - i nostri ragazzi e le generazioni future non imparerebbero neanche a difendersi e a prendersi cura della propria persona; e così anche a prendersi cura dei futuri bambini, di chi è malato, di persone e popoli che hanno problemi diversi...".    

      Dal Dossier consegnato l'1 febbraio alla Commissione Bicamerale per l'Infanzia e l'adolescenza:"La salute dei bambini, le minacce del benzo(a)pirene"

Anche le persone più anziane andrebbero coinvolte, rivolgendo loro iniziative di aggregazione e di informazione (un punto di debolezza questo soprattutto nel nostro Sud): sarebbero le più adatte a svolgere - come accadeva un tempo - un ruolo di riflessione all'interno delle famiglie, e di presenza più attiva nella società, perché avvertono con più profondità, con il passare del tempo, quanto sono preziosi i più piccoli e quanto sia grande la loro fragilità.

Le donne già impegnate e attive sono le più adatte - almeno nel momento presente - a creare queste relazioni, a includere, a superare distanze e diffidenze o il senso di inadeguatezza che può tenere lontane le persone più semplici. E' il motivo per il quale in tante realtà il loro impegno ha prodotto tanti risultati, proprio in quei territori dove appariva più difficle, mancando storicamente un'esperienza di impegno e di partecipazione diffusa.

Può darsi che nell'esperienza e nei progetti di "Donne per Taranto" questo incontro - diciamo con i nonni - sia già presente; è comunque una sollecitazione anche per le prossime iniziative.

Ne servono tante, perché le aggressioni da cui difendere i bambini sono veramente troppe; la scoperta di un eccesso di berillio nel quartiere Tamburi, nel 2010, e l'ordinanza del Comune che ha vietato di giocare a contatto con il terreno ne sono stata l'ennesima conferma. E' giusto fare tutto quello che serve  perché ogni problema sia affrontato, pianificando e attuando i necessari interventi.

Intanto, a partire dal mese di settembre, la Commissione parlamentare per l'Infanzia e l'Adolescenza fisserà alcune sedute dedicate ai rischi per la salute dovuti all'alta concentrazione nell'aria di benzo(a)pirene - un cancerogeno di cui oramai a Taranto si sa molto - dopo l'arretramento della tutela dovuto a una "inattesa" disposizione di legge dell'estate 2010.  Lo scorso inverno - dopo aver esaminato i documenti relativi alla situazione ambientale a Taranto e Trieste nel corso di un'audizione - la Commissione ha infatti deciso di svolgere un'indagine conoscitiva.

 

Note: Le foto del progetto "Mani nel Colore, Mani nella Terra":
http://www.peacelink.it/gallerie/gallery.php?id=170&p=1

Articoli correlati

  • Convegno a Taranto:
"Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"
    Taranto Sociale
    Comunicato di Medicina democratica

    Convegno a Taranto: "Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita"

    "I cittadini e i lavoratori di Taranto hanno ragioni “da vendere”- ha aggiunto Caldiroli- per pretendere la chiusura o almeno una drastica riduzione dell'impatto dei processi produttivi maggiormente inquinanti (in particolare dell’area a caldo) degli impianti ex ILVA di Taranto.
    12 aprile 2019 - Medicina democratica
  • Al tg3 Puglia il nuovo l'allarme diossina a Taranto
    Taranto Sociale
    Il sindaco ha chiuso due scuole in attesa della verifica dei dati Arpa.

    Al tg3 Puglia il nuovo l'allarme diossina a Taranto

    + 916% di diossina nell'aria di Taranto, secondo le rilevazioni delle centraline Arpa diffuse dai Verdi che annunciano un esposto. In attesa delle verifiche ministeriali, il Comune chiude due scuole vicine alla discarica ex Italsider
    3 marzo 2019 - Fulvia Gravame
  • Fiaccolata per gli Angeli di Taranto
    Pace
    Corteo: pensare globalmente, agire localmente, coordinarsi internazionalmente

    Fiaccolata per gli Angeli di Taranto

    Per ricordare i bambini morti di cancro e per dire NO all'inquinamento
    25 febbraio 2019 - Laura Tussi
  • Taranto deve salvare i suoi bambini
    Ecologia

    Taranto deve salvare i suoi bambini

    Una Fiaccolata per ricordare i bambini vittime d'inquinamento industriale
    25 febbraio 2019 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)