Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Processo Ilva: Taranto presente

Venerdi 17 si svolgerà nel Tribunale di Via Marche l’udienza per l’incidente probatorio che vede sul tavolo degli indagati i 4 vertici dell’Ilva per disastro ambientale relativamente alle emissioni di diossina oltre a quelle di avvelenamento colposo di sostanze alimentari e getto pericoloso di cose
16 febbraio 2012
Comitato Donne per Taranto

Venerdi 17 c.m. è una giornata importante per Taranto: si svolgerà nel Tribunale di Via Marche, l’udienza per l’incidente probatorio che vede sul tavolo degli indagati i 4 vertici dell’Ilva per disastro ambientale relativamente alle emissioni di diossina oltre a quelle di avvelenamento colposo di sostanze alimentari e getto pericoloso di cose.

Sono trascorsi 14 mesi dall’inizio dell’incidente probatorio e la notizia che qualche giorno fa i periti chimici hanno depositato la prima parte della  maxi perizia con la quale si definisce la Fonte Inquinante,  quella che ha contaminato le pecore abbattute e i terreni circostanti,  non può che rilanciarci in un’ottica di speranza e di ottimismo verso quell’ unico nostro obiettivo: che si faccia Verità e che si ottenga Giustizia.

Per questo motivo venerdì 17 è una giornata  importante per tutta la città e non solo  per gli allevatori, prime vittime di un dramma che ha visto consumare, nell’arco di 2 anni,  una strage senza precedenti,  ma per tutti coloro che, come noi, non sono più disposti ad accettare che quella Industria continui la sua opera di distruzione della nostra Terra e della nostra Salute come scritto nelle conclusioni della perizia: “…dallo stabilimento Ilva spa si diffondono gas, vapori, sostanze aeriformi e sostanze pericolose per la salute dei lavoratori e della popolazione del vicino centro abitato di Taranto…”

Il nostro ringraziamento va alla dott.ssa Patrizia Todisco e ai periti per il lavoro compiuto fino ad oggi ma anche e soprattutto ad Alessandro Marescotti presidente di Peacelink. A lui va il nostro Grazie sincero per aver permesso con la sua denuncia l’avvio delle indagini partite circa tre anni fa, in seguito al ritrovamento di pericolose tracce nei formaggi provenienti dagli allevamenti che pascolavano a ridosso della zona industriale. Foto dal titolo "Il cancro della mia città"


Insieme a tutto questo denunciamo l’assenza della Regione da questo Processo, unica a non essersi tutt’oggi, costituita parte civile.  Regione che, almeno sulla carta, conosce benissimo gli effetti di queste emissioni nocive avendo emanato una ordinanza che vietava il pascolo nel raggio di 20 km dal Polo Industriale. Ci sembra un' offesa alla città e a coloro che hanno subito pesantemente tutto ciò, che in sede di Gustizia la Regione preferisca tenersi fuori. Tutto questo la città non può e non deve accettarlo e noi, come Comitato Donne per Taranto oltre a vigilare affinchè Comune e Provincia non ritirino la costituzione di parte civile, come già avvenuto in passato, chiediamo con forza alla Regione di compiere il proprio dovere Istituzionale dinanzi ad una città che di chiacchiere è stanca.

Il 17 noi, del Comitato Donne per Taranto, saremo presenti (al di fuori del Tribunale essendo una udienza a porte chiuse) e invitiamo la popolazione a presenziare in modo dignitoso e silenzioso, mettendo una fascia bianca al braccio, senza intralciare i lavori di Giudici e avvocati e lasciando che sia la Giustizia a fare il suo percorso come fatto fino ad oggi, almeno in questa pagina di storia per la nostra Città. 


Taranto sia Presente!

 

 

 

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)