Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Inquinamento da diossina, oggi sarà discussa la maxiperizia. Catena umana davanti al tribunale di Taranto per sostenere la magistratura

Daniele Marescotti17 febbraio 2012

 Oggi sarà discussa in tribunale, a Taranto, la maxiperizia richiesta dal GIP Patrizia Todisco. La maxiperizia cercherà di fare luce sulle responsabilità che ruotano attorno alla contaminazione da diossina che, nella città jonica, ha interessato il formaggio, la carne e le cozze. La perizia individua, oltre alla diossina, anche un mix di emissioni inquinanti che non ha eguali in Italia per varietà e quantità. Un ruolo importante è stato svolto dall'Arpa Puglia che, secondo PeaceLink, avrebbe fornito “un'enciclopedia di veleni, offrendo una finestra di conoscenza in passato negata”.

 

La vicenda, che ha visto la diossina protagonista della contaminazione degli alimenti, è stata portata alla luce nel 2008. “Già attraverso i risultati sui formaggi analizzati cominciava un percorso difficile, ripido e pieno di ostacoli”, ha ricordato PeaceLink. Infatti il 27 febbraio 2008 l'associazione portò in tribunale un esposto con i risultati delle analisi di laboratorio sul pecorino contaminato dalla diossina. “Oggi possiamo dire che ne è valsa la pena, – ha sostenuto PeaceLink - ripetevamo spesso che nulla sarebbe stato come prima. E così è stato. Il desiderio di legalità e di giustizia rinasce dalla città più inquinata d'Italia e si fa impegno civile per tutta la nazione”.

 

Davanti al tribunale un gruppo di cittadini si stringerà a formare una catena umana a sostegno del lavoro finora svolto dai magistrati nella vicenda. La catena umana appoggerà silenziosamente anche coloro i quali, come gli allevatori, hanno subito un danno a causa dell'avvelenamento da diossina. La presenza dei cittadini vuole essere il segno che il tema ambientale è fortemente sentito dalla popolazione tarantina. In proposito PeaceLink ha dichiarato: “Con la voce del silenzio giungerà un forte sostegno alla magistratura. Attorno al tribunale una catena umana abbraccerà gli allevatori. La città li sosterrà, fino alla vittoria”.

 

 

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)