Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Inquinamento da diossina, oggi sarà discussa la maxiperizia. Catena umana davanti al tribunale di Taranto per sostenere la magistratura

17 febbraio 2012
Daniele Marescotti

 Oggi sarà discussa in tribunale, a Taranto, la maxiperizia richiesta dal GIP Patrizia Todisco. La maxiperizia cercherà di fare luce sulle responsabilità che ruotano attorno alla contaminazione da diossina che, nella città jonica, ha interessato il formaggio, la carne e le cozze. La perizia individua, oltre alla diossina, anche un mix di emissioni inquinanti che non ha eguali in Italia per varietà e quantità. Un ruolo importante è stato svolto dall'Arpa Puglia che, secondo PeaceLink, avrebbe fornito “un'enciclopedia di veleni, offrendo una finestra di conoscenza in passato negata”.

 

La vicenda, che ha visto la diossina protagonista della contaminazione degli alimenti, è stata portata alla luce nel 2008. “Già attraverso i risultati sui formaggi analizzati cominciava un percorso difficile, ripido e pieno di ostacoli”, ha ricordato PeaceLink. Infatti il 27 febbraio 2008 l'associazione portò in tribunale un esposto con i risultati delle analisi di laboratorio sul pecorino contaminato dalla diossina. “Oggi possiamo dire che ne è valsa la pena, – ha sostenuto PeaceLink - ripetevamo spesso che nulla sarebbe stato come prima. E così è stato. Il desiderio di legalità e di giustizia rinasce dalla città più inquinata d'Italia e si fa impegno civile per tutta la nazione”.

 

Davanti al tribunale un gruppo di cittadini si stringerà a formare una catena umana a sostegno del lavoro finora svolto dai magistrati nella vicenda. La catena umana appoggerà silenziosamente anche coloro i quali, come gli allevatori, hanno subito un danno a causa dell'avvelenamento da diossina. La presenza dei cittadini vuole essere il segno che il tema ambientale è fortemente sentito dalla popolazione tarantina. In proposito PeaceLink ha dichiarato: “Con la voce del silenzio giungerà un forte sostegno alla magistratura. Attorno al tribunale una catena umana abbraccerà gli allevatori. La città li sosterrà, fino alla vittoria”.

 

 

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)