Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ambiente

Vincoli ambientali, si ricomincia

Oggi a Roma i tecnici di Regione, Provincia e Comune dovranno ridiscutere al Ministero dell'Ambiente l'autorizzazione concessa all'industria siderurgica
28 marzo 2012
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 28 marzo 2012

Punto e a capo: da oggi a Roma si torna a discutere dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) concessa all’Ilva il 4 agosto scorso dal ministero dell’Ambiente, guidato all’epoca da Stefania Prestigiacomo.

I risultati emersi dal lavoro dei periti incaricati dal gip Patrizia Todisco, e messi per iscritto nelle due perizie, chimica ed epidemiologica, hanno portato allo scoperto l’inadeguatezza dei vincoli contenuti nell’Aia rispetto alle reali esigenze di tutela dell’ambiente e della salute dei lavoratori e della popolazione e l’assenza di alcune misure che l’azienda deve porre in atto per tenere sotto controllo le emissioni.

Di qui la decisione del ministro Corrado Clini di riavviare la procedura e arrivare a una nuova formulazione dell’autorizzazione più stringente rispetto alle prescrizioni precedenti. Oggi si riuniranno gli esperti ministeriali insieme con i tecnici degli enti locali per riesaminare la documentazione dell’Aia concessa sette mesi fa alla luce dei dati forniti dalle perizie chimica e medica. Si tratta delle relazioni al centro dell’incidente probatorio chiesto dai magistrati tarantini nell’inchiesta nella quale sono indagati i vertici e i dirigenti dello stabilimento siderurgico di Taranto. Incendio Ilva di Taranto

Dopodomani è in programma l’udienza in cui è all’esame delle parti la relazione dei quattro esperti di epidemiologia. Il ministro Clini annunciò la rivisitazione dell’Aia il 6 marzo scorso. Il 14 incontrò a Bari il presidente della Regione Nichi Vendola, il sindaco di Taranto Ezio Stefàno, il presidente della Provincia Gianni Florido per una prima valutazione che ha portato all’incontro di oggi.

La nuova Aia dovrà prescrivere all’azienda misure più rigorose che impongano l’adozione di tecnologie e pratiche operative che minimizzino le emissioni. In particolare sono messe sotto accusa quelle fuggitive e non controllate e i parchi minerali allo scoperto. Nel frattempo l'Ilva ha ottenuto un parziale stop all'autorizzazione integrata ambientale. Tre settimane fa il Tar di Lecce ha accolto il ricorso della società di Riva e ha sospeso l'efficacia di alcuni aspetti dell'Aia. In particolare sono tre gli aspetti sui quali i giudici amministrativi si sono espressi: i sistemi di abbattimento di macro e micro inquinanti; il piano di monitoraggio e controllo delle emissioni; la revisione della rete di smaltimento delle acque reflue.

Articoli correlati

  • Lo Stato dà i soldi del patteggiamento all'ILVA? PeaceLink scrive alla Commissione Europea per impedirlo
    Ecologia
    Comunicato stampa

    Lo Stato dà i soldi del patteggiamento all'ILVA? PeaceLink scrive alla Commissione Europea per impedirlo

    L'articolo 107 del TFUE (Trattato di Funzionamento dell'Unione Europea) che, come è noto, vieta a livello europeo l'uso del denaro pubblico per aziende in crisi. Tali operazioni si configurerebbero come "aiuto di stato" e sono vietate dall'articolo 107 del TFUE. L'Italia è già sotto procedura di infrazione dopo che PeaceLink aveva segnalato l'uso di fondi pubblici per le attività produttive dell'ILVA. Ma dopo le dichiarazioni emerse nell'audizione parlamentare, PeaceLink si è nuovamente rivolta alla Commissione Europea per segnalare con preoccupazione l'annuncio che una quota di questa notevole somma derivante dal patteggiamento servirà al rilancio produttivo dell'ILVA. In altri termini lo Stato restituisce la somma sequestrata alla stessa fabbrica che ha inquinato senza alcuna sicurezza che l'eccesso di malattie e morti non prosegua in futuro e senza definire un programma chiaro e condiviso che indichi i tempi e le modalità per la decontaminazione del terreno e della falda, cosa che invece era stata richiesta dalla Commissione Europea al governo italiano.
    21 gennaio 2017 - Associazione PeaceLink
  • PeaceLink su rinvio processo Ilva al 18 luglio
    Ecologia

    PeaceLink su rinvio processo Ilva al 18 luglio

    Il comunicato stampa
    14 giugno 2016 - Redazione Peacelink
  • A Taranto comincia il processo ILVA
    Processo Ilva
    Alla presenza del pubblico

    A Taranto comincia il processo ILVA

    Sono nell’aula Alessandrini, aula grigia e disadorna, la più grande del tribunale di via Marche ma non sufficientemente ampia per contenere i magistrati, gli imputati. C’è una fila per la costituzione di altre parti civili, e ormai abbiamo superato il numero indicativo di mille. Siamo così tanti che le connessioni wireless arrancano.
    17 maggio 2016 - Alessandro Marescotti
  • Ilva Taranto, il gip avvisa: “O rispetta prescrizioni Aia o sarà di nuovo sequestro”
    Taranto Sociale
    Il caso

    Ilva Taranto, il gip avvisa: “O rispetta prescrizioni Aia o sarà di nuovo sequestro”

    In un'ordinanza di 40 pagine, Patrizia Todisco sottolinea come l'azienda non abbia ottemperato a quanto chiesto e che vi siano ancora “accertate violazioni in materia di tutela ambientale e sanitaria”
    6 novembre 2013 - Francesco Casula
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)