Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Insieme per un lieto fine

Siamo tutti vittime dello stesso enorme gioco di potere che si perpetra da decenni, non abbiamo alternative, lavoriamo ai fatti
4 aprile 2012
Famiglia Fornaro (Allevatori danneggiati dall'inquinamento.)

Sono giorni particolari questi. Sono giorni di improvviso e grande fermento, durante i quali scorrono fiumi di parole. Ognuno sembra avere qualcosa da dire. Tutto per la verità sembra importante e tutto, o quasi, sembra giusto. Ogni punto di vista va’ rispettato, ogni proposta va’ accolta, ogni problematica compresa. Sono tempi duri. La paura di perdere il lavoro, che da’ da mangiare a noi e ai nostri figli, ci insegue come un'ombra onnipresente, uno spettro che tutti temono. Noi in questo periodo, che di lavoro facciamo gli allevatori da ben tre generazioni, più di chiunque altro comprendiamo ciò di cui si sta parlando. Pecore-Ilva

Noi, che il lavoro l’abbiamo perso da anni e che andiamo avanti grazie all’aiuto di chi un lavoro ancora ce l’ha perché da tempo è andato a vivere altrove.

Noi, che dal 10 Dicembre del 2008 viviamo quotidianamente a contatto col fantasma della nostra azienda vuota. Col fantasma del nostro futuro.

Noi, che viviamo un terribile conflitto fra gioia e dolore. Certo, gioiamo perché dopo quasi cinque anni qualcuno ci sta dicendo che forse riceveremo giustizia per il danno subito. Ma questo sentimento ci accompagna solo per un attimo perché non si può essere felici nell’avere la certezza che questa è una terra senza futuro. Dunque dov’è il lieto fine? Per noi, danneggiati da chi ha inquinato e da chi avrebbe dovuto tutelarci e non l’ha fatto.

Per gli operai,che giustamente reclamano attenzione e soluzioni concrete. Per i bambini, figli nostri e loro che qui vivono, crescono e non si sa incontro a cosa vanno.  E soprattutto, chi dovrà essere l’artefice del nostro lieto fine? 

E’ inutile continuare a schierarsi gli uni contro gli altri. Nessuno  possiede l'esclusiva della lotta per la difesa dell’ambiente in cui tutti viviamo e della salute, così come nessuno la possiede di quella contro la disoccupazione. Stiamo parlando di diritti inviolabili che appartengono a tutti noi. Dunque siamo tutti vittime dello stesso enorme gioco di potere che si perpetra da decenni, per la verità anche grazie alla nostra facile accondiscendenza.

E‘ vero, sono tempi duri. Ma sono anche tempi di risveglio della coscienza civile. La magistratura lavora e, tanto più dopo una data importante come quella del 30 Marzo, serenamente deve continuare a farlo perché è suo compito indagare e portare alla luce la verità. Noi, tutti, dobbiamo lavorare alle soluzioni. Dobbiamo creare le condizioni per sperare ancora. Recriminare contro chi non ha fatto quando e quanto doveva, ormai non ha più senso. Tutti loro prima o poi dovranno rendere conto alla propria coscienza, alla giustizia terrena e non solo. Tutti sappiamo come stanno le cose e allora basta parole, cominciamo a lavorare ai fatti. Il problema c’è ed è toccato a noi. Riteniamo che chi ha il problema è la soluzione, non abbiamo quindi altra  alternativa se non quella di affrontarlo, non raggirarlo, non evitarlo, bensì cercare di risolverlo. Per avere finalmente il nostro lieto fine... 

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.30 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)