Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Sarebbe stata violata «la specifica normativa a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro"

«Morti bianche». Rinvio a giudizio choc per i vertici dell’Ilva

Il giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Tommasino ha rinviato a giudizio 28 persone, tra attuali ed ex dirigenti dello stabilimento siderurgico Italsider-Ilva
16 giugno 2012
Mimmo Mazza
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno - 16 giugno 2012

Disastro colposo, omissione dolosa di cautele sul luogo di lavoro e omicidio colposo. Il giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Tommasino ha rinviato a giudizio 28 persone, tra attuali ed ex dirigenti dello stabilimento siderurgico Italsider-Ilva, finiti sotto inchiesta per la morte di quindici operai, deceduti dal 2004 al 2010 per malattia professionale. A comparire il prossimo 3 ottobre dinanzi il giudice monocratico Massimo De Michele saranno il patron Emilio Riva, suo figlio Fabio, il direttore dello stabilimento Luigi Capogrosso e poi coloro i quali hanno traghettato l’acciaio di stato nelle mani della famiglia Riva dal 1975 al 1995, anno della privatizzazione, compresi personaggi noti come Giorgio Zappa, già direttore generale di Finmeccanica, in forza all’Ilva dal 1988 al 1993 quale vice prima e direttore generale poi.  foto di Taranto


Tutti gli imputati avrebbero secondo la pubblica accusa omesso, nei rispettivi ruoli, di «adottare cautele necessarie a tutelare l’integrità fisica degli operai, di realizzare sistemi di abbattimento delle polveri-fibre contenenti amianto, di far eseguire in luoghi separati le lavorazioni a rischio amianto, unitamente ad altre adeguate misure di prevenzione ambientali e personali per ridurre la concentrazione e la diffusione delle polveri-fibre di amianto generatesi durante le lavorazioni». 

Sarebbe stata violata in questo modo «la specifica normativa a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro», cagionando il «disastro costituito dall’insorg enza di malattie tumorali nei lavoratori dello stabilimento, e nello specifico, la conseguente morte dei lavoratori, tutti deceduti per aver contratto patologie correlabili con l’esposizione professionale all’amianto come il mesotelioma pleurico, il mesiotelioma peritoneale e il carcinoma polmonare».

Per quanto riguarda i due rappresentanti della famiglia Riva, proprietaria ormai dal 1995 dell’acciaieria, sono due le morti oggetto dell’inchiesta. Nel processo si sono costituiti parte civile i familiari della 15 vittime, la Fiom, l’Inail e l’associazione Controamianto. Agli atti del processo, che inizierà il prossimo 3 ottobre, ci sarà anche la perizia epidemiologica sull’Ilva redatta dai consulenti del gip Patrizia Todisco nell’ambito dell’inchiesta che vede indagati i vertici dell’Ilva per disastro ambientale doloso e altri gravi reati.

Note: Vedi anche
Ilva, quindici operai morti per l'amianto
a processo Riva con altri 28 dirigenti

I decessi dal 2004 al 2010 per malattia professionale. Per tutti gli imputati è stato ipotizzato il disastro colposo e l'omissione dolosa di cautele sul luogo di lavoro

http://bari.repubblica.it/cronaca/2012/06/15/news/ilva_quindici_operai_morti_per_l_amiato_a_processo_riva_con_altri_28_dirigenti-37268762/

Articoli correlati

  • "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”
    Processo Ilva
    Processo ILVA, quinto giorno di requisitoria del PM Mariano Buccoliero

    "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”

    “La diossina degli elettrofiltri” del siderurgico di Taranto “la ritrova all’esterno in ogni matrice analizzata”. Per il processo 'Ambiente Svenduto' l'accusa è quella di "disastro ambientale" ed è mossa contro l’Ilva gestita dai Riva. I fatti contestati partono dal 1995 per arrivare al 2012.
    9 febbraio 2021
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto
    Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Vincenzo Fornaro invita a mettere da parte le divisioni
    Taranto Sociale
    Triste anniversario della mattanza delle pecore 12 anni fa

    Vincenzo Fornaro invita a mettere da parte le divisioni

    Vincenzo Fornaro ricorda che proprio oggi nel giorno in cui probabilmente il governo firmerà l'accordo con ArcelorMittal ricorre l'anniversario della mattanza delle pecore della masseria Carmine della sua famiglia in quanto contaminate dalla diossina.
    10 dicembre 2020 - Redazione Tarantosociale
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)