Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il caso

Polveri dall'Ilva con vento forte l'Arpa: "Risolvere il problema"

Lunedì superati i limiti di Pm10 nel rione Tamburi per il maestrale. "Polveri provenienti dai parchi minerali ma le soluzioni prospettate dal siderurgico non vanno bene"
29 agosto 2012
Fonte: Repubblica ed. Bari - 29 agosto 2012

Lunedì scorso si è registrata a Taranto "una situazione di criticità ambientale che ha visto la diffusione di polveri nelle zone urbane limitrofe all'area industriale". Lo rende noto l'Agenzia regionale per la prevenzione e protezione dell'ambiente (Arpa), sottolineando che tale "criticità ha anche comportato il superamento del valore limite giornaliero di Pm10 nelle centraline di monitoraggio della qualità dell'aria di via Archimede e di via Machiavelli nel quartiere Tamburi".
Ilva ore 14.30 del 7 aprile 2010

In riferimento all'episodio, il Dipartimento Arpa di Taranto e il Centro Regionale Aria di Arpa Puglia hanno elaborato i dati registrati dalla propria rete di monitoraggio, dai quali emerge che i "valori di concentrazione registrati nelle due stazioni di monitoraggio hanno subito un progressivo incremento in entrambi i siti in concomitanza con l'instaurarsi di condizioni meteo caratterizzate da venti sostenuti (circa 6 m/s) provenienti dal settore nord-ovest (300-320N). Risulta evidente - osserva l'Arpa - che l'area maggiormente interessata dal trasporto operato dal vento è quella dei parchi minerali di Ilva spa, ubicata a nord-ovest rispetto al quartiere Tamburi".

Il direttore dell'Arpa Puglia, Giorgio Assennato, fa presente che l'Agenzia regionale "conosce perfettamente il fenomeno e lo ha relazionato più volte, a tutti i soggetti interessati e in tutte le sedi. Il fenomeno è causato dal trasporto delle polveri - stoccate nei parchi minerali Ilva - verso la città da partedel vento, che il 27 agosto scorso aveva direzione dal settore nord-ovest e velocità piuttosto sostenuta".

L'Arpa fa sapere, inoltre, di aver espresso più volte il proprio parere sulle possibili soluzioni, e di aver comunicato in passato "riserve sulla soluzione proposta dall'Ilva e inclusa nel pregresso provvedimento di Autorizzazione integrata ambientale, ovvero il barrieramento, mentre anche di recente - conclude l'Arpa - l'Agenzia ha riproposto, nell'ambito dell'attuale procedimento di riesame dell'Aia, la soluzione della copertura dei parchi ritenendo che sia quella più efficace".

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)