Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Balduzzi: Numeri riferiti ai dati 1998-2002

Ilva, mortalità aumentata del 10 per cento

Ministero Salute: «Nessun dato nuovo»
17 settembre 2012
Fonte: Corriere della Sera - 17 settembre 2012

Un eccesso di mortalità del 10 per cento nell'area dell'Ilva di Taranto. Questo emerge dal risultati dello studio "Sentieri" relativo a 44 siti di interesse nazionale per le bonifiche. Dati già noti da tempo, e relativi al periodo 1998-2002. Martedì al Ministero della Salute, alla presenza dei ministri Balduzzi e Clini, sarà presentatol'intero progetto, finanziato dal Ministero stesso e coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità. Non è chiaro però che cosa sarà presentato, visto che l'indagine di cui sopra è ampiamente conosciuta ed è stata pubblicata anche online sulla rivistaEpidemiologia e Prevenzione: il Ministero della Salute fa sapere che «i dati 2003-2008 sono in corso di elaborazione e attualmente ancora al vaglio della comunità scientifica». Secondo quanto riporta invece l'agenzia Ansa, i nuovi dati del progetto "Sentieri" relativi al periodo 2003 -2008 confermano un aumento della mortalità di circa il 10% rispetto a quella attesa. Foto dal titolo "Il cancro della mia città"

 

I NUMERI - Nel rapporto già pubblicato si legge in particolare che nell'area di Taranto sono stati rilevati un «eccesso di circa il 30% nella mortalità per tumore del polmone, per entrambi i generi, un eccesso compreso tra il 50% (uomini) e il 40% (donne) di decessi per malattie respiratorie acute», e un aumento de 10% nella mortalità per le malattie dell'apparato respiratorio.

 

PARTE CIVILE - Per quanto riguarda l'aspetto giudiziario della vicenda, il responsabile dell'Ambiente Clini ha dichiarato che il Ministero da lui presieduto si costituirà parte civile nel processo che dovrà individuare le responsabilità dell'«inquinamento ambientale». I legali dell'Ilva hanno invece rinunciato ai ricorsi presentati al Tribunale del Riesame di Taranto per far annullare i provvedimenti emessi il 10 e l'11 agosto dal gip Patrizia Todisco con i quali si ridefinivano i ruoli dei custodi e amministratori giudiziari degli impianti dell'area a caldo sequestrati perché inquinanti, e si revocava la nomina a custode-amministratore del presidente dell'Ilva Bruno Ferrante. Il 28 agosto scorso il Tribunale di Taranto, nel ruolo di giudice dell'esecuzione, aveva già accolto le richieste avanzate dall'azienda dichiarando l'inefficacia dei due provvedimenti del gip, confermando quanto stabilito in precedenza dal Tribunale del Riesame e reintegrando Ferrante nel collegio dei custodi-amministratori.

RISORSE - Il ministro Clini ha infine spiegato che per l'Ilva «le risorse del governo già messe a disposizione sono 90 milioni di euro, poi ci sono quelli che fanno riferimento ai fondi della regione Puglia. Poi altri 60 milioni di euro saranno disponibili all'inizio del prossimo anno». «Per il commissario - ha aggiunto - ancora non c'è una decisione, così come non c'è convergenza per la nomina del soggetto attuatore. Troveremo un equilibrio tra Regione e governo, credo che non appena il decreto sarà convertito alla Camera procederemo».

Articoli correlati

  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020
    Ecologia
    Comunicato stampa: "Benzene + 128%"

    L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020

    PeaceLink invita il Sindaco di Taranto, il Presidente della Provincia e il Presidente della Regione a inviare alla Commissione Europea e alla CEDU (Corte Europea dei Diritti dell'Uomo) tutta la documentazione per sottolineare l'incompatibilità con la salute pubblica dell'area a caldo dell'ILVA.
    7 dicembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • ArcelorMittal: Peacelink, aggravato impatto ambientale 
    Taranto Sociale
    “L'Ilva produce di meno ma inquina di più”

    ArcelorMittal: Peacelink, aggravato impatto ambientale 

    Lo afferma, a proposito di ArcelorMittal, siderurgico di Taranto, l’associazione ambientalista Peacelink che, citando i dati delle centraline pubbliche di rilevazione dell’aria, parla di “+128% di benzene nel 2020 rispetto al 2019 nel quartiere Tamburi di Taranto”,  il rione vicino all’acciaieria.
    7 dicembre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Come cala l'inquinamento a Taranto
    Taranto Sociale
    Elaborazione dati con il software Omniscope

    Come cala l'inquinamento a Taranto

    Cala la produzione ILVA e calano i dati dell'inquinamento. Tuttavia caricando i dati dei giorni successivi alle ispezioni nella fabbrica, volte a far proseguire la produzione, i valori degli inquinanti sono tornati a salire.
    21 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)