Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Mortalità a Taranto e Statte

Sentieri, ecco i dati che il ministro della Salute non rende noti

Probabilmente era un problema diffonderli e commentarli in un momento così delicato per Taranto, mentre i costodi giudiziari stanno cominciando a spegnere gli impianti inquinanti dell'Ilva.
19 settembre 2012

Dati studio SENTIERI aggiornato al 2008

Eccessi statisticamente significativi per popolazione Taranto e Statte

Oggi con Angelo Bonelli, presidente nazionale dei Verdi, ho presentato i dati che il ministro della Salute Balduzzi non rende noti e che definisce "provvisori": eppure sono stati consegnati alla Procura della Repubblica di Taranto il 30 marzo 2012 nell'ambito dell'incidente probatorio.

Rispetto ai dati del precedente studio Sentieri, si registra un aggravamento della situazione.

Infatti l'eccesso di mortalità per tutte le cause passa da +9% a +13% negli uomini.

Per le donne si passa da +7% a +8% (mortalità per tutte le cause).

I dati già gravi del precedente studio Sentieri (dati 1995-2002) risultano quindi ancora più gravi nell'aggiornameno (al 2008) dello studio in quanto gli eccessi di mortalità divengono ancora più sostenuti nell'aggiornamento, a dimostrazione che la situazione non sta migliorando a Taranto.

 Abbiamo i seguenti eccessi di mortalità statisticamente significativi:

+24% tumori trachea, bronchi, polmoni
+24% tumori al fegato
+38% linfomi

+306% per mesotelisioma

+17% per i tumori del sistema linfo-emopoietico

+ 25% decessi per demenze

+ 5% malattie el sistema circolatorio (di cui +27% per ipertensione e +18% per ischemie).

Particolarmente preoccupanti i dati relativi ai bambini: +35% i decessi per tutte le cause di morte per i bambini sotto un anno di età; +71% i decessi per alcune condizioni morbose di origine perinatale.

I decessi per malattie all'apparato respiratorio negli uomini passano da un eccesso di +7% (precedente studio) a un eccesso di mortalità del 16% nell'ttuale studio (mentre per le donne passano da +13 a + 6%).

I tumori ai polmoni registrano un eccesso di mortalità di +29% (uomini) e +21% (donne).

Complessivamente - in dati assoluti - si registra un eccesso di mortalità per tutte le cause di 194 decessi per anno a Taranto e Statte. E' un dato annuo superiore rispetto a quello registrato dai periti della Procura (i periti hanno scoperto un eccesso di mortalità di 91 decessi/anno di cui 30 attribuibili ll'inquinamento industriale).

La situazione è abbastanza grave per indurre a discutere e a riflettere su quei dati pronti per lo meno dal 30 marzo scorso. E invece ieri a Roma, nell'apposito convegno di presentazione dei dati di Sentieri, si è preferito presentare nuovamente quelli vecchi, come se i nuovi fossero troppo ingombranti e clamorosi. Probabilmente era un problema diffonderli e commentarli in un momento così delicato per Taranto, mentre i costodi giudiziari stanno cominciando a spegnere gli impianti inquinanti dell'Ilva.

 

Note: NOTE ESPLICATIVE. Il dato percentuale (eccesso di mortalità statisticamente significativo) è ricavato dal raffronto fra la mortalità osservata (i decessi effettivi) e la mortalità attesa (ricavata dalle medie regionali). I dati sono raccolti da Istat ed elaborati dall'Istituto Superiore della Sanità (ISS) nello studio Sentieri. La prima versione di Sentieri era relaviva al periodo 1995-2002. La nuova versione più arriornata va dal 2003 al 2008. Il Ministro della Salute non ha diffuso questi dati pur essendo pronti dal marzo di quest'anno e acquisiti dalla magistratura il 30/3/2012 nell'ambito dell'incidente probatorio sull'Ilva di Taranto.


RASSEGNA STAMPA

Ambientalisti, a Taranto +12% decessi per tumori
http://www.agi.it/research-e-sviluppo/notizie/201209191904-eco-rt10243-ilva_ambientalisti_a_taranto_12_decessi_per_tumori

Eccesso di mortalità a Taranto
http://www.tmnews.it/web/sezioni/top10/20120919_184257.shtml

Verdi: il governo sull'Ilva nasconde i dati. Clini querela Bonelli
http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=169518

Corriere della Sera: "Tumori più 12%"
http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/12_settembre_19/ilva-dati-mortalita-tumori-verdi-bonelli_97dc05ac-025d-11e2-9f2e-6124d1c3f844.shtml

"In 4 anni 776 decessi per i veleni"
http://affaritaliani.libero.it/cronache/taranto-clini-ilva190912.html

Articoli correlati

  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA
    Taranto Sociale
    L'ILVA multata per oltre 55 milioni di euro per non aver acquistato "certificati verdi"

    Lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sull'ILVA

    Richiesta di coinvolgimento dei cittadini ai sensi della Convenzione di Aarhus, recepita con legge 108/2001. Il Just Transition Fund non divenga la stampella per far proseguire ancora di qualche mese l'agonia dell'ILVA. Gli aiuti di stato sono vietati dal Trattato di Funzionamento dell'UE.
    23 luglio 2020 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • I terrapiattisti dell'ILVA
    Editoriale
    Come è recuperabile se perde cento milioni di euro al mese?

    I terrapiattisti dell'ILVA

    Nessuno ci ha mai spiegato come fa ad andare in equilibrio una fabbrica che, producendo meno di 4 milioni di tonnellate all'anno, dovrebbe superare i 7 milioni per raggiungere il pareggio.
    24 luglio 2020 - Alessandro Marescotti
  • La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva
    Ecologia
    La dichiarazione di Vendola è apparsa sulla rivista trimestrale "Il Ponte" nel 2011

    La stima di Nichi Vendola verso Emilio Riva

    "Chiesi ad Emilio Riva, nel mio primo incontro con lui, se fosse credente, perché al centro della nostra conversazione ci sarebbe stato il diritto alla vita. Credo che dalla durezza di quei primi incontri sia nata la stima reciproca che c’è oggi".
    24 luglio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)