Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Lettera aperta a Monsignor Filippo Santoro

Non ha mostrato solidarietà verso gli 80 lavoratori, ragazzi con famiglia, dei figli e tanti sogni per il loro futuro che hanno scelto una forma di protesta estrema perché quello che è successo al loro collega, Claudio Marsella, non si verifichi mai più
5 novembre 2012
Comitato Donne per Taranto

Monsignor Santoro,

dal suo arrivo a Taranto ha sempre dichiarato di essere vicino ai Tarantini che soffrono a causa di un lavoro precario, della malattia, della disoccupazione, della crisi che sta strozzando la nostra debole economia, ha voluto parlare con gli operai che avevano occupato il camino E312 per cercare di convincerli a scendere, ma non ha ancora mostrato un minimo di solidarietà nei confronti dei lavoratori del M.O.F. dell’Ilva che sono in sciopero dal 30 ottobre per rivendicare il loro sacrosanto diritto ad avere un lavoro sicuro e dignitoso. Porto di Taranto

Sono circa 80 lavoratori, ragazzi con famiglia, dei figli e tanti sogni per il loro futuro che hanno scelto una forma di protesta estrema, quale è lo sciopero ad oltranza, perché quello che è successo al loro collega, Claudio Marsella, non si verifichi mai più.

Se avesse parlato con loro avrebbe saputo che Claudio era un lavoratore esperto, attento e ligio al dovere che è morto da solo, perché lavorava da solo. Se si fosse recato in questi giorni davanti alla portineria A le avrebbero raccontato le loro condizioni di lavoro, i ricatti che subiscono ogni giorno, la loro disperazione e la loro sfiducia in chi, deputato a difenderli, li ha svenduti per 450 euro una tantum. Se questa mattina li avesse raggiunti in prefettura avrebbe visto la loro stanchezza, i loro occhi lucidi, le loro paure ma anche la loro forte determinazione a non anteporre più il Profitto alla Vita, quella Vita che lei come Pastore di questa Comunità dovrebbe aiutarci a tutelare;  avrebbe, magari, potuto intercedere presso il Prefetto di Taranto a cui avevano chiesto un incontro per avere garanzie sulla loro incolumità e da cui hanno ricevuto solo una porta sbattuta in faccia.

Monsignor Santoro ascolti questi lavoratori perché rappresentano i nuovi Eroi di Taranto, vedrà non se ne pentirà

Articoli correlati

  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • Comunicato congiunto Peacelink e Wwf Taranto: “Porto commerciale e bonifiche sono le priorità”
    Sociale

    Comunicato congiunto Peacelink e Wwf Taranto: “Porto commerciale e bonifiche sono le priorità”

    Vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai lavoratori che da ieri notte sono in presidio permanente nel porto mercantile e chiediamo alle istituzioni di trovare soluzioni concrete e applicabili per uscire dall'impasse.
    25 settembre 2014 - Fulvia Gravame
  • Bilbao: da grigia città industriale e portuale a nuova realtà ecologica
    Ecologia
    La riqualificazione urbana è possibile

    Bilbao: da grigia città industriale e portuale a nuova realtà ecologica

    La storia di Bilbao, un esempio di riconversione ecologica possibile, le tappe di un progetto che ha portato la città basca a rinascere dalle ceneri e fumi degli altiforni, fino a diventare una città moderna, efficiente e un polo turistico internazionale
    2 dicembre 2013 - Beatrice Ruscio
  • Inquinamento nel porto di Taranto: la morte può attendere?
    Ecologia
    Comunicato stampa del COCER

    Inquinamento nel porto di Taranto: la morte può attendere?

    Il sindacato dei militari della Guardia di Finanza, Guardia Costiera e Marina Militare, oltre al Siulp (il sindacato di polizia più rappresentativo in provincia) denunziano ancora una volta i rischi ai quali è sottoposto il personale addetto al porto industriale di Taranto.
    Inoltre, il Capo di Stato Maggiore della Marina lo scorso 30 maggio, rivolgendosi pubblicamente al Ministro dell’Ambiente, ha evidenziato la sensibilità di tutta la Forza Armata sui temi ambientali.
    7 giugno 2013 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.24 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)