Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Peacelink:"Il PM10 di Taranto ha una pericolosità più che doppia"

Se l'Ilva avesse avuto buone ragioni per contestare la perizia della magistratura avrebbe dovuto presentare la sua controperizia nell'incidente probatorio e non lo ha fatto
20 novembre 2012
Alessandro Marescotti (Presidente di Altamarea)

Nella sua controperizia l'Ilva afferma che i livelli di Pm10 (le polveri sottili) registrati a Taranto sono inferiori rispetto a moltissime altre città italiane ed estere e quindi "non possono essere considerati responsabili di presunti eccessi di patologie".

Tale affermazione non dice tutta la verità in quanto sulle polveri sottili di Taranto si poggiano inquinanti cancerogeni che ne modificano la qualità e le rendono più pericolose.

Questo aspetto è ben spiegato dall'Istituto Superiore della Sanita' (ISS).  Una veduta aerea dell'acciaieria

Nello studio Sentieri dell'ISS si legge: "I risultati della mortalità evidenziano, nel complesso, un aumento di 0.69% del rischio di mortalità totale per incrementi di 10 μg/m3 di PM10, effetto superiore a quello riscontrato nelle principali analisi pubblicate in Europa (0.33%), nel Nord America (0.29%) e nei precedenti studi italiani (MISA, 0.31%)".
(Pubblicato su Epidemiologia&Prevenzione Settembre-Dicembre 2011, p.136)

In buona sostanza ogni incremento di 10 microgrammi a metro cubo di polveri sottili (PM10) a Taranto provoca più del doppio dei morti che provoca in Europa, nel Nord America e nelle altre città italiane, e ciò a causa degli inquinanti specifici che vengono veicolati dal PM10. 

Se l'Ilva avesse avuto buone ragioni per contestare la perizia della magistratura avrebbe dovuto presentare la sua controperizia nell'incidente probatorio (dove erano presenti in contraddittorio gli esperti di parte dell'azienda) e non lo ha fatto. Ora la perizia della magistratura è prova a tutti gli effetti mentre la controperizia dell'Ilva serve solo a fare comunicati stampa.
 

 

Articoli correlati

  • Le polveri sottili della cokeria
    Taranto Sociale
    Monitoraggio con il sofware Omniscope

    Le polveri sottili della cokeria

    Quando a Taranto la centralina di monitoraggio della cokeria registra un incremento delle polveri sottili (PM10), contemporaneamente (o poco tempo dopo) anche le centraline Arpa registrano un incremento del PM10
    19 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Diffusione del particolato in Italia
    Ecodidattica
    Polveri sottili

    Diffusione del particolato in Italia

    Mappa georeferenziata realizzata durante il progetto Ecodidattica
    22 marzo 2018 - Antonio Matichecchia
  • Aristotele e Galileo divisi dal PM10
    Editoriale
    Oggi il principio indiscusso e indiscutibile da cui parte il potere dogmatico che abbiamo di fronte - incarnato dal Governo - è che sotto i 40 microgrammi a metro cubo di PM10 non vi sarebbero effetti sanitari sulla popolazione

    Aristotele e Galileo divisi dal PM10

    A che serve insegnare a scuola Galileo Galilei se gli antigalileiani li abbiamo al governo? A Taranto si muore di più e tutti gli studi epidemiologici lo attestano, ma per il Governo il Sole continua a girare attorno alla Terra. E magari la Terra è anche piatta.
    1 febbraio 2018 - Alessandro Marescotti
  • Ecodidattica
    Polveri sottili

    Cosa è il PM10?

    9 maggio 2017 - Arpa Puglia
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)