Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Decreto "SALVA-ILVA": La pagina Facebook del PD invasa da post di protesta dopo lo show di Benigni

I post sulla pagina Facebook del PD ricordano a Bersani che la Costituzione - di cui ha parlato Benigni in TV - garantisce la salute e l'autonomia della magistratura
18 dicembre 2012
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink )

 

Roberto Benigni ha letto in TV la Costituzione.
Ma fra poche ore i deputati la potrebbero violare convertendo il legge il decreto 207/2012 che ha lo scopo di dissequestrare gli impianti dell'Ilva sequestrati dalla magistratura di Taranto. E' una GRAVE limitazione delle prerogative della magistratura.
 
Per questo molti utenti di Facebook, in queste ore, stanno scrivendo sulla bacheca del Partito Democratico in difesa della Costituzione e della magistrastura:
E' la "prosecuzione digitale" di quel corteo di protesta di ventimila persone che ha sfilato il 15 dicembre a Taranto contro il decreto legge incostituzionale che in molti ormai definiscono "Salva Ilva".
Il decreto che il ministro Clini ha ideato per "fermare" la magistratura di Taranto - colpevole di voler mettere in sicurezza gli impianti che emettono sostanze cancerogene e genotossiche - è un decreto incostituzionale che tuttavia riceve il plauso sia di Bersani sia di Berlusconi.
In questo momento si avverte chiaramente che Clini gode del sostegno determinante del Partito Democratico.  Ilva di Taranto
La Procura di Taranto sta indagando non solo per disastro ambientale ma anche per associazione a delinquere. E ha posto i sigilli sull'area a caldo dell'Ilva.
Vari esponenti politici sono stati intercettati telefonicamente dalla Procura a parlare con alcuni dirigenti dell'Ilva, preoccupati delle iniziative del movimento ambientalista tarantino. Fra questi spicca il deputato tarantino del Partito Democratico on. Ludovico Vico.
I post sulla pagina Facebook del PD ricordano a Bersani che la Costituzione - di cui ha parlato Benigni in TV - garantisce la salute e l'autonomia della magistratura.
 



 

Articoli correlati

  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?
    Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)