Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Uova alla diossina, PeaceLink chiede che venga data la massima informazione alla popolazione

22 gennaio 2013
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

 

Dopo il comunicato di ieri (http://lists.peacelink.it/news/2013/01/msg00015.html) in cui rivolgevamo alla Regione Puglia domande in merito alle misure cautelative da prendere perché le uova non vengano contaminate dalla diossina e affinché la popolazione sia anche informata dei rischi di contaminazione delle lumache e della cacciagione nelle aree contaminate, riceviamo dalla dottoressa Annamaria Moschetti, nota pediatra attenta a tali problematiche, la documentazione che alleghiamo. 
Essa conferma le nostre preoccupazioni.
Dalla documentazione ricevuta risulta che quanto segnalato da PeaceLink ha un effettivo fondamento e una effettiva giustificazione in quanti i servizi veterinari della ASL si stanno attivando per segnalare ai sindaci di Taranto e provincia il rischio diossina, e questo è probabilmente frutto delle segnalazioni da noi fatte in passato (si veda http://lists.peacelink.it/news/2012/10/msg00009.html).
Sulla base di una informativa dei servizi veterinari della ASL di Taranto, il sindaco di Palagiano ha emanato una comunicazione ufficiale con cui si informa che è sconsigliabile raccogliere lumache in terreni incolti, che è da evitare la caccia di fauna selvatica e che l'allevamento di galline ovaiole da cortile per l'autoconsumo "deve essere attuato con rigorose cautele".
Tutto questo in relazione alla prevenzione del rischio di contaminazione degli alimenti di origina animale da diossine e PCB, come richiesto dal dott. Teodoro Ripa, del Dipartimento di Prevenzione, Servizi Veterinari ASL Taranto. Uova
Chiediamo che tale comunicazione venga emanata anche dai sindaci di Crispiano, Martina Franca, Massafra, Monteiasi, Statte e - soprattutto - dal sindaco di Taranto, alla cui attenzione è indirizzata l'informativa del dott. Ripa.
Occorre dare a questa comunicazione ampia ed effettiva diffusione, dato che attualmente l'opinione pubblica non ne sa niente e che siamo venuti a conoscenza di tale documentazione solo grazie alla pediatra Annamaria Moschetti.
 

Allegati

Articoli correlati

  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
  • "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”
    Processo Ilva
    Processo ILVA, quinto giorno di requisitoria del PM Mariano Buccoliero

    "La diossina Ilva aveva contaminato suoli agricoli e pascoli”

    “La diossina degli elettrofiltri” del siderurgico di Taranto “la ritrova all’esterno in ogni matrice analizzata”. Per il processo 'Ambiente Svenduto' l'accusa è quella di "disastro ambientale" ed è mossa contro l’Ilva gestita dai Riva. I fatti contestati partono dal 1995 per arrivare al 2012.
    9 febbraio 2021
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)