Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ancora inquinamento a Taranto

Mare inquinato, l’Ilva di Taranto dà la colpa al vento

Ilva, in tal modo, ha ammesso di non aver applicato le prescrizioni dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) che prevedono lo scarico dei materiali con tecniche che evitino la dispersione delle polveri nell’ambiente e in mare
6 febbraio 2013
Alessandro Marescotti (Presidente di Peacelink)
Fonte: Il Fatto Quotidiano - 06 febbraio 2013

Ancora inquinamento a Taranto. Questa volta riguarda il mare. Una chiazza nerastra ha sporcato il mare nella zona portuale interessata allo scarico delle materie prime che alimentano il ciclo siderurgico dell’Ilva.

L’azienda ha dichiarato che il materiale è caduto in mare perché c’era vento. Chiazza nera Ilva

Ma è una buona comunicazione giustificare quanto è accaduto addossando la colpa al vento?

Ilva, in tal modo, ha ammesso di non aver applicato le prescrizioni dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) che prevedono lo scarico dei materiali con tecniche che evitino la dispersione delle polveri nell’ambiente e in mare. 

Constatiamo inoltre che rimangono scoperti i nastri trasportatori che trasferiscono le materie prime dal porto alla fabbrica (nei “parchi minerali”). Quei nastri trasportatori dovevano essere coperti il 26 gennaio 2013 in quanto l’AIA dava 3 mesi di tempo a partire dal 26 agosto 2012.

Ma questa dei ritardi è una storia vecchia.

Vendola aveva più volte declamato – come presidente della Regione Puglia – di aver inserito tale copertura nell’atto di intesa del 2006, senza tuttavia far controllare che il tutto fosse effettivamente realizzato.

Ma a rassicurare Vendola c’erano dei bei volumi patinati dell’azienda. In uno di questi, stampato nel 2010, l’Ilva diceva di aver realizzato nel 2009 la copertura dei nastri trasportatori, lo si legge a pag. 5.

A Vendola tanto bastava.

Controllare che ciò fosse avvenuto era impresa ardua, occorreva arrampicarsi molto in alto.

Oggi scopriamo che tale copertura non è avvenuta in modo integrale e che è una parte “sofferente” dell’AIA. Come pure non è avvenuto il cambio radicale di scarico della nave che superi il rudimentale sistema della benna, che disperde le polveri al vento.

La questione di cui parliamo non è tanto tecnica: è una questione di credibilità delle istituzioni.

I cittadini non possono andare a controllare, ma le istituzioni che firmano intese sì: devono farlo.

E’ la questione su cui il gip Todisco si impunta, e ha ragione.

Occorreva in particolare un sistema sigillato che senza benne portasse su un nastro direttamente dalle stive delle navi ai parchi minerali le materie prime, completamente coperto e senza dispersione alcuna di polveri, come accade in altri porti evoluti.

Nell’AIA del 2011 era previsto di intervenire, dato che nel 2009 la magistratura aveva posto sotto sequestro quell’area di scarico (con facoltà d’uso). Va ricordato che il 7 aprile 2011 era stato siglato un accordo fra il sindaco di Taranto Stefàno, il contrammiraglio Giuffrè (Autorità Portuale), il capitano di vascello Zumbo (Capitaneria di Porto) e Archinà (Ilva) allo scopo di adottare “idonei sistemi e procedure atte ad evitare ovvero contenere la caduta in mare di materiale minerale e fossile”.

Che ne è stato di quell’accordo?

Non lo sappiamo.

Prevedeva una spesa di 600 mila euro. 

Andrebbe chiesto in primo luogo al Sindaco di Taranto, Ippazio Stefano, che ha firmato quell’accordo con Girolamo Archinàportavoce dell’Ilva attualmente in carcere.

Ancora una volta siamo di fronte a un pezzo di carta con un impegno di cui non si conoscono gli effetti. Mentre in mare anche oggi si è inquinato: per colpa del vento.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)