Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Giunge a Roma l'indignazione dei cittadini di Taranto

"La nostra vita ha un valore inestimabile"

Oggi la Corte Costituzionale si esprimera' sulla legge "salva Ilva": il GIP di Taranto Patrizia Todisco ha riscontrato 17 vizi di costituzionalita'
9 aprile 2013


A guidare la delegazione e' Paola D'Andria, presidente dell'AIL di Taranto, "donna metallo", simbolo di una protesta che si manifestera' oggi a Roma, in piazza Montecitorio. Infatti Paola D'Andria e' una delle persone a cui e' stato riscontrato un considerevole quantitativo di piombo nell'organismo. La rappresentante dell'AIL portera' ai parlamentari le proprie analisi - effettuate presso l'Universita' di Bari - da cui risulta piombo in eccesso nelle urine. Una ulteriore conferma della presenza di piombo a Taranto (metallo pesante presente in eccesso nel quartiere Tamburi di Taranto, vicino all'Ilva, tanto da obbligare alla bonifica delle aree verdi)  e' giunta dalle analisi sul sangue di nove bambini tra i 3 e i 6 anni residenti vicino al polo industriale di Taranto. Nel corpo dei bambini e' stato riscontata una concentrazione di piombo tale da suscitare la preoccupazione dei pediatri dell'ACP(vedere link riportato)  Manifestazione 7 Aprile

Dopo l'imponente manifestazione di domenica 7 aprile a Taranto per la salute e l'ambiente (vedere link sotto riportato), oggi una delegazione di diverse associazioni tarantine e' a Roma a manifestare con un sit-in a piazza Montecitorio. Il sit-in iniziera' alle ore 10. Lo scopo e' di spiegare a deputati e giornalisti la gravita' della situazione e la necessita' si abrogare la legge 231/2012 (nota come "Salva-Ilva").


Oggi la Corte Costituzionale si esprimera' su tale legge: il GIP di Taranto Patrizia Todisco ha riscontrato 17 vizi di costituzionalita'. Il WWF nazionale a questo proposito interviene oggi di fronte alla Corte Costituzionale con il proprio legale presentando due memorie che fanno riferimento a ordinanze e sentenze della Consulta e richiami alla Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea aderendo pienamente alle argomentazioni sollevate dalla magistratura di Taranto contro il Decreto Legge del Governo (DL 207/2012 convertito nella legge 231/2012).

Qui di seguito vengono riportati alcuni link utili a capire la mobilitazione di questi giorni su una legge che comprime i poteri di intervento della magistratura non solo a Taranto ma in tutti i siti che la legge 231/2012 definisce di interesse strategico nazionale.


Della delegazione proveniente da Taranto fanno parte rappresentati delle seguenti organizzazioni


Ail (Associazione Italiana Lotta alle Leucemie)
Comitato Quartiere Tamburi
Comitato Vittime del Lavoro
PeaceLink
Studenti di Taranto (Superiori e Universita')
Taranto Respira
Tribunale diritti del Malato
Verdi

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • ArcelorMittal inquina con cianuro e ammoniaca un fiume americano, moria di pesci
    Ecologia
    Nello stato dell'Indiana prese misure precauzionali a tutela della salute pubblica.

    ArcelorMittal inquina con cianuro e ammoniaca un fiume americano, moria di pesci

    Perdite dall'altoforno, ammesse dalla multinazionale. Lo stabilimento è stato già al centro di attenzioni per le emissioni di piombo e cadmio. ArcelorMittal ha dichiarato di avere "programmi robusti" per conformarsi agli standard di sicurezza e che sta lavorando per risolvere i problemi
    27 agosto 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)