Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Lettera aperta alla Asl di Taranto

Rinnovo incarico Walter Martinelli per controlli diossina

Sarebbe grave se - per mere ragioni di bilancio - non venisse rinnovato
l'incarico ad un tecnico di grande esperienza come Martinelli che nel momenti
più delicati e difficili della campagne di controllo ha saputo operare bene,
conquistandosi anche la nostra fiducia
2 maggio 2013
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)


Alla gentile attenzione del Direttore Generale e del Direttore del
Dipartimento di Prevenzione  L'annuncio dell'abbattimeno delle pecore


A nome dell'Associazione PeaceLink chiedo che venga fatto ogni sforzo per
mantenere e potenziare lo staff che nella Asl di Taranto effettua i prelievi
dei campioni che vengono sottoposti ad analisi, con particolare riguardo alla
diossina e ad altri inquinanti persistenti che hanno inquinato il terreno e il
mare, contaminando pecore, capre, latte, mitili, pesci e cosi' via. Occorre
tenere alta la vigilanza perche' il pericolo permane ed e' destinato a durare
per anni; il versante dei controlli sugli inquinanti persistenti va considerato
come delicatissimo e strategico.

Il ruolo svolto in questo contesto da Walter Martinelli e' stato importante
sia per le competenze accumulate sia per il rigore della persona, doti che -
abbinate ad una conoscenza del territorio veramente notevole - ne hanno fatto
una persona chiave nel successo dei controlli dal 2008 in poi.

Sarebbe grave se - per mere ragioni di bilancio - non venisse rinnovato
l'incarico ad un tecnico di grande esperienza come Martinelli che nel momenti
più delicati e difficili della campagne di controllo ha saputo operare bene,
conquistandosi anche la nostra fiducia.

Fiducioso che le queste considerazioni qui fatte saranno tenute in
considerazione, rimango in attesa di un gentile riscontro


Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)