Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Aiutare Riva? Un clamoroso autogol dello Stato

Solo pochi mesi fa, in Parlamento, veniva approvata trasversalmente, da quasi tutti i partiti, una legge per fermare la Magistratura e autorizzare l'Ilva a produrre con gli impianti ritenuti inquinanti e posti sotto sequestro
23 maggio 2013
Fabio Matacchiera, Alessandro Marescotti (Fondo Antidiossina Onlus, Peacelink)


    
In merito alla clamorosa notizia relativa al recente sequestro dei beni privati della famiglia Riva, operato dal GIP di Milano e relativo a immobili, titoli e disponibita' finanziarie per l'ammontare di 1,2 miliardi di euro, PeaceLink e Fondo Antidiossina Taranto esprimono tutto il proprio appoggio alla magistratura. I fumi dell'ILVA


    
I fratelli Emilio e Adriano Riva sono indagati a Milano per trasferimento fittizio di beni, truffa ai danni dello Stato, evasione fiscale e riciclaggio. Secondo l'accusa del GIP di Milano e in base a quanto riportato da agenzie di stampa, i Riva avrebbero, mediante operazioni fra l'Italia e l'estero, occultato la reale disponibilita' finanziaria dell'Ilva.
    
Sulla base di quanto appreso da fonti di stampa, l'ipotesi dei magistrati milanesi riguarderebbe l'uscita del ragguardevole capitale del valore di 1,2 miliardi di euro dalle casse del colosso siderurgico tarantino.

Ricordiamo che, solo pochi mesi fa, in Parlamento, veniva approvata trasversalmente, da quasi tutti i partiti, una legge per fermare la Magistratura e autorizzare l'Ilva a produrre con gli impianti ritenuti inquinanti e posti sotto sequestro. 

Alla luce di questi ulteriori e gravi sviluppi, risulta ancora  più inquietante che sia diventata legge dello Stato una legge "ad hoc" per un'azienda i cui proprietari sono oggi indagati per truffa ai danni dello stesso Stato.

Aiutare Riva si e' rivelato un clamoroso autogol dello Stato.
    
Questi ingenti capitali devono ora ritornare a disposizione della città di Taranto per sanare i gravi danni causati in tutti questi anni,  molti dei quali, purtroppo,  saranno  certamente irreparabili.
    
Infine, ci chiediamo con preoccupazione quanto  ancora dobbiamo aspettare affinchè il sindaco Ippazio Stefano presenti una formale citazione di risarcimento per i danni causati dall'Ilva, cosi' come accertato dalla sentenza della Cassazione dell'ottobre 2005 sui parchi minerali.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)