Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Franca Rame e la campagna per Taranto

"L'interesse di molti politici è il loro tornaconto: soldi, soldi, soldi"

Sto pensando che se volete mi faccio promotrice della campagna, mettendo a disposizione blog, contatti e il mio nome
30 maggio 2013

Vogliamo ricordare Franca Rame riproponendo la lettera con cui l'allora Senatrice risponde all'appello rivoltole da una cittadina di Taranto a farsi portavoce della sofferenza di una intera comunità mobilitata a difesa della vita e dell'ambiente

Cara Lea,

è poco dire che la (passiamo al tu?) tua lettera m’ha sconvolta! Elenco i problemi che denunci con tanto senso civico e passione.

Taranto:

-dissesto finanziario,

-fallimento sociale e morale,

-inquinamento selvaggio, diossina, (il 90% della diossina prodotta in Italia si concentri a Taranto),

-La città ospita 9 impianti ad elevato rischio ambientale, trai quali ILVA, AGIP, CEMENTIR.

-un impianto di rigassificazione che vuole ministero dello sviluppo economico contro il parere dell'amministrazione comunale. 

Eccetera, ecc. ecc.!

Mi dici: “La prego di aiutarci ad impedire che l'ennesima violenza sia perpetrata ai danni del martoriato territorio jonico”. 

Con tutto il cuore. Ma vediamo un po’ che posso fare io… (temo pochissimo…) La Senatrice Franca Rame

1) Contattare i giornalisti più sensibili ai problemi del nostro prossimo, sperando in un articolo di denuncia

2) Un intervento in aula sul vostro drammatico problema (per le due prossime settimane non credo sia possibile: c’è LA FINANZIARIA DA VOTARE!). Certamente farò un’interrogazione. Ci sarà risposta?

3) Ho incontrato a Pescare dove mi sono recata per il premio Borsellino, Nichi Vendola presidente della regione, e con Carlotta gli abbiamo parlato della vostra situazione. Farò pressioni anche su di lui.

4) MOBILITAZINE GENERALE

Quello che potreste fare voi: postare su più blog possibili (CONTATTATE E POSTATE ANCHE SU BEPPE GRILLO) le vostre disgrazie con preghiera di diffonderle e inviandole anche a Nichi Vendola

5) Lanciare nella città e paesi limitrofi (respirano anche loro la diossina)  una spedizione di cartoline della bella città di Taranto al presidente della Regione (mi auguro che in molti che stanno subendo di tutto e di più aderiscano a questa campagna) con un unico messaggio che riassuma la vergognosa e drammatica situazione tarantina. Potrebbe essere anche: Nichi salva la nostra città! – liberaci dalla morte… (lascio alla vostra creatività trovare la frase giusta) Inviare anche mail. 

Non penso certo che quanto ti ho suggerito possa portare grandi frutti, ma tutte le volte che ho organizzato in passato campagne del genere qualche risultato c’è stato (ricordo quelle su condizione carceri, per scarcerazione detenuti, fabbriche in occupazione e altro).

Sto pensando che se volete mi faccio promotrice della campagna, mettendo a disposizione blog, contatti e il mio nome. 

Riflettendo sull’ultima tua amara frase: “Il mondo politico si ostina ad imporre scelte dettate da principi assolutamente estranei all'interesse generale e alla salvaguardia della salute pubblica e dell'ambiente in cui viviamo” è fatale chiedersi come mai i politici facciano   scelte che nuocciono alla gente e non scelte per il bene della gente. Sono cattivi? No, l’unico interesse, non di tutti ovviamente ma di molti è il loro tornaconto: soldi, soldi, soldi! E’ vergognoso e demoralizzante, ma è così.

Un abbraccio a tutti

franca

Note: Di seguito riportiamo il testo della lettera inviata alla Senatrice Franca Rame
http://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/23784.html

Articoli correlati

  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)