Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Ilva, tutte le centraline della cokeria in tilt

Ancora una volta constatiamo l'assenza di qualsiasi intervento da parte del Sindaco di Taranto. Taranto è abbandonata mentre l'AIA si rileva un colabrodo
11 settembre 2013
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

 

L'8 settembre dei sistemi di monitoraggio ambientale in cokeria. sembra una disfatta  I fumi dell'ILVA
Infatti a Taranto l'8 settembre 2013 è avvenuta il blocco totale di tutti i sistemi di rilevazione ambientale nella cokeria Ilva previsti dalle prescrizioni AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale)
Negli scorsi giorno una dopo l'altra hanno smesso di funzionare le varie centraline che dovevano rilevare gli inquinanti della cokeria, uno degli impianti che il GIP Patrizia Todisco aveva posto sotto sequestro senza facoltà d'uso.
Finché è venuto l'8 settembre e tutte le centraline della cokeria sono andate in tilt per rimanere fino a ora in silenzio, prive di dati.
 

Dall'8 settembre infatti non funzionano più le centraline di rilevazione dell'acido solfidrico, degli idrocarburi policiclici aromatici, del PM 10, del PM 10-ENV, del PM 2,5, del benzene, del biossido di zolfo, del biossido d'azoto e del monossido di carbonio. E anche per la posstazione dei Tamburi sono saltati tutti i sistemi di rilevamento degli inquinanti sopra elencati.

PeaceLink segnala questo grave problema a chi di competenza, anche se alle associazioni non è stato comunicato di chi sia la competenza dopo che è stata cancellata la figura del Garante dell'AIA.
E' doveroso segnalare inoltre che tutte le centraline per rilevare gli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) nell'Ilva continuano a non funzionare. La rete degli analizzatori IPA in continuo (che potevano registrare fino a un dato ogni dieci secondi) doveva essere il fiore all'occhiello della nuova AIA garantendo il controllo in tempo reale sui cancerogeni più insidiosi liberati dalle emissioni diffuse e fuggitive. E invece le centraline degli IPA, dopo aver dato vari valori sballati che abbiamo segnalato prontamente (i valori di concentrazione degli IPA della cokeria risultavano inferiori a quelli del quartiere Tamburi!), alla fine si sono bloccate tutte assieme, rivelandosi inefficienti dopo essere risultate inaffidabili nei punti cruciali.
E' opportuno osservare che negli scorsi giorni le due centraline del Pm 10 della cokeria hanno costantemente registrato concentrazioni elevate di polveri sottili fino a sfiorare i 140 microgrammi a metro cubo, per poi smettere di funzionare.
Tutto quello che affermiamo può essere verificato consultando il sito dell'ARPA dove è presente la "Rete di monitoraggio della Qualità dell'Aria interna allo stabilimento ILVA di Taranto":
Ancora una volta constatiamo l'assenza di qualsiasi intervento da parte del Sindaco di Taranto.
Taranto è abbandonata mentre l'AIA si rileva un colabrodo.

 

Articoli correlati

  • Gli interferenti tiroidei e la compromissione nello sviluppo intellettuale e fisico del feto
    Ecodidattica
    Aumenta anche il rischio di malformazioni congenite

    Gli interferenti tiroidei e la compromissione nello sviluppo intellettuale e fisico del feto

    Nel gruppo degli interferenti tiroidei rientrano pesticidi organofosforici, bisfenolo A, ftalati, PCB e diossine; questi ultimi possono oltrepassare la barriera placentare. Alcune sostanze possono avere potenziali effetti teratogeni sulla progenie e alterare lo sviluppo neurocomportamentale.
    Istituto Superiore della Sanità
  • Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno
    Processo Ilva
    Come mai attorno all'ILVA si trovano anche i PCB oltre alla diossina?

    Quell'esplosione notturna nell'ILVA di Taranto con la nebulizzazione del fluido cancerogeno

    Il 16 agosto 1997, dentro lo stabilimento siderurgico di Taranto, esplodeva un trasformatore elettrico contenente olio a base di PCB (policlorobifenili), denominato “apirolio”. Gli operai l'inalarono i vapori cancerogeni. Questo è il racconto dettagliato che ne fanno i magistrati.
    16 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)