Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Perchè è giusto partecipare alla marcia del 6 Aprile

Anche se c'è molta sfiducia, è giusto partecipare alla marcia del 6 Aprile, per dimostrare che Taranto ha ancora voglia di vivere. Crediamo e continueremo a credere in una società migliore di quella in cui viviamo.
21 marzo 2014
Gianpaola Gargiulo

<<Ancora marce fate?>>

<<Ma a cosa servono?>>  

<<Avete visto quali sono stati i risultati?>>

Queste sono le obiezioni più frequenti che sento quando parlo della marcia del prossimo 6 aprile, con partenza da Statte; con questa marcia si chiederà a gran voce la chiusura dell'aria a caldo dell'Ilva.

Bene, mi piacerebbe rispondere alle obiezioni rivoltemi in questi giorni: Cosa credevate, Tarantini, che sarebbe stato facile spodestare ed abbattere l'industria inquinante? Che la cinquantennale rete di connivenze, favori, corruzione  morale che ha favorito l'Ilva ed ha consentito che quest'industria inquinasse un intero territorio si dissolvesse in un momento? Che i poteri forti non avrebbero usato mezzi leciti ed anche -soprattutto- mezzi illeciti per tenere in piedi degli impianti obsoleti?

Purtroppo, tutto il campionario della disonestà è stato messo in campo in questa partita, che vedeva contrapposti il profitto ed diritto alla vita. Ma credere di mollare in questo momento sarebbe un errore. Ritornare all'apatia ed all'indifferenza degli anni precedenti vorrebbe dire che noi Tarantini ci siamo arresi, che di fronte ad una terribile ingiustizia subita non abbiamo più la voglia di manifestare.

Bisogna continuare a rivendicare i propri diritti, a mostrare che la gente onesta di Taranto vuole vivere, che non si piega alle sporche logiche del profitto e della corruzione morale e materiale.

Anche se potrebbe sembrare improprio, vorrei ricordare che le grandi lotte per i diritti sono state lunghe e faticose: Mandela è stato in prigione 27 anni prima di essere un uomo libero e di vedere i frutti della sua lotta; Gandhi con la sua resistenza nonviolenta è riuscito a fare dell'India una nazione indipendente, ma di certo non c'è riuscito in un anno . Voglio dire che niente può essere ottenuto se non si continua lungo la strada intrapresa. Queste battaglie si basano anche sulla resistenza psicologica: quante volte abbiamo avuto dubbi, ed il desiderio di mollare; ma non bisogna cedere, non ora.

Invito pertanto tutte le persone oneste, che vogliono combattere non solo per sé, ma anche per i propri figli, i propri nipoti, a partecipare. Perchè coloro che ci vogliono indolenti, pigri, asserviti ai poteri forti capiscano che forse continueranno ad inquinare in maniera illecita il nostro territorio, ma che noi non accetteremo più questo stato di cose in maniera passiva, perchè crediamo e continueremo a credere in una società migliore di quella in cui viviamo.

Informazioni logistiche per agevolare la partecipazione dei tarantini ad un'impresa ambiziosa:

la marcia del 6 aprile, la prima nella zona industriale tra discariche e ILVA.

Si potranno utilizzare navette da 50 posti partendo da numerosi punti di ritrovo (di partenza e ritorno): viale Unicef all'altezza del bar Nirvana, discesa Vasto, Concattedrale, Corte d'appello a Paolo VI e piazza Gesù divin lavoratore ai Tamburi. Costo 1 € andata e ritorno.

I biglietti saranno venduti dagli stessi autisti e sono in prevendita allo stesso prezzo in diversi punti della città:

nelle librerie Mandese centro e viale Liguria, 82, al bar Diana ai Tamburi, alla libreria Gilgamesh di via Oberdan 43, all'ottica Occhinegro, viale Virgilio, 37 e al panificio gastronomia San Giuseppe, viale Cannata a Paolo VI.

Note: Il 5 e 6 aprile ci saranno due eventi a Statte, vicino Taranto. Perché proprio a Statte?
http://www.peacelink.it/ecologia/a/39915.html


Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)