Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il mio mare dice molte a chi lo vuole ascoltare

Gli scogli come filosofia di vita e come opportunità di rinascita
29 giugno 2014
Fulvia Gravame

Arrivo al solito scoglio e, guardando il mare, ritrovo la solita limpidezza, i riflessi verdi del mar Jonio, gli scogli con i ricci ben visibili, la piattaforma di scoglio da cui tuffarmi ed è tutto bello come sempre.    Barca a vela a Tramontone 29/06/2014

Andare a mare sugli scogli è una scelta di vita di chi cerca il silenzio anche nelle domeniche di luglio e agosto, di chi non cerca la località alla moda, di chi va lì per nuotare, fare qualche tuffo e magari per un’oretta senza consumare benzina. E’ un posto per famiglie perché i bambini imparano presto a muoversi tra le asperità degli scogli, io ci camminavo a piedi nudi o con gli zoccoli saltando da un punto all’altro e per di più vicino agli scogli ci sono più pesci, molluschi e alghe colorate da osservare con la maschera. I più grandi si mettono alla prova con tuffi pericolosi da scogli alti vari metri dove l’acqua è alta solo un metro.  Qualcuno più pigro sonnecchia sul materassino al largo, mentre altri si sfidano a raggiungere mete impossibili come la punta che segna il confine con la conchetta affianco. Un paio di volte sono riuscita ad arrivarci quando avevo i polmoni dei vent’anni.

E’ il tipico mare dove vanno persone che si conoscono da sempre e che magari abitano in zona e scendono a piedi. Una barca a vela passa vicino e si ferma.

Il patto per godersi quel mare è non guardare alle spalle.  Dove sono parcheggiate le auto il mio sguardo cade sulla scritta su un cassonetto, una scritta non proprio gentile nei confronti del sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno. Tramontone 29 giugno 2014 Cassonetto Stefàno p...

 Intorno un piccolo deposito di materiale edile, scogli abbastanza sporchi, nessun servizio e un residuo stentato di vegetazione mediterranea.  Poi ci sono le villette costruite fino al confine con il demanio e qualcuna oltre, direi. Alcune ancora in costruzione dopo trent’anni.  Gli abitanti hanno installato una statua della Madonna in un punto ben visibile di fronte al mare, quasi come un faro, e l’hanno circondata di piante e di fiori.

La strada che costeggia gli scogli ha anch’essa un fondo roccioso ed è solo polvere e buche. La via d’accesso è asfaltata, ma in fondo non peggio di tante altre della città.

Penso a come potrebbe essere trasformata questa zona: il sentiero che corre lungo gli scogli potrebbe diventare un percorso molto lungo a partire da San Vito in poi, direzione Gandoli, aperto tutto l’anno ad iniziative culturali e ludiche. Potrebbe diventare il sentiero degli dei come forse in origine era. Penso a una sistemazione del fondo per trasformarlo in una pista ciclabile o almeno per la montain bike, al recupero della vegetazione mediterranea, ad un piano di pulizia sistematico degli scogli, alla valorizzazione di strutture antiche quali muretti a secco e rifugi della seconda guerra mondiale. Immagino un percorso che colleghi il sentiero alle tante masserie tra Lama e Gandoli ed a un itinerario naturalistico. Un sentiero tra gli ulivi millenari di Fasano

 Lungo gli scogli vedrei bene un’adeguata illuminazione e servizi per poter circolare anche la sera in alcune parti del percorso e, al contrario, zone al buio per realizzare un osservatorio astronomico.  Immagino soprattutto un forte coinvolgimento della popolazione di questi borghi nati in parte abusivamente e poi recuperati.  La zona si presta forse ad organizzare un albergo diffuso, perché non provarci? Il clima mite di Taranto la rende una meta interessante per chi proviene dai Paesi freddi, sempre se ci fossero le infrastrutture di collegamento e un’adeguata promozione.

Considerato che Taranto è al centoquattresimo posto nella classifica sulla qualità della vita 2013 proprio per il tempo libero, la presenza di piste ciclabili e di servizi culturali aiuterebbe a migliorare la vivibilità e fornirebbe una pubblicità positiva con ricadute sui movimenti turistici. http://www.ilsole24ore.com/speciali/qvita_2013/home.shtml

In definitiva il mare è il principale patrimonio di noi tarantini, un patrimonio su cui non abbiamo pagato l’imposta di successione e che dobbiamo riconsegnare ai nostri eredi come l’abbiamo ricevuto.  Se l'abbiamo danneggiato con l'incuiria o la speculazione edilizia, abbiamo il dovere di recuperarlo. Panorama Tramontone, 29/06/2014

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)