Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I murales in città vecchia: una nuova nota di colore

Riscoprire le proprie radici per comprendere meglio il futuro. Un'operazione necessaria specialmente in una città come Taranto
5 settembre 2016
Gianpaola Gargiulo

La grande industria, oltre ai gravissimi danni ambientali che ha causato, ha reso anonima Taranto e la sua gente, facendole perdere - nel giro di due generazioni - la memoria del suo passato, fatto di tradizioni, di racconti, di vite vissute molto spesso in simbiosi con il mare.
Ci siamo trasferiti in massa nella zona nuova della città, in palazzi tutti uguali, circondati dal cemento.

Da questa constatazione è nata l'idea, da parte dell'Associazione Il Teatro degli Amici, di ripopolare virtualmente la città vecchia dei suoi antichi abitanti, oltre ad inserire una nota di colore laddove vi erano solo degrado e portoni murati, dando vita all'iniziativa "Recuperiamo la nostra memoria".

Uno dei murales presenti in città vecchia grazie all'iniziativa "Recuperiamo la nostra memoria"

Invitare, attraverso le immagini, i Tarantini a ricordare che in quel vicolo una volta vi era una porta, davanti alla quale sedeva ogni giorno una donna che filava; oppure mostrare come avremmo potuto vedere affacciarsi, da quella finestra oggi murata, un simpatico signore che salutava sempre tutti i passanti; quest'operazione di recupero delle nostre radici per noi rappresenta un passo necessario da compiere per poter pensare ad un futuro differente per la nostra città.

Lungo Postierla Immacolata, che congiunge via Duomo con via di Mezzo, potrete osservare ad esempio i cosiddetti “murales della nonna”, ribattezzati così da Tina Greco, l'autrice dei murales.

I murales lungo Postierla Immacolata, in città vecchia

Perchè proprio Postierla Immacolata? E’ presto detto: “Qualche tempo fa ho scoperto che lì vi abitavano i miei nonni.” afferma Tina Greco. “Vi erano portoni e portoncini che sporgevano sulla scalinata sin dai tempi più antichi. Così ho pensato che anche moltissimi Tarantini, ormai trasferitisi nella parte nuova della città, abbiano avuto i loro cari che abitavano qui. Quale modo migliore di creare un legame profondo con la città vecchia facendo vedere che prima in questi luoghi c’era grande vita, e che ad animarli erano i nostri nonni, i nostri bisnonni?”

Quale modo migliore, dunque, di ripensare ad una rinascita culturale di Taranto se non partendo proprio dalla riscoperta del nostro passato?

Articoli correlati

  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
  • "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    "La salute non è d'acciaio. Il caso ILVA"

    Questa tesi di laurea di Nicola Petrilli è aggiornata agli ultimi eventi che hanno caratterizzato la fabbrica dopo l'avvento del governo "giallo-verde". Viene analizzata la società civile tarantina e i suoi "cittadini reattivi", mettendo in luce le difficoltà di ArcelorMittal a Taranto
    8 luglio 2019
  • I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni
    Ecologia
    Peccato perché volevamo discutere i dati sanitari e gli eccessi di mortalità vicino agli impianti

    I ministri pentastellati vanno a Taranto ma non incontrano le associazioni

    Vi è una differenza fra il 24 aprile e il 24 giugno 2019. Il 24 aprile furono convocate le associazioni. Oggi no. La Segreteria del Capo di Gabinetto del Ministro dello sviluppo economico ha fatto sapere tramite email a PeaceLink che "non è previsto alcun incontro".
    23 giugno 2019 - Redazione PeaceLink
  • Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?
    Ecologia
    Peacelink Common Library

    Lo sviluppo della grande industria di Taranto. Quale futuro?

    Una cosa importantissima per città come Taranto è quella di programmare uno sviluppo economico che consenta una vita dignitosa ai propri cittadini. Per fare questo bisogna programmare le politiche pubbliche. La tesi allegata in formato PDF affronta tale nodo tenendo conto dell'aspetto ecologico.
    24 giugno 2019
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)