Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La bufala raccontata negli anni Ottanta: "La portaerei non entra nel mar Piccolo"

La portaerei Cavour entra nel Mar Piccolo di Taranto per manutenzione

Negli anni Ottanta l'ala "migliorista" del PCI sostenne la necessità di una nuova base navale in mar Grande perché altrimenti l'ammiraglia della flotta non avrebbe avuto la manutenzione nell'Arsenale Militare in mar Piccolo
10 dicembre 2018

La portaerei Cavour entra nel mar Piccolo di Taranto e va all'Arsenale Militare per manutenzione

Il 7 dicembre 2018 a Taranto la portaerei Cavour è entrata in mar Piccolo per manutenzione e raggiungere l'Arsenale Militare che è appunto in mar Piccolo.

L'ingresso della Cavour in mar Piccolo richiama un retroscena che pochi ricordano e pochi conoscono.

Infatti negli anni Ottana venne raccontata a Taranto la bufala secondo cui "la portaerei non entra nel mar Piccolo" e quindi "occorre costruire una nuova base navale nel mar Grande". 

Allora la portaerei che non sarebbe entrata per la strettoia del ponte girevole era la Garibaldi.

L'argomento fece presa e, cosa di non poco conto, fece breccia nell'ala "migliorista" del PCI che infatti non contestò la costruzione della nuova base navale a Taranto.

Nuova base navale di Taranto (mar Grande) e Arsenale Militare (mar Piccolo)

Su tale questione negli anni Ottanta a Taranto vi fu uno scontro fra le due anime del PCI: quella pacifista di Ingrao e quella filo-NATO di Napolitano (allora chiamata "ala migliorista").

L'ala "ingraiana" e pacifista del PCI era guidata da Ludovico Vico, allora dirigente della CGIL e ora parlamentare del PD. Questa ala faceva perno sull'Associazione per la Pace, schierata contro la costruzione della nuova base navale.

L'ala "migliorista" era guidata dall'ex sindaco di Taranto Giuseppe Cannata, poi diventato senatore del PCI. 

L'ala "migliorista"del PCI sostenne la necessità di una nuova base navale in mar Grande perché altrimenti l'ammiraglia della flotta non avrebbe avuto la manutenzione nell'Arsenale Militare in mar Piccolo.

Vi era poi il senatore del PCI Vito Consoli, con una sua posizione autonoma. In un primo tempo Consoli non osteggiò la nuova base navale ma poi cominciò a prendere le distanze dal progetto, individuando in questa scelta un mutamento della natura del suo partito; era infatti a Taranto il sostenitore della linea intransigente della "questione morale" di Berlinguer e si in questo modo si avvicinò al movimento pacifista per contrastare il progetto di nuova base navale in mar Grande. Tra il 1985 e il 1989 (anno della sua morte) Consoli prese parte al dibattito che metteva in discussione in progetto di "raddoppio" della base navale (mar Piccolo più mar Grande), contestando l'interpretazione del semplice "trasferimento" della base dal mar Piccolo al mar Grande.

L'altro parlamentare del PCI, Benedetto Sannella, non prese posizione ma come deputato seguì da vicino la questione raccogliendo una discreta documentazione, senza però avvicinarsi al movimento pacifista in questa lotta.  

La portaerei Gabibaldi entra nel mar Piccolo di Taranto

La tesi che la portaerei Garibaldi non sarebbe entrata per il canale navigabile (congiunto dal "ponte girevole") e che non avrebbe avuto assitenza dall'Arsenale Militare fu smentita da un ingresso trionfale dell'ammiraglia di allora.

I sostenitori della nuova base navale fecero perno su questa tesi dell'impossibilità di un ricovero tecnico della portaerei per manutenzione nell'attuale Arsenale Militare.

E oggi il nuovo ingresso della Cavour rende giustizia di chi (come Alfredo Cervellera) sostenne - carte alla mano - che la tesi "migliorista" fosse infondata.

In questa sommaria ricostruzione del dibattito di tanti anni fa, emerge che i sostenitori della nuova base navale ipotizzarono anche uno spostamento in mar Grande dell'Arsenale Militare (mai avvenuto), ottenendo l'appoggio anche di architetti e di progettisti per un recupero dell'area dell'Arsenale Militare come area urbana.

Note: La portaerei Cavour è stata trasferita presso l’Arsenale militare marittimo di Taranto per effettuare lavori di adeguamento finalizzati all’imbarco dei nuovi F-35 nella versione B, che andranno a sostituire gli Harrier. I lavori, per un importo pari a 74 milioni di euro, la manterranno fuori servizio fino all’estate 2020. Nel frattempo la portaerei Garibaldi tornerà ad essere nave ammiraglia della Marina Militare.

Articoli correlati

  • "Non dotate gli F35 italiani di armi nucleari"
    Disarmo
    Oggi che il M5s è al governo che fine hanno fatto questi buoni propositi?

    "Non dotate gli F35 italiani di armi nucleari"

    Il M5s aveva denunciato nel 2016 l'insabbiamento al Senato della mozione parlamentare contro l'aggiornamento dei cacciabombardieri F35 per renderli capaci di usare armi atomiche. La mozione era firmata da un quinto dei senatori, appartenenti a vari gruppi politici
    2 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
  • Contestiamo il “governo del cambiamento”: è diventato guerrafondaio come gli altri
    Alex Zanotelli
    Che il 2019 sia un anno di mobilitazione popolare per la Pace!

    Contestiamo il “governo del cambiamento”: è diventato guerrafondaio come gli altri

    Questo governo non firma il Trattato Onu per l’abolizione degli ordigni nucleari e non si oppone agli Usa che vogliono piazzare in Italia le nuove bombe nucleari B61-12. Inoltre ha deciso per gli F -35, definiti oggi “irrinunciabili”, mentre durante la campagna elettorale erano “strumenti di morte”
    2 gennaio 2019 - Alex Zanotelli
  • F-35, "ecco come derubare i contribuenti per i prossimi 50 anni"
    Disarmo
    Vi presentiamo le immagini che svelano i retroscena degli aerei da guerra F-35

    F-35, "ecco come derubare i contribuenti per i prossimi 50 anni"

    L'esperto Peter Goon aveva lanciato gravissime accuse al progetto militare. Invece il sottosegretario alla Difesa del M5s lo definisce una "ottima tecnologia a cui non possiamo rinunciare". Il costosissimo aereo da guerra è da tempo al centro di roventi polemiche, vediamo di fare il punto.
    30 dicembre 2018 - Alessandro Marescotti
  • Sottosegretario alla Difesa del M5s: "F-35 ha un'ottima tecnologia, non possiamo rinunciare"
    Disarmo
    Pieno sostegno all'acquisto del nuovo aereo da guerra, un tempo erano "strumento di morte"

    Sottosegretario alla Difesa del M5s: "F-35 ha un'ottima tecnologia, non possiamo rinunciare"

    Tofalo (M5s): "Non possiamo rinunciare a una grande capacità aerea per la nostra Aeronautica che, ancora oggi, ci mette avanti rispetto agli altri Paesi”. Non è della stessa opinione la Germania che di F-35 proprio non vuol sentir parlare.
    20 dicembre 2018 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)