Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

A Taranto si è riunito il tavolo convocato dalla Procura

Si conferma il trend delle emissioni inquinanti della cokeria ILVA

La tendenza all'aumento è confermata dalle prime due settimane di marzo. Le slides presentate in un'assemblea a Statte da Alessandro Marescotti (PeaceLink)
18 marzo 2019
Redazione PeaceLink

Si conferma il trend delle emissioni inquinanti della cokeria ILVA. Ipa febbraio 2019 confrontati con gli IPA febbraio 2018

Clicca qui per vedere le slides proiettate ieri da Alessandro Marescotti (PeaceLink) all'assemblea di Statte ("Dall'immunità penale alle discariche") sull'inquinamento ambientale e le bonifiche.

Intanto a Taranto si è riunito il tavolo convocato dalla Procura. Queste sono le notizie di agenzia.

Prefettura e Procura in campo per la situazione ambientale di Taranto dopo l’allarme sulla risalita dell’inquinamento. Dopo il vertice a Palazzo di Giustizia convocato dal procuratore capo Carlo Maria Capristo, sono due i livelli che monitoreranno lo stato di avanzamento dei progetti di risanamento dell’area di Taranto. Uno l’ha istituito il prefetto Donato Cafagna - su mandato del ministero dell’Ambiente - e anche se Cafagna sta per lasciare Taranto per Verona, il tavolo annunciato il 6 marzo con Ispra, Arpa Puglia, commissario di Governo alla bonifica e il contributo della Regione Puglia, dovrebbe comunque rimanere e passare alla competenza del nuovo prefetto Antonella Bellomo che arriva da Matera. L’altro tavolo è quello annunciato dal procuratore Capristo che sarà riconvocato il 6 maggio dopo che entro il 29 aprile i vari soggetti coinvolti (compresa Arcelor Mittal Italia e Ilva in amministrazione straordinaria) avranno comunicato i rispettivi stati di avanzamento. “Da ora in poi c’è un nuovo metodo di lavoro: ci saranno incontri periodici in Procura, ognuno rappresenterà i lavori che vengono eseguiti e programmati sotto la supervisione del nostro ufficio” ha annunciato il procuratore capo. E una decina di giorni fa il prefetto Cafagna istituendo il coordinamento, aveva anche annunciato una serie di azioni che, di lì a breve, sarebbero state messe in campo su vari fronti, a partire dalle collinette ecologiche ex Ilva sequestrate dalla Procura a febbraio per inquinamento. Situazione, questa, che ha spinto il sindaco Rinaldo Melucci a chiudere due scuole del rione Tamburi, Deledda e De Carolis, per 30 giorni dal 2 marzo, e a disporre il trasferimento dei 708 alunni in altri plessi del rione.(AGI)
TA1/TIB
Ambiente: Prefettura e Procura in campo per situazione Taranto (2)
Pubblicato: 19/03/2019 09:52

(AGI) - Taranto, 19 mar. - “La prossima settimana faremo una riunione di punto” annuncia l’assessore all’Ambiente, Francesca Viggiano. “Dopo che abbiamo temporaneamente riassegnato la popolazione scolastica ad altri plessi, non stiamo registrando grossi problemi - afferma Viggiano -. I report ultimi ci segnalano 16 assenti su 117 alla Gabelli, 21 su 252 alla Vico, 28 su 69 alla Giusti. Ma in questi numeri c’è anche una componente fisiologica”. E il Comune ora attende nuovi controlli Arpa per sapere se dalle collinette, costruite negli anni ‘70 per mitigare l’impatto dell’acciaieria sul rione Tamburi, sussiste ancora un pericolo di inquinamento. Intanto è stato stabilito che sarà l’amministrazione straordinaria Ilva ad occuparsi della loro bonifica. Le collinette, infatti, sono tuttora nel perimetro di Arcelor Mittal perché insieme ai parchi minerali, in fase di copertura, sono ritenute una forma di barrieramento verso la città. Adesso interverrà un atto tra Arcelor Mittal e commissari straordinari con cui questi ultimi si occuperanno delle collinette. I primi interventi da fare riguarderanno la ricognizione e la messa in sicurezza, in seguito ci sarà la caratterizzazione ambientale. I commissari Ilva hanno anche la bonifica tra i loro compiti. Delle aree non produttive però ed hanno a disposizione circa un miliardo della transazione Riva. Giorni fa, in un’audizione in commissione Ambiente in Regione Puglia, Arpa ha detto che le collinette sono state realizzate con materiali inidonei per la vicinanza di un insediamento abitativo.(AGI)
TA1/TIB

Articoli correlati

  • Taranto, progetto per plastica in altiforni
    Taranto Sociale
    "La nostra lotta prioritaria - rileva Peacelink - è però per la chiusura degli altoforni"

    Taranto, progetto per plastica in altiforni

    Contro questo progetto si schiera Peacelink che dichiara: "Se passa il progetto, negli altoforni dell'Ilva arriverà la plastica di tutto il mondo trasformandoli in grandi inceneritori. Il porto di Taranto vedrà arrivare navi cariche di rifiuti di plastica".
    9 agosto 2020 - Agenzia stampa AGI
  • La plastica negli altoforni ILVA
    Editoriale
    Invece di ridurre il più possibile l'uso della plastica

    La plastica negli altoforni ILVA

    Vorrebbero alimentare gli altoforni ILVA con centomila tonnellate/anno di plastica. E' una quantità di plastica enormemente superiore a quella prodotta dai tarantini (che non producono mezza tonnellata di plastica all'anno). A Taranto arriverà la plastica di tutto il mondo?
    7 agosto 2020 - Alessandro Marescotti
  • Quando il governo sospese il valore limite del benzo(a)pirene
    Ecologia
    Venne aperta un'inchiesta e PeaceLink fu alla base delle denunce

    Quando il governo sospese il valore limite del benzo(a)pirene

    Era il 13 agosto 2010 e il governo di allora sospese il limite di un potente cancerogeno, il benzo(a)pirene nelle città. Perché? Per via del fatto che a Taranto il limite era stato superato e l'Arpa aveva indicato nelle batterie della cokeria la sorgente preponderante del benzo(a)pirene.
    Redazione PeaceLink
  • Lettera al Ministro Di Maio: "Ritiri il ricorso contro il Ministero dell'Ambiente"
    Ecologia
    Il ministro del MISE sarà a Taranto il prossimo lunedì 24 giugno

    Lettera al Ministro Di Maio: "Ritiri il ricorso contro il Ministero dell'Ambiente"

    PeaceLink ritorna su una storia davvero kafkiana in cui il Ministero dello Sviluppo Economico ha fatto ricorso contro il ministero dell'Ambiente per non applicare a Taranto il principio europeo "chi inquina paga". Al centro la questione della bonifica dei terreni contaminati dalla diossina
    21 giugno 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)