Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Amianto

Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro

La denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano lavoratori delle ditte in appalto che hanno operato ignari dell'accaduto.
3 aprile 2019
AGI

Casco ILVA

(AGI) - Taranto, 3 apr. - Il sindacato Usb ha denunciato Arcelor Mittal agli enti ispettivi per alcune violazioni in materia di sicurezza del lavoro nel siderurgico di Taranto. Lo annuncia il sindacato precisando che la denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Inoltre ieri “nell'area Laminazione a freddo (Laf) zona decapaggio 2, mentre venivano svolte attività di manutenzione si è verificato il distacco di un pannello con conseguente caduta di alcune parti contenenti amianto”. Per l’Usb, “l’azienda non ha rispettato le norme di sicurezza previste dalla legge, cioè non ha provveduto all'allontanamento immediato di tutto personale presente nella zona interessata. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano diverse decine di lavoratori delle ditte in appalto che hanno proseguito il loro lavoro ignari dell'accaduto. Inoltre, la stessa azienda - afferma il sindacato - non ha inoltrato comunicazione alle Rls (Rappresentanti dei lavoratori  per la sicurezza) e anche questa mattina i lavoratori hanno svolto le normali attività in presenza del pannello divelto e, quindi, con il rischio di dispersione di fibre di amianto”. “Anche in questa occasione - conclude l’Usb - ArcelorMittal non ha tutelato la salute dei lavoratori e per questo motivo abbiamo denunciato agli enti preposti”. 

Note: Arcelor Mittal: azienda, lavori fermati dove caduto pannello amianto
(AGI) - Taranto, 3 apr. - Sospeso per ora il lavoro nel reparto del siderurgico di Taranto dove ha ceduto un pannello di amianto mentre era in corso una attività di manutenzione. Lo ha deciso Arcelor Mittal. A seguito del distacco del pannello al decapaggio 2 del laminatoio a freddo, Arcelor Mittal ha incontrato oggi pomeriggio, nella sede della direzione di fabbrica, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza comunicando loro di aver informato “gli enti di vigilanza” sull’accaduto e chiamato una impresa specializzata per “interdire la zona interessata e mettere in sicurezza il pannello in esame”. L’azienda ha anche “disposto ed effettuato il risanamento ambientale”. È quanto si legge nel verbale di intesa sottoscritto dai rappresentanti dei lavoratori ed Arcelor Mittal. L’azienda, si legge nel verbale, “ha proceduto all’allontanamento anche del personale presente oltre l’area di cantiere delimitata dalla ditta specializzata ed ha sospeso le attività del reparto Dec 2 sino al ricevimento degli esiti dei campionamenti e in via precauzionale”. Inoltre, si legge nel verbale Arcelor Mittal-sindacati, “al fine di adottare un monitoraggio più ampio dell’evento, è stato disposto un ulteriore campionamento ambientale anche all’esterno della cabina elettrica”. “Il pannello di delimitazione della cabina elettrica è già riportato nel censimento amianto di stabilimento è opportunamente segnalato - si dichiara nel verbale sottoscritto dalle parti - fa parte di un piano di lavoro, ordine già assegnato alla ditta specializzata per la relativa bonifica e che sarà avviato a breve”. “Il tutto - si specifica - sarà condiviso con gli rls secondo quanto previsto dalle procedure aziendali in essere e dalle norme attualmente vigenti in materia. Infine - conclude il verbale - gli esiti dei monitoraggi ambientali saranno comunicato agli rls”. L’intesa con l’azienda é stata sottoscritta da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm. Usb invece sullo stesso episodio ha inoltrato agli organi ispettivi una denuncia nei confronti di Arcelor Mittal parlando di violazioni in materia di sicurezza del lavoro. (AGI)

Articoli correlati

  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Perché non ci convince l'ordinanza del Sindaco di Taranto sull'ILVA
    Ecologia
    Non cita la VIIAS, ossia il documento principale che documenta il rischio sanitario non accettabile

    Perché non ci convince l'ordinanza del Sindaco di Taranto sull'ILVA

    Il Sindaco di Taranto - assieme alla Procura della Repubblica - era stato ufficialmente informato da PeaceLink dell’esistenza della VIIAS (Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario) e del rischio sanitario inaccettabile agli attuali livelli produttivi
    27 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • “La vera rivoluzione è prendersi per mano”
    Editoriale
    Discorso per la fiaccolata a Taranto del 26 febbraio 2020

    “La vera rivoluzione è prendersi per mano”

    A Taranto ci si ammala e si muore per produrre debiti. A Taranto l'ILVA perde 2 milioni di euro al giorno, 135 euro al giorno per ogni lavoratore. Oggi siamo più forti perché tutte le ragioni - anche quelle economiche - sono dalla nostra parte, geometricamente allineate come mai era accaduto prima.
    26 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio
    Ecologia
    E' prevista una fiaccolata

    Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio

    ArcelorMittal ha espresso l'intenzione di andare via da Taranto perché non produce profitti ma solo ingenti perdite. E' il momento opportuno per scendere in piazza e chiedere il fermo dei vecchi impianti ILVA che provocano un rischio sanitario inaccettabile, come documentato dalla VIIAS
    7 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)