Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Amianto

Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro

La denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano lavoratori delle ditte in appalto che hanno operato ignari dell'accaduto.
3 aprile 2019
AGI

Casco ILVA

(AGI) - Taranto, 3 apr. - Il sindacato Usb ha denunciato Arcelor Mittal agli enti ispettivi per alcune violazioni in materia di sicurezza del lavoro nel siderurgico di Taranto. Lo annuncia il sindacato precisando che la denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Inoltre ieri “nell'area Laminazione a freddo (Laf) zona decapaggio 2, mentre venivano svolte attività di manutenzione si è verificato il distacco di un pannello con conseguente caduta di alcune parti contenenti amianto”. Per l’Usb, “l’azienda non ha rispettato le norme di sicurezza previste dalla legge, cioè non ha provveduto all'allontanamento immediato di tutto personale presente nella zona interessata. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano diverse decine di lavoratori delle ditte in appalto che hanno proseguito il loro lavoro ignari dell'accaduto. Inoltre, la stessa azienda - afferma il sindacato - non ha inoltrato comunicazione alle Rls (Rappresentanti dei lavoratori  per la sicurezza) e anche questa mattina i lavoratori hanno svolto le normali attività in presenza del pannello divelto e, quindi, con il rischio di dispersione di fibre di amianto”. “Anche in questa occasione - conclude l’Usb - ArcelorMittal non ha tutelato la salute dei lavoratori e per questo motivo abbiamo denunciato agli enti preposti”. 

Note: Arcelor Mittal: azienda, lavori fermati dove caduto pannello amianto
(AGI) - Taranto, 3 apr. - Sospeso per ora il lavoro nel reparto del siderurgico di Taranto dove ha ceduto un pannello di amianto mentre era in corso una attività di manutenzione. Lo ha deciso Arcelor Mittal. A seguito del distacco del pannello al decapaggio 2 del laminatoio a freddo, Arcelor Mittal ha incontrato oggi pomeriggio, nella sede della direzione di fabbrica, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza comunicando loro di aver informato “gli enti di vigilanza” sull’accaduto e chiamato una impresa specializzata per “interdire la zona interessata e mettere in sicurezza il pannello in esame”. L’azienda ha anche “disposto ed effettuato il risanamento ambientale”. È quanto si legge nel verbale di intesa sottoscritto dai rappresentanti dei lavoratori ed Arcelor Mittal. L’azienda, si legge nel verbale, “ha proceduto all’allontanamento anche del personale presente oltre l’area di cantiere delimitata dalla ditta specializzata ed ha sospeso le attività del reparto Dec 2 sino al ricevimento degli esiti dei campionamenti e in via precauzionale”. Inoltre, si legge nel verbale Arcelor Mittal-sindacati, “al fine di adottare un monitoraggio più ampio dell’evento, è stato disposto un ulteriore campionamento ambientale anche all’esterno della cabina elettrica”. “Il pannello di delimitazione della cabina elettrica è già riportato nel censimento amianto di stabilimento è opportunamente segnalato - si dichiara nel verbale sottoscritto dalle parti - fa parte di un piano di lavoro, ordine già assegnato alla ditta specializzata per la relativa bonifica e che sarà avviato a breve”. “Il tutto - si specifica - sarà condiviso con gli rls secondo quanto previsto dalle procedure aziendali in essere e dalle norme attualmente vigenti in materia. Infine - conclude il verbale - gli esiti dei monitoraggi ambientali saranno comunicato agli rls”. L’intesa con l’azienda é stata sottoscritta da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm. Usb invece sullo stesso episodio ha inoltrato agli organi ispettivi una denuncia nei confronti di Arcelor Mittal parlando di violazioni in materia di sicurezza del lavoro. (AGI)

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • L'amianto colpisce anche il fegato
    Ecodidattica
    E' importante adesso formare una nuova consapevolezza

    L'amianto colpisce anche il fegato

    Un gruppo di ricercatori indipendente ha rilevato la presenza di fibre di amianto nel fegato e nelle vie biliari di pazienti dando un’ulteriore validazione a questa ipotesi. L’amianto sarebbe associato ai colangiocarcinomi, aumentando pertanto il rischio di tumore al fegato, oltre che ai polmoni.
    17 luglio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)