Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Campagne ventoselettive Arpa Puglia

Quartiere Tamburi, diossina 4 volte superiore nel 2018 rispetto al 2016 se il vento viene dall'Ilva

Le analisi del 2018 dei metalli pesanti, delle diossine e del PCB dimostrano che le maggiori concentrazioni si verificano quando il vento proviene dall'area ILVA. Sotto la lente di ingrandimento i wind days. Alcuni inquinanti provengono anche dalle emissioni del porto.
3 aprile 2019
Redazione PeaceLink

Campionatori ventoselettivi (Wind-Select)

Queste analisi di Arpa Puglia non hanno solo misurato gli inquinanti ma anche la loro provenienza mediante la tecnologia WindSelect (WS) che vedete sulla destra.

Arpa spiega: "Lo strumento WindSelect (Monitoring Systems Gmbh, Austria) è dotato di sensore di direzione del vento e di tre cartucce composte da filtro piano per materiale particellare e adsorbente in
schiuma di poliuretano (PUF) per separare i volumi di aria campionata in 1) sottovento, 2) sopravento, e 3) calma di vento con angoli di direzione programmabili. In ogni cartuccia sono stati alloggiati due cilindri di schiuma in poliuretano e una membrana di fibra di quarzo".

Nel settore “sottovento” sono presenti le sorgenti emissive della zona industriale di Taranto, specifica Arpa.

Le analisi dei metalli pesanti, delle diossine e del PCB dimostrano che le maggiori concentrazioni si verificano quando il vento proviene dall'area ILVA. Ma anche il porto contribuisce in modo apprezzabile all'inquinamento da metalli pesanti.

Le analisi sono state svolte nel 2018 sia per i metalli sia per diossine e PCB . Le relazioni Arpa sono allegate a questa pagina web.

METALLI

Si legge nelle conclusioni Arpa: "I risultati delle analisi sui campioni prelevati in modalità vento-selettiva nel corso della campagna svolta dal 9 febbraio al 9 aprile presso la Chiesa Gesù D.L. Tamburi, per le frazioni PM2.5 e PM10, mostrano una netta direzionalità per ferro e manganese (elementi spiccatamente siderurgici) dalla zona industriale, mentre per rame, cromo e zinco la direzionalità è meno evidente pur se presente e apprezzabile, con una provenienza sia dalla zona industriale che portuale. Per il piombo si è riscontrata una provenienza prevalente dalla zona industriale per il PM2.5 e dalla zona portuale per il PM10.
Rame, cromo e zinco mostrano una differente distribuzione con concentrazioni maggiori nella
frazione “fine”, mentre il ferro risulta dominante nella frazione grossolana.
Pur osservando per il ferro e il manganese una maggiore provenienza dall’area industriale, il
porto contribuisce in modo apprezzabile mostrando maggiori contributi per gli altri elementi, in
particolare per il piombo, rame e zinco.
Per alcuni elementi (arsenico, cadmio nichel e vanadio), i valori risultati tutti inferiori ai limiti di
quantificazione.
In ogni caso, pur essendo risultate le concentrazioni dei metalli normati inferiori ai limiti previsti
(i quali non forniscono, tuttavia, garanzia di assenza di effetti sulla salute), per tali metalli e per quelli per i quali la normativa non prevede un limite, si ritiene opportuno rimandare alla competenza della ASL per ogni valutazione sul possibile impatto sulla salute dei valori misurati, di cui alla presente relazione".

DIOSSINE E PCB

Ma le novità stanno nei numeri che indicano una netta prevalenza delle diossine (PCDD-PCDF) dall'area ILVA.

Scrive Arpa: "Nelle 3 cartucce del campionatore WS, relative alla campagna WS c/o Tamburi-Chiesa nel 2018, le concentrazioni si sono attestate su valori compresi tra 5,30 fg TE/m3
(campione sopravento all’area industriale) e 30,72 fg TE/m3 (campione sottovento all’area industriale) e risultano maggiori di quelle rilevate nel corso della precedente campagna svolte nel 2016 nello stesso sito e nelle stesse condizioni operative".

E' da notare come questi valori siano superiori rispetto alla precedente campagna ventoselettiva per le diossine del 2016 in quanto il WindSelect sottovento registra nel 2018 la concentrazione di 30,72 fg TE/m3 (nel 2016 era 7,30 fg TE/m3). Un valore quattro volte superiore nel 2018 rispetto al 2016.

BENZO(A)PIRENE

I valori di questo cancerogeno sono di 0,28 ng/m3 quando il vento viene da ILVA e di 0,04 ng/m3 quando il vento spira in direzione opposta. Quindi, pur non superando il limite di legge (1 ng/m3) si evidenzia una concentrazione 7 volte superiore quando il vento soffia da ILVA verso il quartiere Tamburi.

CONCLUSIONI

Anche qui l'Arpa nelle conclusioni specifica: "Pur essendo risultate le concentrazioni dei microinquinanti organici inferiori alle soglie o ai valori obiettivo previsti, laddove disponibili (i quali non forniscono, tuttavia, garanzia di assenza di effetti sulla salute), per tali inquinanti e per quelli per i quali la normativa non prevede un limite, si ritiene opportuno rimandare alla competenza della ASL per ogni valutazione sul possibile impatto sulla salute dei valori misurati, di cui alla presente relazione".

Allegati

  • Campagna ventiselettiva diossine, PCB e benzo(a)pirene

    Arpa Puglia
    Fonte: http://www.arpa.puglia.it/web/guest/rapporti_qa
    1201 Kb - Formato pdf
    Relazione sulla campagna di monitoraggio di aria ambiente vento-selettiva nel comune di Taranto - quartiere Tamburi – Periodo: dal 10 al 26 aprile 2018.
  • Campagna ventoselettiva metalli pesanti

    Arpa Puglia
    Fonte: http://www.arpa.puglia.it/web/guest/rapporti_qa
    2597 Kb - Formato pdf
    Relazione sulla campagna di monitoraggio di aria ambiente vento-selettiva nel comune di Taranto - quartiere Tamburi – Periodo: dal 9 febbraio al 9 aprile 2018.

Articoli correlati

  • Ecologia

    Siti più inquinati d'Italia: da Sentieri e Inail i numeri di drammatiche bombe sanitarie

    Taranto, Terra dei Fuochi, Brescia, Livorno, Sicilia, Bussi e tanti altri. Il quinto rapporto Sentieri e quello dell'INAIL sulle malattie professionali nei siti di interesse nazionale documentano la mappa di un’Italia avvelenata e devastata in cui aumentano le malattie più gravi
    10 marzo 2020 - Alessio Di Florio
  • Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia
    Ecologia
    Il pentastellato confonde milioni per miliardi

    Il ministro Patuanelli parla di "dieci miliardi di tonnellate" di acciaio prodotte in Italia

    A proposito dell'ILVA il ministro del MISE più volte pronuncia con convinzione numeri privi di senso davanti alla telecamera di Repubblica, confondendosi in un crescendo di amenità senza capo né coda
    5 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura
    Editoriale
    Il Green New Deal per l'ILVA prevede di allungare i tempi di messa a norma degli impianti

    Quando la decarbonizzazione nasconde la fregatura

    Sentirete parlare di un nuovo stabilimento siderurgico "green" per Taranto, con un nuovo piano ambientale ambizioso e all'avanguardia. Non vi fate abbindolare. Il vero scopo del nuovo piano è quello di dare altri due anni di tempo per la messa a norma degli impianti. Intanto la gente muore.
    3 marzo 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)