Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'incontro si svolgerà nel plesso Falcone dell’istituto Pirandello nel rione Paolo VI di Taranto

Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali 

“L’avvio della copertura dei parchi minerali non ha avuto l’effetto sperato sulla riduzione delle polveri sottili”. Lo dice su ArcelorMittal di Taranto l’associazione Peacelink in un documento che consegnerà stamattina al ministro della Pubblica istruzione Lorenzo Fioramonti
21 ottobre 2019
Agenzia stampa AGI

ArcelorMittal: Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali 

Pubblicato: 21/10/2019 08:28 
(AGI) - Taranto, 21 ott. - “L’avvio della copertura dei parchi minerali non ha avuto l’effetto sperato sulla riduzione delle polveri sottili”. Lo dice su ArcelorMittal di Taranto l’associazione ambientalista Peacelink in un documento che consegnerà stamattina al ministro della Pubblica istruzione e Università, Lorenzo Fioramonti, dell’M5s, che incontrerà nel plesso Falcone dell’istituto Pirandello nel rione Paolo VI. Fioramonti oggi è a Taranto per partecipare sia ad una iniziativa IBM che per inaugurare l’anno scolastico della Regione Puglia. Nella primavera 2018, il primo Governo Conte non era stato ancora formato, Fioramonti guidò la delegazione M5s di parlamentari neo eletti e consiglieri regionali pugliesi che incontrò a Taranto le parti sociali sul dossier Ilva.(AGI) 
TA1/TIB ILVA a Taranto

ArcelorMittal: Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali (2) 

Pubblicato: 21/10/2019 08:28 

(AGI) - Taranto, 21 ott. - Per Peacelink, “sicuramente la copertura dei parchi minerali ridurrà la polverosità più evidente costituita dalle particelle grossolane, quelle che si toccano con mano e che ricadono al suolo per gravità. Ma non vi sono segnali di riduzione delle polveri sottili che sono così leggere da non ricadere al suolo per gravità: le polveri sottili (PM10 e PM2,5) “galleggiano” nell’aria e sono pericolose proprio per questo. Esse entrano nei polmoni costituiscono la vera minaccia”. Nel documento per Fioramonti, si legge che “molto probabilmente i parchi minerali non sono la sorgente primaria delle polveri sottili. La sorgente primaria - si afferma - delle polveri sottili è negli impianti dell’area a caldo. A emettere le polveri sottili (PM10 e PM2,5) sono i processi produttivi ad altissima temperatura dell’area ghisa, ossia cokerie, impianto di sinterizzazione, altoforni, convertitori e Grf (Gestione rottami ferrosi). Sono dunque quelli gli impianti più pericolosi”. “I parchi minerali sono fonti di polveri più pesanti che si poggiano sui balconi e finiscono per terra nelle case, ma nei polmoni arrivano in profondità le polveri degli impianti dell’area a caldo. E il vero pericolo è quello. E dobbiamo constatare - rileva Peacelink - che ArcelorMittal non ha fatto passi in avanti nell’abbattere le polveri sottili”.(AGI) 
TA1/TIB

ArcelorMittal: Peacelink, insufficiente coprire parchi minerali (3) 

Pubblicato: 21/10/2019 08:28 

(AGI) - Taranto, 21 ott. - Il documento denuncia poi quello che l’associazione ritiene essere eccesso di mortalità nei quartieri di Taranto vicini al polo siderurgico, ripropone la recente lettera inviata da Peacelink al premier Giuseppe Conte sulle emissioni di CO2 dell’acciaieria e sostiene che il punto di pareggio economico del siderurgico è di 8 milioni di tonnellate di acciaio mentre il 2019 sarà chiuso con 4,5 milioni. “Questo significa - si legge nel documento al ministro - che sotto gli 8 milioni di tonnellate/anno l’Ilva è destinata ad accumulare perdite e non profitti”. Infine a Fioramonti viene fatta una proposta per il suo ruolo specifico di ministro. “A Taranto - si legge - sta nascendo dal basso un movimento di autocostruzione di centraline low-cost per misurare in tempo reale il PM10 e il PM2,5. Sarebbe auspicabile dotare ogni scuola di una centralina di monitoraggio, sia esterna sia interna, da far gestire ai bambini e ai ragazzi con la supervisione dei docenti, con un collegamento alla rete, nello spirito dell’IOT (Internet of Things). In tal modo si potrà sapere in tempo reale quando l’inquinamento esterno è superiore a quello interno, in modo da regolarsi di conseguenza”. (AGI)  
TA1/TIB

Articoli correlati

  • Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita
    Ecologia
    Viene prevista una nuova Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)

    Retroscena ILVA, oggi la firma sul nuovo contratto di affitto e vendita

    Il governo sposta al 2025 il termine della messa a norma degli impianti. La Corte Costituzionale aveva di fatto "chiuso un occhio" sul primo decreto salva-ILVA contando sul fatto che il completamento dell'AIA sarebbe stato compiuto nel 2015. Oggi invece vengono tollerati ben dieci anni di ritardo.
    4 marzo 2020 - Associazione PeaceLink
  • Perché non ci convince l'ordinanza del Sindaco di Taranto sull'ILVA
    Ecologia
    Non cita la VIIAS, ossia il documento principale che documenta il rischio sanitario non accettabile

    Perché non ci convince l'ordinanza del Sindaco di Taranto sull'ILVA

    Il Sindaco di Taranto - assieme alla Procura della Repubblica - era stato ufficialmente informato da PeaceLink dell’esistenza della VIIAS (Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario) e del rischio sanitario inaccettabile agli attuali livelli produttivi
    27 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
  • “La vera rivoluzione è prendersi per mano”
    Editoriale
    Discorso per la fiaccolata a Taranto del 26 febbraio 2020

    “La vera rivoluzione è prendersi per mano”

    A Taranto ci si ammala e si muore per produrre debiti. A Taranto l'ILVA perde 2 milioni di euro al giorno, 135 euro al giorno per ogni lavoratore. Oggi siamo più forti perché tutte le ragioni - anche quelle economiche - sono dalla nostra parte, geometricamente allineate come mai era accaduto prima.
    26 febbraio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio
    Ecologia
    E' prevista una fiaccolata

    Per la salute e contro l'inquinamento in piazza a Taranto il prossimo 26 febbraio

    ArcelorMittal ha espresso l'intenzione di andare via da Taranto perché non produce profitti ma solo ingenti perdite. E' il momento opportuno per scendere in piazza e chiedere il fermo dei vecchi impianti ILVA che provocano un rischio sanitario inaccettabile, come documentato dalla VIIAS
    7 febbraio 2020 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)