Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il 14 novembre sarà presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio

A Taranto il film “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, dibattito con Edouard Martin

Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione. Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia.
26 ottobre 2019

Dopo il successo dell’evento al rione Tamburi, a grande richiesta riproponiamo la proiezione di “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”. Edouard Martin - una figura centrale del documentario di Jérôme Fritel - sarà presente alla proiezione per incontrare il pubblico in un dibattito presentato e moderato da Alessio Giannone alias Pinuccio.

Seconda proiezione a Taranto del documentario “Mittal, il volto nascosto dell’Impero”, diretto da Jérôme Fritel


Lavoratore siderurgico e poi sindacalista di CDFT, Edouard Martin è stato l’icona della lotta operaia dei siti ArcelorMittal in Francia. Nel 2014-2019 eurodeputato nella Commissione dell’Industria, Ricerca ed Energia. Martin è impegnato sui fronti dei diritti del lavoro e dello sviluppo sostenibile, promuovendo la ricerca su energie rinnovabili, idrogeno green, decarbonizzazione. Dal 2014 si è interessato alla situazione di Taranto con la redazione di un rapporto europeo. 

“Mittal, il volto nascosto dell’Impero” esplora i meccanismi di funzionamento della maggiore multinazionale mondiale dell’acciaio attraverso la biografia del magnate Lakshmi Mittal. Il film ne esamina le strategie economiche dando la parola ai suoi stretti collaboratori e CEO, oltre che a economisti, finanzieri, industriali,
europarlamentari, sindacalisti, giornalisti. La struttura piramidale individuale, mantenuta con la maggioranza azionaria della famiglia. L’acquisizione sistematica di impianti in stato precario, iniziata nell’Europa dell’Est post-Comunista. ArcelorMittal gestisce ILVA dal 1° novembre 2018 L’OPA su Arcelor del 2006 che porterà alla posizione dominante in Europa. Il sodalizio con la finanza e la politica. Il regista Fritel ci accompagna in un’ascesa vertiginosa che fa emergere tanto questioni attuali quanto interrogativi su scenari a venire.

Ecco qui il trailer 

https://vimeo.com/369050556

Note: Auditorium Tarentum, Via Regina Elena, 122, Taranto.
14 novembre, ore 20.30. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
L’evento è promosso da Associazione PeaceLink, Isde Massafra, Giustizia per
Taranto, Associazione Giorgio Forever, FLMUniti-CUB Taranto, Palazzo Ulmo.
Da un’idea di Ilaria Lupo.
La proiezione ha luogo per gentile concessione di CAPA Presse. V.o. sott. ita.

Articoli correlati

  • La storia siamo noi
    Laboratorio di scrittura
    Il compito della perseveranza

    La storia siamo noi

    Resistere a una situazione di ingiustizia, di sofferenza e di morte. Dobbiamo perseverare perché altre persone non siano più vittime innocenti. Perché anche per noi e per tutti giunga la primavera.
    7 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Il PIL non misura ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta"
    Editoriale
    Spesso spariscono i dati dei morti e dei malati dai ragionamenti sul futuro di Taranto

    "Il PIL non misura ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta"

    C'è solo il PIL, manca l'uomo, manca il dolore, manca la vita. E' impressionante leggere in queste ore le parole di politici e giornalisti che misurano Taranto e l'ILVA con il solo riferimento al PIL. A costoro dedichiamo le parole di Robert Kennedy sul PIL, ammesso che le abbiano mai lette
    6 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
  • "Fare una legge che consente di violare le leggi è una cosa terribile"
    PeaceLink
    PeaceLink sull'immunità penale per l'ILVA

    "Fare una legge che consente di violare le leggi è una cosa terribile"

    "Lo Stato si riappropri del suo ruolo di tutela dei cittadini, di protezione della salute dei lavoratori. Il governo convochi a Taranto le migliori intelligenze, italiane ed europee, per pensare a un futuro davvero sostenibile".
    Dire
  • Le vere ragioni per cui ArcelorMittal lascia
    Ecologia
    Inviata la comunicazione di recesso e risoluzione del contratto di affitto dell'ILVA

    Le vere ragioni per cui ArcelorMittal lascia

    La chiave interpretativa di questa scelta è nel rigo 12 del comunicato di ArcelorMittal, in cui sostanzialmente si afferma che l'ILVA non è in grado di rispettare l'ultimatum della magistratura circa la messa a norma dell'altoforno numero 2, quello dove morì l'operaio Alessandro Morricella
    4 novembre 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)