Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Conferenza stampa per la fiaccolata del 26 febbraio 2020 a Taranto

La conferenza stampa è stata moderata da Roberto MIssiani e si è svolta presso la biblioteca del convento di San Pasquale
16 febbraio 2020

Ancora una volta, la comunità tarantina si ritrova unita per lanciare un grido di speranza e di amore verso quella bellezza di cui l’intera provincia è vestita.

Così, dedicheremo l’ultima parte dell’evento ai nostri giovani. Lasceremo che proprio loro, dalla cassa armonica di Piazza Taranto non vuole morire

Garibaldi, ci parlino dell’amore per questa terra, del loro desiderio, troppo spesso negato, di restare qui per contribuire, anche attraverso il loro impegno, a rendere la provincia tarantina ancora più bella.

Tuttavia, non dobbiamo, non possiamo e non vogliamo dimenticare la gravissima situazione ambientale e sanitaria che, a causa di industrie altamente impattanti, da ormai oltre 50 anni ferisce e mortifica il territorio e la salute dei cittadini, impedisce uno sviluppo ecocompatibile, umilia la comunità intera. Resterà sempre alta la protesta verso chi continua a preferire produzioni riconosciute come altamente inquinanti alla salubrità dell’ambiente e alla salute degli individui, unico diritto fondamentale garantito dalla Costituzione italiana. Di questo si parlerà nella parte centrale dell’evento.

La manifestazione inizierà con il ricordo dei cari che, per malattie correlate all’inquinamento, in numero insopportabilmente alto ci hanno lasciato prematuramente. Li ricorderemo con un corteo silenzioso che prenderà il via da Piazza Maria Immacolata, attraverserà Via D’Aquino per arrivare in Piazza Garibaldi per il sit in conclusivo. Si chiede, per il rispetto che si deve allo spirito dell’evento, di non esibire bandiere o altri oggetti riconducibili a partiti politici e sindacati.

Molteplici sono stati gli attestati di solidarietà e di vicinanza pervenuti da tutta l’Italia al Comitato organizzatore. Conferenza stampa del 15 febbraio per la fiaccolata del 26 a San Pasquale

Conferenza stampa del 15 febbraio per la fiaccolata del 26 a San Pasquale

Ci giunge notizie che in alcune città italiane si sta pensando di organizzare, in concomitanza con l’evento tarantino, manifestazioni a sostegno della comunità jonica. Vogliamo ringraziare tutti, a cominciare dai cittadini e associazioni di Firenze che daranno vita ad una fiaccolata di solidarietà con Taranto, in Piazza della Repubblica, a partire dalle ore 18.

Ci vediamo in Piazza Maria Immacolata il 26 febbraio, alle ore 17.

Grazie.

Ass. Genitori tarantini-Ets
Peacelink
Comitato Quartiere Tamburi
Ass. Culturale Lovely Taranto-Ets
Terra Libera dai Veleni-Cisternino (Br)
Aps LiberiAmo Taranto
LiberiAmo Taranto/Genitori tarantini-Coordinamento Roma e Coordinamento Milano
Genitori tarantini-Coordinamento Fi
Comitato Donne e Futuro per Taranto libera
V.I.Ta.-Crispiano (Ta)
A.P.S.Pulsano d'A mare
Centro di Educazione Ambientale- Mottola (Ta)
Ass. Vigili del Fuoco sez.Ta
Le Stelle di Lorenzo Onlus
Ass. Rivivi la Batteria Cattaneo-Leporano (Ta)
Comitato Territorio Bene Comune- S.Marzano (Ta)
Gruppo fb "Anche questa è Taranto"
Casa delle Donne del Mediterraneo-Bari
Asd Virtus Pallacanestro-Ta
Asd Polisportiva 74020
Asd Ash Baskin-Ta
Ssa Support_o -Ta
Pax Christi-Ta
Gruppo Teachers for future-Ta
Liberiamo la Basilicata
EHPA Basilicata
ViviAmo S.Giorgio Jonico
Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto
Consulta degli Ordini degli Ingegneri della Regione Puglia
Ordine nazionale dei Biologi
Chiesa Evangelica Battista-Mottola(Ta)
Mamme per la pelle-Milano
Cittadine e cittadini attivi

Note: Ecco gli interventi durante la conferenza stampa:
Martina Andrisani:
"Io, come tanti altri giovani, voglio scendere in campo."
https://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/47314.html

Alessandro Marescotti
Siamo in una fase particolare della vicenda Ilva, dopo la condanna della CEDU del governo italiano, ora siamo nella fase del monitoraggio di questa sentenza e abbiamo un elemento in più, la Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario che dice con chiarezza che con l'attuale livello di produzione c'è un impatto sanitario inaccettabile sulla popolazione del quartiere Tamburi.
https://youtu.be/2etIqeqslVw  

Antonella Massaro, la mamma di Miriam che ha perso la vita a causa di un grave tumore pediatrico. Voglio mandare un messaggio di speranza, un invito a reagire. Dobbiamo continuare a parlare di questo problema, ci fermeremo solo quando gli impianti siderurgici avranno smesso di fumare.
https://youtu.be/euCIri7xHww

Lina Ambrogi Melle
https://studio.youtube.com/video/keOqPgDYuBw/edit

Articoli correlati

  • La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa
    Taranto Sociale
    ArcelorMittal

    La sentenza del TAR per lo stop degli impianti è stata trasmessa al Consiglio Europa

    Legamjonici contro l’inquinamento, una delle associazioni ambientaliste di Taranto, ha trasmesso al comitato dei ministri del Consiglio d’Europa la sentenza dello scorso 13 febbraio del Tar di Lecce che ordina ad ArcelorMittal di spegnere gli impianti inquinanti.
    25 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"
    Taranto Sociale
    Denuncia della Uilm

    "Mancano le tute nello stabilimento siderurgico di Taranto"

    La denuncia, oltre che ad ArcelorMittal, è inviata anche a Spesal, il servizio sicurezza luoghi di lavoro dell’Asl. “I lavoratori da più tempo - afferma la Uilm - da più tempo non riescono ad approvvigionarsi di tute per poter svolgere la propria mansione”.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto
    Taranto Sociale
    Dopo la sentenza del TAR di Lecce

    ArcelorMittal: Peacelink, dopo sentenza nuova fase per Taranto

    "Un'intera comunità deve richiedere che il Recovery Plan finanzi la riconversione dei lavoratori Ilva impiegandoli in attività di bonifica, di utilità sociale e di riqualificazione territoriale. Occorre chiudere definitivamente l'area a caldo così come è avvenuto a Genova e a Trieste”.
    13 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"
    Editoriale
    Ordinato lo spegnimento dell'area a caldo del siderurgico di Taranto

    Per il Tar di Lecce ILVA impone un tributo inaccettabile "in termini di vite e di salute"

    Chiediamo che il nuovo ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, non faccia ricorso contro questa sentenza ma la accolga come una opportunità. La chiusura dell'area a caldo deve essere l'occasione per riprogettare lo sviluppo e porre fine a decenni di sofferenze.
    13 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)