Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Oggi lo ricorda il mondo della scuola

Tommaso Anzoino

E' morto, all'età di 81 anni. Lo ebbi come vicepreside dello storico Liceo Scientifico Battaglini, volto mite e tollerante in una scuola severa e autoritaria. Appassionato di Pasolini fu un punto di riferimento a Taranto per la cultura e per gli insegnanti che volevano rinnovare la scuola.

Tommaso Anzoino La Comunità del Liceo “Archita” si unisce oggi per ricordare Tommaso Anzoino. In sua memoria osserva la sua scuola un minuto di raccoglimento durante le lezioni. Mi unisco al ricordo di Tommaso Anzoino, mio vicepreside quando ero studente al Battaglini. Era un volto mite e un uomo democratico in una scuola allora molto severa e purtroppo autoritaria.

Me lo ricordo quella sera del 1976, ero studente del Battaglini nella lista del Comitato Unitario, che mi accompagnò a casa sulla sua Fiat 124, dopo un infuocato consiglio di Istituto in cui eravamo assieme seduti dalla parte del cambiamento, lui comunista moderato, io molto più impaziente.

Cosa disse Tommaso Anzoino della prima marcia di Altamarea

"E allora ho pensato che la «politica» era quella, quella che sfilava per via Di Palma e via D'Aquino. Quella dei consigli comunali, dei consigli provinciali, dei consigli regionali, era un'altra cosa, anche se si chiama pure lei «politica», la politica dei «sì, ma», dei «no, ma», la politica dei «distinguo », insomma roba da intelletti raffinati, e lì, nel grande corteo, non c'era tempo e modo di fare i raffinati. Ma poi mi è venuto il sospetto che qualcuno, domani, incomincerà con i «sì, ma», incomincerà a parlare di «strumentalizzazione», che sta diventando la parola più diffusa del linguaggio «politico». A me, invece, sembrava che i cittadini si stessero strumentalizzando da soli. I cittadini, non so chi l'ha detto, sono lo strumento non «con cui» altri fanno la politica, ma è uno strumento «che fa» la politica: andatevi a studiare l'ètimo di questa parola".

30/11/2008

Corriere del Mezzogiorno


Studioso di Pasolini, Tommaso Anzoino ha animato momenti di confronto per il rinnovamento della scuola. Me lo vedo ancora alla Chiesa Valdese di Taranto in una affollata assemblea degli insegnanti democratici a cui partecipavo come studente universitario di Filosofia. Quando mi incrociava diceva scherzando: "Ecco un altro disoccupato".

Una sera, in una iniziativa pubblica dell'Arci, gli presentai un database ipertestuale su Pasolini fatto con il Commodore 64 nel lontato 1983. Non sembrò molto incuriosito dallo strumento, allora mi sembrava una grossa novità, ma si mise a controllare se avevo inserito tutte le fonti in quello che allora era - per me - il primo esperimento di ipertesto su un floppy disk. Erano i tempi della Lega Informatica dell'Arci di Taranto e Tommaso Anzoino era assessore alla Cultura.

In lui c'era sempre una vena di disincanto che mi faceva pensare, come nelle canzoni di Francesco Guccini. Io immaginavo che il cambiamento sarebbe arrivato da lì a poco e che lo avrei colto nel pieno della mia giovinezza. Lui aveva uno sguardo sornione che sembrava dire, senza dirmelo, che mi stavo sbagliando e che tuttavia era importante tentare il possibile. Sotto i baffi aveva sempre un sorriso, che tutti ricordano e che tutti hanno apprezzato, al di là di ogni differente veduta sulla vita e sul mondo.

Negli ultimi quindici anni Tommaso Anzoino aveva maturato la convizione che la sua Taranto non avesse più un futuro nella grande industria e aveva scritto sul "Corriere del Mezzogiorno" alcune riflessioni importanti. Insieme a Ernesto Grassi, altro esponente del mondo della scuola e della cultura, fu fra i primi a cogliere che la grande marcia per l'ambiente e la salute di Altamarea del 2008 avesse cambiato la storia dei cittadini di Taranto e che una nuova consapevolezza dovesse prendere il posto di vecchie convinzioni e di sorpassate certezze.

La sua intelligenza, espressa con la leggerezza dell'ironia e del buon senso, sentiva che i tempi erano cambiati e che non si poteva più infierire sulla città, sulla sua città. 

Articoli correlati

  • Taranto, la riscossa è possibile partendo dai tarantini
    Taranto Sociale

    Taranto, la riscossa è possibile partendo dai tarantini

    La visione proposta da Anzoino è reale, ma adagiarsi sarebbe un errore Meglio puntare sulle cose che funzionano. L' articolo di fondo di Tommaso Anzoino apparso il 27 u.sc. su questo giornale dal titolo "Il declino di Taranto" merita certamente qualche riflessione.
    29 maggio 2008 - Enrico Viola
  • Il declino di Taranto, perché la città non conta?
    Taranto Sociale

    Il declino di Taranto, perché la città non conta?

    Una città che possiede uno degli stabilimenti industriali più grandi d'Europa, uno dei porti più grandi del Mediterraneo e addirittura uno stabilimento della nuova presidentessa nazionale della confindustria, e poi il museo archeologico più importante d'Italia, ebbene questa città alcuni hanno l'impressione che conti molto poco nel panorama economico, sociale e soprattutto politico del Paese.
    27 maggio 2008 - Tommaso Anzoino
  • "I morti annunciati di Taranto"
    Taranto Sociale
    Editoriale del Corriere del Mezzogiorno

    "I morti annunciati di Taranto"

    "... Taranto e l’”orgoglio siderurgico”, quella sensazione di sentirsi importanti perché avevamo la più grande e moderna fabbrica di acciaio d’Europa era ben presente, anche in chi la fabbrica la aveva vista solo da fuori..."
    7 agosto 2007 - Tommaso Anzoino
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)