Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

“L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
18 giugno 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

ILVA Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile (2) 

Pubblicato: 18/06/2021 09:01 

(AGI) - Taranto, 18 giu. - “Emerge la necessità di reclamare aria pulita, in particolare per i bambini di Taranto, conforme a ciò che è richiesto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità” rivendica Peacelink. Che attraverso il suo portavoce, Alessandro Marescotti, fa poi una comparazione fra i limiti di tre inquinanti indicati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) relativamente a PM 2,5, PM 10 (sono le polveri sottili) e NO2 (biossido di zolfo) e la situazione rilevata, in termini di media annuale, da tre centraline di monitoraggio che fanno capo ad Arpa Puglia, presenti in altrettante aree diverse di Taranto. In termini di microgrammi per metro cubo, che è l’unità di misura per questi inquinanti, Oms sostiene, rileva Peacelink, che “il PM2.5 non deve eccedere 10 microgrammi per metro cubo come media annuale, il PM10 non deve eccedere 20 microgrammi per metro cubo come media annuale e l’NO2 non deve eccedere 40 microgrammi per metro cubo come  media annuale”. Al rione Tamburi, invece, il quartiere a ridosso dell’acciaieria, ora denominata Acciaierie d’Italia (ArcelorMittal Italia e Invitalia per conto dello Stato) la media annuale dei tre inquinanti secondo la centralina Arpa Puglia è invece di 16.10 microgrammi per metro cubo per il PM 2,5, di 30.23 per il PM10 e di 50.87 per l’NO2. Superamenti dei valori Oms in termini di media annuale ci sono anche, segnala Peacelink, per altre due centraline Arpa: in via Machiavelli, sempre nel rione Tamburi, e in via Alto Adige, nella semiperiferia della città. “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale  della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare e dovrebbero essere garantiti gli standard internazionali relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)”. “Le polveri sottili - rileva infine Peacelink - sono considerate cancerogene dalla Iarc (Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro)”. Infine, “il biossido di azoto (N02) è un gas irritante per l'apparato respiratorio e per gli occhi che può causare bronchiti, edemi polmonari e morti premature. Contribuisce anche al fenomeno delle ‘piogge acide’". (AGI) 
TA1/DAN


Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile 

Pubblicato: 18/06/2021 09:01 
(AGI) - Taranto, 18 giu. - In attesa della sentenza del Consiglio di Stato, chiamato a decidere in appello sulla sentenza del Tar Lecce che lo scorso febbraio ha ordinato lo spegnimento degli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva di Taranto perchè inquinanti, si fa più intenso il pressing delle associazioni ambientaliste per lo stop alla fabbrica siderurgica. Peacelink, una delle più attive sul fronte anti-Ilva, dichiara oggi che “tutti gli studi predittivi (Vds e Vias) indicano un rischio cancerogeno inaccettabile per l'Ilva”. Le due sigle stanno rispettivamente per Valutazione Danno Sanitario e Valutazione Integrata Ambiente e Salute. Peacelink sottolinea inoltre che “i dati dell'anagrafe comunale indicano eccessi di mortalità anche recenti (calcolati fino al 31 dicembre 2020) nei tre quartieri più vicini al polo industriale se confrontati con quelli più lontani”. (AGI)  
TA1/DAN

Note: Taranto, «L'aria non rispetta i limiti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità» https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/taranto/1309150/taranto-l-aria-non-rispetta-i-limiti-dellorganizzazione-mondiale-della-sanita.html

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)